trasporto-merci-sotterraneo-legge-approvata
Keystone
Luce verde dal Nazionale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
1 ora

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
15 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
15 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
16 ore

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
19 ore

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
20 ore

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
21 ore

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
20.09.2021 - 22:130
Aggiornamento : 22:39

Trasporto merci sotterraneo, legge approvata

Anche il Consiglio nazionale si esprime a favore del progetto ‘Cargo sous terrain’. La rete di tunnel dovrebbe essere terminata entro il 2045.

a cura de laRegione

Berna – Nuovo passo avanti in vista della realizzazione di una “metropolitana merci” sotto l’Altopiano. Dopo gli Stati in giugno, oggi anche il Consiglio nazionale ha approvato la nuova legge in materia. La Confederazione non parteciperà al finanziamento della costruzione e dell’esercizio degli impianti.

Il progetto Cargo sous terrain (CST) prevede la realizzazione di una galleria a tre corsie in funzione 24 ore su 24, che collegherà importanti centri logistici dell’Altopiano. La rete di tunnel si estenderà per circa 500 chilometri e dovrebbe essere conclusa attorno al 2045, ha indicato Frédéric Borloz (PLR/VD) a nome della commissione.

Un progetto da 30-35 miliardi

Le merci, che viaggeranno a una velocità di 30 km/h, saranno immesse e ritirate in modo completamente automatizzato attraverso pozzi dotati di montacarichi, per poi essere destinate alla distribuzione attraverso un sistema di logistica urbana. I costi complessivi si situerebbero attorno ai 30-35 miliardi di franchi.

La nuova Legge federale sul trasporto di merci sotterraneo prevede la necessità di una partecipazione a maggioranza svizzera per l’intera durata di vita dell’infrastruttura. Questa sarà integrata nel Piano settoriale dei trasporti come parte a sé stante. I gestori saranno tenuti al principio di non discriminazione: dovranno adempiere al proprio obbligo di trasporto fornendo a tutti pari condizioni di accesso.

Tra gli azionisti di CST figurano FFS Cargo, Swisscom, La Posta, l’aeroporto di Zurigo, la banca cantonale di Zurigo, La Mobiliare, Helvetia, Coop, Migros, Manor, Implenia, Holcim e i gruppi di logistica Rhenus e Panalpina.

Divergenze minori

Nell’esame di dettaglio, il Nazionale ha mantenuto una divergenza con gli Stati per quel che concerne le competenze della Commissione del trasporto ferroviario (ComFerr) che deve avere il potere di giudicare le controversie concernenti il calcolo del prezzo. I “senatori” hanno proposto lo stralcio di questa disposizione proposta dal governo.

Un’altra divergenza riguarda la questione dell’esproprio. Per il Nazionale, la procedura di espropriazione è applicabile non solo se sono falliti i tentativi mediante trattative private o ricomposizione particellare, ma anche “se gli interessi della Confederazione o di imprese parastatali non sono pregiudicati in modo essenziale”.

Altre due divergenze riguardano gli atti preparatori al deposito pubblico della domanda e lo smantellamento in caso di cessazione dell’attività. Nel voto complessivo la legge è stata approvata con 137 voti a 34 e 15 astenuti. Il dossier torna agli Stati per l’esame delle divergenze citate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved