Zurigo
Young Boys
14:15
 
Udinese
0
Genoa
0
1. tempo
(0-0)
chiesa-e-abusi-in-svizzera-pochi-i-casi-denunciati
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta

Secondo le prime tendente, si profila un SI per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali.
Svizzera
1 ora

Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale

Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
3 ore

‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’

A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
Svizzera
3 ore

Giornata di votazioni federali e cantonali

A livello svizzero gli oggetti in votazione sono la Legge Covid-19, l’iniziativa “Per cure infermieristiche forti” e l’iniziativa sulla giustizia
Svizzera
4 ore

Svizzera, la maggioranza è a favore dell’obbligo di vaccinazione

Lo rivela un sondaggio pubblicato dal SonntagsBlick. Il 63% degli interrogati vorrebbe l’introduzione della regola 2G (vaccinato o guarito)
Svizzera
21 ore

Grigioni, è morto il parapendista caduto domenica ad Arosa

L’uomo era precipitato da un’altezza di una decina di metri ed era in seguito scivolato lungo un ripido pendio
Svizzera
22 ore

Covid, nuove misure a Neuchâtel e San Gallo

Nel cantone romando il livello d’allerta è passato ad arancione, mentre il governo sangallese chiede più controlli nelle aziende e nella ristorazione
Svizzera
22 ore

Invito a sottoporsi al test tornando dal Sudafrica

Tutti i test PCR positivi saranno esaminati approfonditamente sul tipo di variante, rispettivamente sequenziati
Svizzera
1 gior

Cassis telefona al ministro degli esteri cinese

Il direttore del DFAE aveva dovuto rinviare la visita prevista per oggi a causa di un guasto al jet del Consiglio federale
Svizzera
1 gior

Argovia, con 2,6 per mille finisce su terrazza ristorante

La conducente è rimasta illesa. Le hanno ritirato la patente e sarà denunciata al ministero pubblico
Svizzera
1 gior

La selezione dei pazienti da curare è “eticamente devastante”

Lo afferma la sociologa Tanja Krones, secondo cui il triage indica che le risorse limitate non sono utilizzate in modo ottimale
Svizzera
1 gior

Rifiutano di vaccinarsi: l’esercito li licenzia

È successo a cinque militari professionisti del Comando forze speciali. Diversi di loro hanno presentato ricorso al Tribunale amministrativo federale
Svizzera
 
06.10.2021 - 18:540
Aggiornamento : 19:20

Chiesa e abusi, in Svizzera pochi i casi denunciati

Dopo lo scandalo francese facciamo il punto sulla situazione all’interno della Confederazione e in Ticino. Ci sono progressi, ma non molti si fanno avanti

a cura de laRegione

Oltre 300mila sarebbero le vittime di abusi da parte di ecclesiastici francesi e di loro collaboratori, ma quella ferita non si ferma Oltreconfine. Già da tempo la Chiesa cattolica svizzera ha riconosciuto la gravità del problema, sostiene e collabora a commissioni indipendenti ad hoc anche a livello locale. Quest’estate ha inoltre prolungato di cinque anni la validità del fondo di indennizzo creato nel 2016. I numeri però sono ben diversi rispetto a quelli francesi: meno di 400 casi segnalati dal 2010. Risultato di un silenzio nel quale si chiudono non solo molte vittime, ma anche i possibili testimoni.

«Al netto delle ovvie proporzioni tra Svizzera e Francia – in termini di popolazione e di fedeli – l’ecatombe emersa nei giorni scorsi rivela comunque dinamiche analoghe a quelle svizzere: a rischio sono soprattutto le realtà come gli studentati, i collegi, le scuole cattoliche. Ambienti dove vigono l’obbedienza e la sacralizzazione della figura del prete. Gli stessi religiosi vi perpetuano talora una storia di abusi subiti: è questo il caso di colui che approfittò di me quando ero bambino», spiega Jacques Nuoffer, presidente del gruppo di sostegno Sapec.

Nuoffer insiste sull’importanza di un impegno attivo e concreto da parte della Chiesa: «In questi anni siamo riusciti a fare molti passi avanti, come dimostra la scelta della Chiesa di valutare gli indennizzi non solo in base alla gravità degli abusi, ma anche a quella dei traumi che hanno causato: lo stesso colpo di martello ha effetti ben diversi su una bambola di pezza e su una di porcellana. Ora inoltre ci si può anche rivolgere direttamente ai servizi cantonali d’aiuto per le vittime di reati, che sostengono nelle richieste di indennizzo». Intanto però i casi trattati dalla commissione nazionale sono poco più di 40: «Molte vittime preferiscono lasciare sepolto l’accaduto, spesso legato a un lontano passato. Io stesso ho preso coscienza del diritto e dell’importanza di ottenere un riconoscimento solo dopo avere elaborato a lungo il trauma». Una piccola differenza la fa anche l’informazione: «Notiamo picchi di segnalazioni dopo notizie clamorose come quella francese. Quella delle vittime che restano in silenzio è una situazione paragonabile a una pentola a pressione, che solo dopo un certo punto inizia a fischiare».

‘Clima omertoso’

In Ticino la Commissione diocesana di esperti in caso di abusi sessuali è attiva dal 2013, eppure «i casi trattati non superano la decina», come ci spiega il portavoce Dante Balbo. «Purtroppo, nonostante l’impegno del nostro gruppo di giuristi, psicoterapeuti e rappresentanti della Diocesi, sul tema degli abusi vige ancora un clima omertoso: chi sa qualcosa si fa scrupoli a denunciare, nel timore di mettere in difficoltà persone sulle quali ci sono solo sospetti. Come Commissione, facciamo molta attenzione a garantire la massima discrezione e a evitare di dare in pasto innocenti all’opinione pubblica, seppure senza alcuno sconto o copertura per chi risulta responsabile. Ma la reticenza rimane».

La Commissione si coordina con uno psicologo e una psicoterapeuta per accogliere le testimonianze delle vittime, in modo da ascoltarne la storia e metterle nelle condizioni di proseguire un eventuale iter di denuncia. Iter che può portare a un procedimento penale – nel caso in cui non sia già intervenuta la prescrizione –, ma anche a un intervento da parte della Chiesa. «Una volta elaborato un rapporto, lo sottoponiamo alla Diocesi. Nei casi acclarati si arriva a risarcimenti da parte di tribunali ecclesiastici e al sollevamento dei responsabili dai loro incarichi, con riduzione allo stato laicale», precisa Balbo. Che però aggiunge: «Alla reticenza diffusa si somma spesso il fatto che le vittime hanno subito abusi decine di anni prima, col risultato che ricostruire la rete di eventi e responsabilità risulta ostico. Comunque sia, è fondamentale per noi che chiunque sia al corrente di certi episodi, passati o presenti, si faccia avanti senza esitazioni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved