Friborgo
Zurigo
19:45
 
misure-anti-covid-nazionali-berna-decide-di-non-decidere
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
30 min

Omicron spaventa, seduta di crisi del Consiglio federale

Il governo si riunirà domani pomeriggio anziché venerdì. Sul tavolo un pacchetto di misure confezionate dai servizi di Alain Berset
Svizzera
1 ora

CSt, fondi supplementari per il traffico regionale

Treni, autobus, battelli e impianti a fune riceveranno 4,35 miliardi di franchi per il quadriennio 2022-2025
Svizzera
2 ore

Thomas Hefti presidente del Consiglio degli Stati

62enne, di professione avvocato con un proprio studio legale, subentra ad Alex Kuprecht (Udc/Sz)
Svizzera
2 ore

‘Doppia ondata Omicron-Delta porterebbe al collasso’

Parole di Anne Lévy, direttrice Ufsp: ‘Impensabille tenere la variante Omicron fuori dalla Svizzera, ma possiamo almeno frenarne la diffusione’
Svizzera
3 ore

Svizzera, l’inverno si presenta: fino a mezzo metro di neve

Da domenica sera, nelle Alpi centrali e orientali nevica senza interruzione. Nel Canton Glarona, in località Tierfehd, a 800 metri di quota, 49 centimetri
Svizzera
4 ore

Vaccinazione sotto i 30 anni, Ufsp raccomanda Pfizer

Adeguate le raccomandazioni in base ai dati provenienti da analisi internazionali sulle dichiarazioni di miocardite
Svizzera
4 ore

Scrivere alcune parole su Twint può bloccare i pagamenti

A scoprirlo un cliente di un ristorante afghano di Zurigo che aveva scritto ‘Afghanistan’ come causale dell’invio all’amico della propria quota del conto
Svizzera
4 ore

Irène Kälin eletta presidente del Consiglio nazionale

La 34enne argoviese, esponente dei Verdi, ha ottenuto 151 voti su 166 schede valide
Svizzera
5 ore

Argovia, fanno esplodere un bancomat e fuggono con la refurtiva

Il furto ‘col botto’ nella notte presso la filiale Raiffeisen a Vordemwald. Sono una trentina i casi analoghi in mano alla Procura federale
Svizzera
24.11.2021 - 15:290
Aggiornamento : 18:45

Misure anti-Covid nazionali, Berna decide di non decidere

Per il Consiglio federale, sulla base dei dati delle ospedalizzazioni, è ‘prematuro’ inasprire i provvedimenti a livello nazionale

Non ci saranno, almeno per ora, nuove restrizioni a livello nazionale per combattere la pandemia di coronavirus. Lo ha deciso il Consiglio federale basandosi sui dati delle ospedalizzazioni. La decisione è stata influenzata anche dalle grandi differenze esistenti a livello regionale, dovute al tasso di vaccinazione non omogeneo.

Dalla metà di ottobre le infezioni sono in netto aumento, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione. Il numero giornaliero di casi ha registrato un nuovo picco annuale e lo sviluppo esponenziale prosegue (oggi sono stati annunciati 8’585 nuovi contagi, pari a un aumento superiore al 40% in una settimana, ndr).

Parallelamente continuano a crescere anche le ospedalizzazioni, seppure con un certo ritardo, soprattutto tra le persone più anziane. Gli ospedali rimangono dunque sotto pressione: a causa della variante Delta – che, oltre a essere molto più contagiosa di quelle precedenti, può anche portare a decorsi più gravi – le persone infette necessitano più spesso e più a lungo di cure intensive. A ciò si aggiunge la copertura vaccinale relativamente bassa e la maggiore permanenza al chiuso durante la stagione fredda.

Nella fase pandemica attuale si osservano tuttavia grandi differenze regionali: in alcuni cantoni il tasso di infezione è circa sei volte più elevato rispetto a quelli con un’incidenza bassa. Notevoli differenze esistono anche per quanto riguarda il numero dei ricoveri. Per il governo, il nesso tra tasso di vaccinazione e situazione epidemiologica “appare sempre più evidente”.

Nonostante ciò, il tasso globale di occupazione dei posti letto nei reparti di terapia intensiva con pazienti affetti da Covid-19 rimane relativamente basso. Tenendo conto anche delle differenze regionali, il Consiglio federale ritiene al momento “prematuro” inasprire i provvedimenti anti-Covid a livello nazionale.

La situazione rimane cionondimeno “critica” e potrebbe acuirsi ulteriormente nelle prossime settimane. La circolazione del virus tra i giovani potrebbe infatti portare a una maggiore trasmissione del Covid ai gruppi a rischio e a un aumento, “con ogni probabilità molto rapido”, delle ospedalizzazioni.

La tendenza può però essere invertita. Come? Con un cambiamento dei comportamenti della popolazione e un inasprimento dei provvedimenti a livello regionale. Incombe infatti in primis ai Cantoni la responsabilità di disporre i provvedimenti necessari per tenere sotto controllo la situazione. Tra questi, in primo luogo, l’estensione dell’obbligo della mascherina, in particolare nelle scuole, l’obbligo del telelavoro e le limitazioni della capienza.

In data odierna, il Consiglio federale ha pertanto rinnovato ai Cantoni che non vi abbiano già provveduto l’invito ad attuare le raccomandazioni sui test ripetuti e sulla protezione delle case di cura e per anziani e degli ospedali. Berna li esorta inoltre a preparare le strutture ospedaliere “a un nuovo forte sovraccarico”.

Qualora i provvedimenti cantonali non dovessero dare i loro frutti e non si osserverà un cambiamento dei comportamenti, il Consiglio federale proporrà un inasprimento dei provvedimenti a livello nazionale. Per farlo terrà anche conto della situazione negli ospedali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved