escludere-testati-da-certificato-covid-epidemiologi-scettici
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
2 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
2 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
3 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
16 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
17 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
21 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
21 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
22 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
22 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
13.11.2021 - 10:12

Escludere testati da certificato Covid? Epidemiologi scettici

La discussione sul tema si è fatta più intensa questa settimana in Svizzera, anche sulla scia di quanto sta avvenendo in altri paesi

Ats, a cura de laRegione

Inasprire le restrizioni in materia di coronavirus, permettendo l’accesso ai luoghi a rischio solo ai vaccinati e ai guariti? La discussione sul tema si è fatta più intensa questa settimana in Svizzera, anche sulla scia di quanto sta avvenendo in altri paesi, ma gli epidemiologi non nascondono un certo scetticismo.

Di per sé applicando la regola dei 2G al posto del 3G (dal tedesco geimpft, genesen, getestet: cioè vaccinato, guarito, testato) si aumenterebbe la sicurezza, perché il rischio di infezione è inferiore, spiega il professor Marcel Tanner in un’intervista pubblicata oggi dalla Schweiz am Wochenende. Ma il 3G è meglio per la società, perché è una normativa “vivibile” per la grande maggioranza della popolazione. Inoltre secondo l’esperto la seconda G (quella dei guariti) è pure fonte di incertezze: fra le persone in questione sono immuni solo quelle che si sono ammalate veramente, non quelle che si sono leggermente infettate.

Sullo stesso giornale esprime riserve anche Milo Puhan, direttore dell’Istituto di epidemiologia, biostatistica e prevenzione dell’Università di Zurigo. Teoricamente - afferma - il 2G potrebbe offrire un vantaggio, ma non è facile valutare quale sarebbe l’effetto, perché mancano ancora dati scientifici solidi. E questi sono necessari per capire se la normativa è applicabile e se previene effettivamente i contagi.

Per l’epidemiologo Marcel Salathé l’attuale discussione sul 2G non fa altro che distogliere l’attenzione da quelli che sono i veri fattori importanti: servono cioè più vaccinazioni iniziali e rapide vaccinazioni di richiamo. Sono questi, secondo lo specialista, i pilastri che permetterebbero di superare l’inverno senza sovraccaricare il sistema sanitario.

Sempre sullo stesso settimanale Didier Trono, capo del laboratorio di virologia e genetica del Politecnico federale di Losanna (EPFL) mostra di avere una visione abbastanza simile. In Israele, dove i tassi di infezione erano aumentati drammaticamente, l’incidenza è diminuita da quando è stata somministrata la terza dose. Quindi una soluzione c’è e la Svizzera potrebbe attuarla. Inoltre si dovrebbe forse prima accorciare da 48 a 24 ore il periodo di validità dei test antigenici: questo aumenterebbe la sicurezza.

Solo Richard Neher dell’Università di Basilea si dice chiaramente a favore di imporre le restrizioni anche ai testati. A suo avviso appare evidente che le attuali misure anti-pandemia non sono sufficienti per prevenire l’aumento del numero di casi. I test richiesti per accedere al certificato Covid riducono certamente il rischio di infezione, ma rappresentano sempre solo una situazione istantanea. A livello epidemiologico, quindi, il 2G ha perfettamente senso, soprattutto in combinazione con un’intensa campagna di vaccinazione e di immunizzazione di richiamo.

Come noto altri paesi si sono già mossi su questo tema. Il governo austriaco, per esempio, ha introdotto la regola del 2G per ristoranti, turismo, eventi e sport. Lo stesso approccio è stato scelto anche dal Land tedesco della Sassonia. Regole simili saranno applicate anche probabilmente in Olanda nei bar e nei festival. E in Lettonia solo i deputati vaccinati o guariti possono partecipare alle sessioni parlamentari. In Svizzera la regola del 2G è stata introdotta dal comprensorio sciistico di Samnaun (GR)/Ischgl (Austria), a causa delle regole che valgono in Austria.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2g certificato covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved