WAS Capitals
COL Avalanche
01:00
 
PIT Penguins
DAL Stars
01:00
 
NJ Devils
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TB Lightning
FLO Panthers
01:00
 
MON Canadiens
SJ Sharks
01:00
 
BUF Sabres
VAN Canucks
01:00
 
DETROIT RED WINGS
COB Jackets
01:30
 
nessuno-sara-obbligato-a-donare-gli-organi
Keystone
Dal consenso esplicito a quello presunto
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Covid, ‘mea culpa’ del Cf sul turismo degli acquisti

Berna ammette degli errori di valutazione sulle multe inflitte all’inizio della pandemia per arginare gli acquisti fuori confine
Svizzera
7 ore

Berna, alpinista muore in un crepaccio

La caduta fatale è avvenuta domenica sullo Jungfraufirn. Il cadavere dell’escursionista recuperato solamente ieri
Svizzera
8 ore

Vaud, clima ostile al parco eolico di Sainte-Croix

L’avvio del cantiere preceduto da attacchi polemici e vandalismi ai danni di promotori e appaltatori dell’opera
Svizzera
8 ore

Verso l’abolizione del divieto per la cannabis

Via libera dalla Commissione sanità degli Stati per l’elaborazione di un progetto ad hoc
Svizzera
9 ore

‘Situazione sfavorevole, sgomberare il campo da false notizie’

Gli esperti evidenziano la ripresa dei contagi soprattutto nei cantoni con bassi tassi di vaccinazione. Occorre convincere gli indecisi e vigilare
Svizzera
10 ore

Gli ospedali fatturano prezzi eccessivi alle complementari

Secondo Mister Prezzi i nosocomi fanno pagare degli extra ai pazienti assicurati in reparto semi-privato o privato
Svizzera
10 ore

In Svizzera 1’240 contagi, cala l’occupazione in cure intense

Il tasso di positività sale al 5,32%. Le terapie intensive sono ora occupate da pazienti Covid al 13,30% e complessivamente al 68,50%
Svizzera
11 ore

In Svizzera si andrà a sciare senza certificato Covid

Lo comunica oggi l’associazione Funivie Svizzere. Gli sciatori dovranno indossare la mascherina nelle cabine e nei locali al chiuso. Ma l’Ufsp frena
Svizzera
12 ore

I ghiacciai svizzeri si riducono nonostante neve ed estate fresca

Perso l’1% del volume nel 2021 a causa del cambiamento climatico. Il ritiro progressivo non rallenta nonostante la perdita sia contenuta
Svizzera
13 ore

Camping Tcs, 2021 da incorniciare malgrado meteo estiva e Covid

In Ticino i pernottamenti nei campeggi sono aumentati del 60% rispetto al 2020, a livello nazionale del 30%. L’88% degli ospiti arriva dalla Svizzera
Svizzera
14 ore

La città di Berna autorizza un raduno contro il Covid Pass

Gli organizzatori della manifestazione hanno concordato piano di sicurezza e percorso del corteo, invitando a non partecipare a raduni non autorizzati
Svizzera
16 ore

Per la terza dose ‘la Svizzera non dovrà aspettare troppo’

Lo ha dichiarato Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic. Probabile la somministrazione inizialmente solo alle persone a rischio
Svizzera
16 ore

Dalla Corea del Nord missile balistico verso il mar del Giappone

L’allarme è stato diffuso dai militari sudcoreani. Il missile è atterrato in mare senza fare danni né vittime
Svizzera
1 gior

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
1 gior

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
1 gior

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
1 gior

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
1 gior

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
1 gior

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
1 gior

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
1 gior

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
20.09.2021 - 21:000

‘Nessuno sarà obbligato a donare gli organi’

Ok del Consiglio degli Stati al controprogetto. Dittli (Plr): ci avviciniamo all’obbligo. La replica di Marina Carobbio, presidente di Swisstransplant.

Chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita; gli stretti congiunti o una persona di fiducia potranno però opporsi alla donazione. È quanto prevede il cosiddetto ‘modello del consenso presunto in senso lato’. Il Parlamento ancora pochi anni fa non ne voleva sentir parlare. Ora però – di fronte a donatori e trapianti in calo, a liste d’attesa che s’allungano e allo scarso successo delle campagne di sensibilizzazione svolte sin qui – ha cambiato idea. Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha approvato (31 voti a 12) le relative modifiche alla Legge sui trapianti che fungono da controprogetto indiretto all’iniziativa popolare denominata ‘Favorire la donazioni di organi e salvare vite umane’.

Attualmente in Svizzera vige il modello del consenso esplicito. Una donazione di organi viene presa in considerazione se la persona deceduta vi ha acconsentito esplicitamente quand’era in vita. In assenza di una dichiarazione di volontà da parte del defunto, spetta ai congiunti decidere. L’iniziativa popolare, lanciata dall’ong giovanile Junior Chamber International col sostegno di Swisstransplant, propone di passare al modello del consenso presunto ‘in senso stretto’, ossia senza il coinvolgimento dei parenti stretti o di una persona di fiducia. I promotori hanno segnalato a più riprese l’intenzione di ritirare il loro testo qualora il controprogetto indiretto fosse stato approvato nella forma attuale. Uno scenario probabile, anche se – visti i toni usati dai contrari durante il dibattito (vedi sotto), che ricordano per certi versi le proteste di no-vax e no-pass contro uno Stato che si intrometterebbe nella sfera privata dei cittadini – un referendum non può essere escluso. Il punto con la consigliera agli Stati Marina Carobbio (Ps), presidente della fondazione Swisstransplant.

Questo è un «buon controprogetto», ha affermato durante il dibattito. Perché?

Perché farà aumentare il numero di donazione di organi e quindi permetterà di salvare delle vite, grazie all’introduzione del modello del consenso presunto, seppure in senso lato. Questo porterà ognuno di noi a confrontarsi con la questione della donazione di organi. Chi non vorrà donare gli organi dovrà riportarlo esplicitamente in un registro. Se uno non lo dichiarerà, varrà il principio che è disponibile all’espianto. Visto poi che il controprogetto prevede il modello del consenso presunto in senso lato, il compito dei parenti stretti verrà facilitato. Oggi loro si trovano spesso in una situazione molto difficile, e in quei momenti dolorosi nel dubbio si esprimono in molti casi contro la donazione. Un domani, se la persona deceduta non si è espressa, si riterrà che la sua volontà sia quella di donare gli organi. Ma i parenti potranno sempre opporsi, se ciò corrisponde alla volontà del defunto.

Secondo il ‘senatore’ Josef Dittli (Plr), il cambiamento proposto non è molto lontano da un obbligo di donazione degli organi.

Non sono assolutamente d’accordo. Qui si tratta di fare in modo che le cittadine e i cittadini si confrontino con la questione. Chiunque potrà tranquillamente dichiarare che non vuole donare gli organi. Nessuno lo obbligherà a decidere altrimenti. La volontà di ogni singola persona sarà rispettata.

Decidere presuppone conoscere: come far sì che la decisione venga presa con cognizione di causa, come garantire il ‘consenso informato’?

Questo è punto importantissimo. Servirà una campagna di informazione di sensibilizzazione a tappeto, per tutta la popolazione. Questa a mio avviso avrà una efficacia maggiore rispetto a quelle svolte sin qui; per il semplice fatto che un domani chiunque sarà maggiormente confrontato con il tema della donazione di organi. Finora, solo con le campagne di sensibilizzazione, non è stato possibile raggiungere l’obiettivo stabilito nel 2013 dal Consiglio federale [20 donatori ogni milione d’abitanti, ndr].

I promotori hanno affermato più volte che con questo controprogetto ritireranno la loro iniziativa. Può confermarlo?

Non è Swisstransplant che ha lanciato l’iniziativa. Però è vero che i promotori hanno dichiarato alle commissioni competenti delle due Camere che se il controprogetto fosse passato in questa forma, avrebbero ritirato l’iniziativa.

Non teme il lancio di un referendum?

Spero che non verrà lanciato. Fosse il caso, spiegheremo alle cittadine e ai cittadini perché questa revisione di legge è così importante. Ad ogni modo, immagino che i promotori vorranno evitare il rischio di veder cadere la legge in votazione popolare e quindi ritireranno l’iniziativa solo al momento opportuno.

Cambiamento di paradigma

Anche i ‘senatori’, al pari dei colleghi del Nazionale, vogliono un altro modello in materia di donazione di organi. Hanno approvato un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare che propone di passare al modello del consenso presunto in senso stretto (vedi sopra). La modifica di legge accolta con 31 voti a 12 è più prudente dell’iniziativa: il consenso presunto è inteso ‘in senso lato’, per tutelare maggiormente i diritti dei famigliari, i quali potranno continuare ad avere la possibilità di rifiutare una donazione di organi se ciò corrisponde alla volontà del defunto. Al voto, l’iniziativa è stata respinta all’unanimità: su questo punto dovranno ancora esprimersi i consiglieri nazionali, che invece l’avevano accolta.

Dure le parole usate da Josef Dittli (Plr). L’urano, che chiedeva la non entrata in materia (sostenuta pure da esponenti del Centro e dell’Udc), ha affermato in sostanza che il fatto di considerare tutte le persone dei potenziali donatori, a meno che non abbiano espresso parere contrario, non è molto lontano da «un obbligo di donazione di organi». Dittli ha parlato di «pesante ingerenza» nella libertà individuale, in contrasto con i valori liberali dello Stato. La conterranea Heidi Z’Graggen (Centro) ha deplorato l’enorme pressione sui congiunti, costretti a decidere in tempi brevi se acconsentire o meno a un prelievo quando il congiunto si trova ancora tra la vita e la morte. Vi è insomma il pericolo di estorcere un ‘sì’ quando la volontà della persona cara non è nota – magari è pure contraria – o non è stata espressa in modo chiaro. Sia Z’Graggen che Hannes Germann (Udc/Sh) hanno inoltre rimproverato al governo di non aver tenuto conto dell’opinione espressa dalla Commissione nazionale d’etica in materia di medicina umana, favorevole invece a dichiarazioni obbligatorie da parte dei cittadini, contattati dalle autorità, in varie fasi della loro vita.

La Svizzera è fanalino di coda in Europa in fatto di donazione di organi, un gesto altruistico che può salvare delle vite, ha affermato, tra gli altri, Marina Carobbio (Ps), stando alla quale nel 2020 sono morte 72 persone in attesa di un trapianto (alla fine del secondo semestre di quest’anno quasi 1’500 persone erano invece in lista d’attesa). Laddove vige il consenso presunto in senso stretto vi è stato effettivamente un incremento dei donatori, ha sostenuto. Con la soluzione governativa molte più persone saranno spinte a farsi avanti per esprimere la loro volontà, ha dichiarato la ‘senatrice’ ticinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved