scatole-nere-sui-nuovi-modelli-di-automobili
Ti-Press
Cambiamenti in vista
Svizzera
14.10.2021 - 18:120
Aggiornamento : 20:40

Scatole nere sui nuovi modelli di automobili

In Svizzera la misura entrerà in vigore nel luglio del 2022. Dal 2024 la misura sarà estesa a tutti i nuovi veicoli

Dal prossimo mese di luglio, anche in Svizzera, i nuovi modelli di automobili private e furgoncini dovranno essere equipaggiati di scatole nere, in seguito all’entrata in vigore di un regolamento dell’Onu. Tale misura sarà estesa nel luglio 2024 a tutte le nuove auto. Il nuovo regolamento, entrato in vigore a fine settembre, deve consentire un importante passo in avanti nei dati sugli incidenti della circolazione, ha precisato oggi a Ginevra la Commissione economica dell’Onu per l’Europa (CEee-Onu). L’obiettivo è di migliorare i sistemi di sicurezza dei veicoli e la sicurezza stradale.

Grazie al nuovo dispositivo, gli inquirenti potranno ricostruire un incidente a partire da 5 secondi prima di quando sarà avvenuto. Approvato nel marzo scorso durante una riunione internazionale, il regolamento verrà applicato dal luglio del 2022 nell’Ue per i nuovi tipi di vetture e di furgoncini. Due anni dopo, l’obbligo verrà esteso a tutti i nuovi veicoli. La Svizzera si allineerà alle disposizioni europee in materia, ha aggiunto all’agenzia Keystone-Ats un portavoce della Cee-Onu. In futuro, il provvedimento verrà poi allargato anche ad altri veicoli, quali ad esempio i camion e i bus.

Persone non identificate

Stando al nuovo regolamento, il veicolo memorizza i dati sull’attivazione e le performance di numerosi sistemi di sicurezza attiva e passiva delle vetture, nonché indicazioni sulla velocità, l’attivazione dell’acceleratore e dei freni e lo stato delle cinture di sicurezza del conducente e del passeggero sui sedili anteriori.

Il dispositivo deve pure registrare l’attività dei sistemi di sicurezza quali i comandi di direzione, nonché l’attivazione di elementi di sicurezza quali gli airbag. Verranno pure analizzati il movimento del veicolo, la sua accelerazione e la sua decelerazione.

Stando al regolamento, infine, i dati registrati non dovranno essere legati al numero d’identificazione del veicolo o al numero del telaio. I dati saranno anonimi, senza possibilità di risalire al proprietario o all’utente del veicolo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved