il-36-delle-aziende-vittima-di-attacchi-informatici
Keystone
La percentuale di aziende colpite è salita dell’11%
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Migros richiama due prodotti di sushi. Contengono latte.

Si tratta del Rice sandwich salmone e del Sushi wrap salmone affumicato
Svizzera
8 ore

Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà

Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
10 ore

Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux

Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
10 ore

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
10 ore

Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs

‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
10 ore

C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero

Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
10 ore

In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva

Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
11 ore

Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico

Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
18.11.2021 - 17:22
Aggiornamento : 19:15

Il 36% delle aziende vittima di attacchi informatici

Oltre una società svizzera su tre colpita dagli hacker. Un anno fa la percentuale era del 25 per cento

Ats, a cura de laRegione

Oltre un’azienda svizzera su tre è stata vittima di un attacco informatico: il problema ha interessato il 36% delle imprese, un dato assai più elevato del 25% rilevato l’anno scorso, emerge da un sondaggio fra le piccole ditte (da 4 a 49 dipendenti) reso noto oggi.

Si può così calcolare che a livello elvetico circa 55’000 società abbiano dovuto fare i conti con i criminali cibernetici, affermano gli autori dell’indagine condotta da Gfs-Zürich su incarico di Mobiliare, Digitalswitzerland, Alleanza Sicurezza Digitale Svizzera, Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (Fhnw) e Accademia svizzera delle scienze tecniche (Satw).

Gli attacchi più frequentemente citati provengono da malware, virus o trojan (23%). La seconda forma più diffusa è la frode online, la cui quota rispetto al 2020 è più che raddoppiata, salendo dal 6% al15%. Seguono furti di dati (7%), ricatti (6%) e denial of service, cioè l’ingolfamento volontario di un sistema informatico attraverso un’inondazione di richieste esterne (5%).

Secondo gli autori della ricerca, le misure organizzative adottate dalle imprese per accrescere la sicurezza informatica sono insufficienti: meno della metà delle ditte ha implementato un piano di sicurezza, prevede la formazione regolare dei collaboratori e ha fatto eseguire un’analisi di sicurezza.

“Rispetto allo studio dell’anno precedente è aumentato il numero di piccole e medie imprese vittima di attacchi informatici: un dato preoccupante”, afferma Andreas Hölzli, responsabile del centro di competenza rischi cibernetici della Mobiliare, citato in un comunicato. “Le misure organizzative possono completare considerevolmente la protezione. Particolarmente degna di nota è, ad esempio, la formazione dei collaboratori. Altrettanto importanti sono gli audit di sicurezza, ossia un controllo del rischio informatico della propria azienda”.

“Dall’indagine emerge che vi è grande consapevolezza delle minacce, ma non altrettanta della propria vulnerabilità”, osserva da parte sua Nicole Wettstein, responsabile del programma sicurezza informatica della SATW, pure in dichiarazioni riportate nella nota. “Sono ancora molte le Pmi che ritengono di non essere un obiettivo interessante per gli attacchi informatici: in tale ambito c’è ancora molta strada da fare”.

Nel sondaggio, condotto in giugno e luglio fra i dirigenti delle piccole imprese nelle tre principali regioni linguistiche del paese, è emerso anche come il telelavoro si stia affermando: la diffusione della modalità di impiego in questione è infatti raddoppiata rispetto ai livelli pre-crisi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attacchi informatici computer hacker internet sicurezza svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved