chiesa-e-abusi-in-svizzera-pochi-i-casi-denunciati
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
rocco cattaneo
4 ore

Dal petrolio al sole: Rocco Cattaneo si illumina

Il consigliere nazionale Plr, ex amministratore delegato di City Carburoil, racconta la sua svolta verde. E spiega la sua mozione sulle discariche solari.
Svizzera
12 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
16 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
17 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
17 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
18 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
19 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
20 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
21 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
21 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
23 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
laR
 
06.10.2021 - 18:54
Aggiornamento : 19:20

Chiesa e abusi, in Svizzera pochi i casi denunciati

Dopo lo scandalo francese facciamo il punto sulla situazione all’interno della Confederazione e in Ticino. Ci sono progressi, ma non molti si fanno avanti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Oltre 300mila sarebbero le vittime di abusi da parte di ecclesiastici francesi e di loro collaboratori, ma quella ferita non si ferma Oltreconfine. Già da tempo la Chiesa cattolica svizzera ha riconosciuto la gravità del problema, sostiene e collabora a commissioni indipendenti ad hoc anche a livello locale. Quest’estate ha inoltre prolungato di cinque anni la validità del fondo di indennizzo creato nel 2016. I numeri però sono ben diversi rispetto a quelli francesi: meno di 400 casi segnalati dal 2010. Risultato di un silenzio nel quale si chiudono non solo molte vittime, ma anche i possibili testimoni.

«Al netto delle ovvie proporzioni tra Svizzera e Francia – in termini di popolazione e di fedeli – l’ecatombe emersa nei giorni scorsi rivela comunque dinamiche analoghe a quelle svizzere: a rischio sono soprattutto le realtà come gli studentati, i collegi, le scuole cattoliche. Ambienti dove vigono l’obbedienza e la sacralizzazione della figura del prete. Gli stessi religiosi vi perpetuano talora una storia di abusi subiti: è questo il caso di colui che approfittò di me quando ero bambino», spiega Jacques Nuoffer, presidente del gruppo di sostegno Sapec.

Nuoffer insiste sull’importanza di un impegno attivo e concreto da parte della Chiesa: «In questi anni siamo riusciti a fare molti passi avanti, come dimostra la scelta della Chiesa di valutare gli indennizzi non solo in base alla gravità degli abusi, ma anche a quella dei traumi che hanno causato: lo stesso colpo di martello ha effetti ben diversi su una bambola di pezza e su una di porcellana. Ora inoltre ci si può anche rivolgere direttamente ai servizi cantonali d’aiuto per le vittime di reati, che sostengono nelle richieste di indennizzo». Intanto però i casi trattati dalla commissione nazionale sono poco più di 40: «Molte vittime preferiscono lasciare sepolto l’accaduto, spesso legato a un lontano passato. Io stesso ho preso coscienza del diritto e dell’importanza di ottenere un riconoscimento solo dopo avere elaborato a lungo il trauma». Una piccola differenza la fa anche l’informazione: «Notiamo picchi di segnalazioni dopo notizie clamorose come quella francese. Quella delle vittime che restano in silenzio è una situazione paragonabile a una pentola a pressione, che solo dopo un certo punto inizia a fischiare».

‘Clima omertoso’

In Ticino la Commissione diocesana di esperti in caso di abusi sessuali è attiva dal 2013, eppure «i casi trattati non superano la decina», come ci spiega il portavoce Dante Balbo. «Purtroppo, nonostante l’impegno del nostro gruppo di giuristi, psicoterapeuti e rappresentanti della Diocesi, sul tema degli abusi vige ancora un clima omertoso: chi sa qualcosa si fa scrupoli a denunciare, nel timore di mettere in difficoltà persone sulle quali ci sono solo sospetti. Come Commissione, facciamo molta attenzione a garantire la massima discrezione e a evitare di dare in pasto innocenti all’opinione pubblica, seppure senza alcuno sconto o copertura per chi risulta responsabile. Ma la reticenza rimane».

La Commissione si coordina con uno psicologo e una psicoterapeuta per accogliere le testimonianze delle vittime, in modo da ascoltarne la storia e metterle nelle condizioni di proseguire un eventuale iter di denuncia. Iter che può portare a un procedimento penale – nel caso in cui non sia già intervenuta la prescrizione –, ma anche a un intervento da parte della Chiesa. «Una volta elaborato un rapporto, lo sottoponiamo alla Diocesi. Nei casi acclarati si arriva a risarcimenti da parte di tribunali ecclesiastici e al sollevamento dei responsabili dai loro incarichi, con riduzione allo stato laicale», precisa Balbo. Che però aggiunge: «Alla reticenza diffusa si somma spesso il fatto che le vittime hanno subito abusi decine di anni prima, col risultato che ricostruire la rete di eventi e responsabilità risulta ostico. Comunque sia, è fondamentale per noi che chiunque sia al corrente di certi episodi, passati o presenti, si faccia avanti senza esitazioni».

Leggi anche:

216’000 vittime di pedofilia nella chiesa francese in 70 anni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abusi chiesa svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved