nessuno-sara-obbligato-a-donare-gli-organi
Keystone
Dal consenso esplicito a quello presunto
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
1 ora

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
15 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
15 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
17 ore

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
19 ore

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
20 ore

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
21 ore

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
Svizzera
23 ore

Gli esperti: ‘Un registro anche per i casi di long-Covid’

Più aumenta il numero di contagi in Svizzera e maggiore è il rischio di danni a lungo termine, si legge sulla stampa domenicale
Svizzera
23 ore

L’onda d’urto dell’eruzione del Tonga arriva anche in Svizzera

Dai grafici dell’Ufficio federale di meteorologia e climatologia si vede una variazione netta e molto breve della pressione tra le 19.00 e le 21.00.
Svizzera
1 gior

Verdi: più collaborazione con l’Europa per il clima

Il presidente ecologista Glättli ha inoltre chiesto un nuovo patto verse: ‘Un Green New Deal, che protegga il clima producendo energia in modo diverso’
Svizzera
1 gior

L’Alleanza di Centro chiede soluzioni pragmatiche con l’Ue

Il partito di Pfister vuole un approccio che preservi la competitività dell’economia elvetica e che tenga conto della sua sovranità
Svizzera
1 gior

Grigioni: dipendente della funivia gravemente ferito

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava effettuando dei lavori di servizio su un pilone della funivia che porta all’Alp Trida Sattel
Svizzera
1 gior

Marco Chiesa critica la politica energetica svizzera

Durante l‘assemblea dei delegati, il presidente dell’Udc ha messo nuovamente in guardia da una ’catastrofe energetica’
Svizzera
1 gior

Per Denner il 2021 è stato un anno da record

L’azienda ha realizzato un giro d’affari di 3,8 miliardi di franchi e ha aumentato la massa salariale dell’1%, portando il salario minimo a 4’200 franchi
Svizzera
2 gior

Vaccini: effetti indesiderati, non serio il 62,7% dei casi

Secondo Swissmedic i casi totali di sospette reazioni avverse sono 11’467 su un totale di 14,5 milioni di dosi
Svizzera
2 gior

Commissione Sanità: frenare l’aumento dei premi di cassa malati

La Commissione sicurezza sociale e sanità del Nazionale entra in materia su due controprogetti indiretti del Governo ad altrettante iniziative popolari
Svizzera
2 gior

Attacchi a Vienna, l’Mpc abbandona procedimento contro svizzero

Non ci sono prove che un islamista di Winterthur sia coinvolto negli attentati dell’autunno 2020. Rimane aperto il fascicolo riguardante un secondo uomo.
Svizzera
2 gior

Gli ospedali pronti ad aumentare i letti per pazienti Covid

In vista di un possibile aumento dei ricoveri, le strutture sanitarie si stanno attrezzando. Berset: ‘Quarantena più breve non esenta dalla prudenza’
Svizzera
2 gior

In Svizzera meno persone in isolamento o quarantena in 24 ore

Scende, dopo diversi giorni, il tasso di riproduzione che resta però superiore a 1. L’occupazione dei pazienti Covid in cure intense resta sotto il 30%
Svizzera
2 gior

Presunti danni da vaccino, chiesti (e respinti) 100 indennizzi

Nessun caso rispettava i requisiti stabiliti dalla Legge sulle Epidemie. Inoltrati reclami anche per disturbi banali come forte sudorazione e stanchezza
20.09.2021 - 21:000

‘Nessuno sarà obbligato a donare gli organi’

Ok del Consiglio degli Stati al controprogetto. Dittli (Plr): ci avviciniamo all’obbligo. La replica di Marina Carobbio, presidente di Swisstransplant.

Chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita; gli stretti congiunti o una persona di fiducia potranno però opporsi alla donazione. È quanto prevede il cosiddetto ‘modello del consenso presunto in senso lato’. Il Parlamento ancora pochi anni fa non ne voleva sentir parlare. Ora però – di fronte a donatori e trapianti in calo, a liste d’attesa che s’allungano e allo scarso successo delle campagne di sensibilizzazione svolte sin qui – ha cambiato idea. Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha approvato (31 voti a 12) le relative modifiche alla Legge sui trapianti che fungono da controprogetto indiretto all’iniziativa popolare denominata ‘Favorire la donazioni di organi e salvare vite umane’.

Attualmente in Svizzera vige il modello del consenso esplicito. Una donazione di organi viene presa in considerazione se la persona deceduta vi ha acconsentito esplicitamente quand’era in vita. In assenza di una dichiarazione di volontà da parte del defunto, spetta ai congiunti decidere. L’iniziativa popolare, lanciata dall’ong giovanile Junior Chamber International col sostegno di Swisstransplant, propone di passare al modello del consenso presunto ‘in senso stretto’, ossia senza il coinvolgimento dei parenti stretti o di una persona di fiducia. I promotori hanno segnalato a più riprese l’intenzione di ritirare il loro testo qualora il controprogetto indiretto fosse stato approvato nella forma attuale. Uno scenario probabile, anche se – visti i toni usati dai contrari durante il dibattito (vedi sotto), che ricordano per certi versi le proteste di no-vax e no-pass contro uno Stato che si intrometterebbe nella sfera privata dei cittadini – un referendum non può essere escluso. Il punto con la consigliera agli Stati Marina Carobbio (Ps), presidente della fondazione Swisstransplant.

Questo è un «buon controprogetto», ha affermato durante il dibattito. Perché?

Perché farà aumentare il numero di donazione di organi e quindi permetterà di salvare delle vite, grazie all’introduzione del modello del consenso presunto, seppure in senso lato. Questo porterà ognuno di noi a confrontarsi con la questione della donazione di organi. Chi non vorrà donare gli organi dovrà riportarlo esplicitamente in un registro. Se uno non lo dichiarerà, varrà il principio che è disponibile all’espianto. Visto poi che il controprogetto prevede il modello del consenso presunto in senso lato, il compito dei parenti stretti verrà facilitato. Oggi loro si trovano spesso in una situazione molto difficile, e in quei momenti dolorosi nel dubbio si esprimono in molti casi contro la donazione. Un domani, se la persona deceduta non si è espressa, si riterrà che la sua volontà sia quella di donare gli organi. Ma i parenti potranno sempre opporsi, se ciò corrisponde alla volontà del defunto.

Secondo il ‘senatore’ Josef Dittli (Plr), il cambiamento proposto non è molto lontano da un obbligo di donazione degli organi.

Non sono assolutamente d’accordo. Qui si tratta di fare in modo che le cittadine e i cittadini si confrontino con la questione. Chiunque potrà tranquillamente dichiarare che non vuole donare gli organi. Nessuno lo obbligherà a decidere altrimenti. La volontà di ogni singola persona sarà rispettata.

Decidere presuppone conoscere: come far sì che la decisione venga presa con cognizione di causa, come garantire il ‘consenso informato’?

Questo è punto importantissimo. Servirà una campagna di informazione di sensibilizzazione a tappeto, per tutta la popolazione. Questa a mio avviso avrà una efficacia maggiore rispetto a quelle svolte sin qui; per il semplice fatto che un domani chiunque sarà maggiormente confrontato con il tema della donazione di organi. Finora, solo con le campagne di sensibilizzazione, non è stato possibile raggiungere l’obiettivo stabilito nel 2013 dal Consiglio federale [20 donatori ogni milione d’abitanti, ndr].

I promotori hanno affermato più volte che con questo controprogetto ritireranno la loro iniziativa. Può confermarlo?

Non è Swisstransplant che ha lanciato l’iniziativa. Però è vero che i promotori hanno dichiarato alle commissioni competenti delle due Camere che se il controprogetto fosse passato in questa forma, avrebbero ritirato l’iniziativa.

Non teme il lancio di un referendum?

Spero che non verrà lanciato. Fosse il caso, spiegheremo alle cittadine e ai cittadini perché questa revisione di legge è così importante. Ad ogni modo, immagino che i promotori vorranno evitare il rischio di veder cadere la legge in votazione popolare e quindi ritireranno l’iniziativa solo al momento opportuno.

Cambiamento di paradigma

Anche i ‘senatori’, al pari dei colleghi del Nazionale, vogliono un altro modello in materia di donazione di organi. Hanno approvato un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare che propone di passare al modello del consenso presunto in senso stretto (vedi sopra). La modifica di legge accolta con 31 voti a 12 è più prudente dell’iniziativa: il consenso presunto è inteso ‘in senso lato’, per tutelare maggiormente i diritti dei famigliari, i quali potranno continuare ad avere la possibilità di rifiutare una donazione di organi se ciò corrisponde alla volontà del defunto. Al voto, l’iniziativa è stata respinta all’unanimità: su questo punto dovranno ancora esprimersi i consiglieri nazionali, che invece l’avevano accolta.

Dure le parole usate da Josef Dittli (Plr). L’urano, che chiedeva la non entrata in materia (sostenuta pure da esponenti del Centro e dell’Udc), ha affermato in sostanza che il fatto di considerare tutte le persone dei potenziali donatori, a meno che non abbiano espresso parere contrario, non è molto lontano da «un obbligo di donazione di organi». Dittli ha parlato di «pesante ingerenza» nella libertà individuale, in contrasto con i valori liberali dello Stato. La conterranea Heidi Z’Graggen (Centro) ha deplorato l’enorme pressione sui congiunti, costretti a decidere in tempi brevi se acconsentire o meno a un prelievo quando il congiunto si trova ancora tra la vita e la morte. Vi è insomma il pericolo di estorcere un ‘sì’ quando la volontà della persona cara non è nota – magari è pure contraria – o non è stata espressa in modo chiaro. Sia Z’Graggen che Hannes Germann (Udc/Sh) hanno inoltre rimproverato al governo di non aver tenuto conto dell’opinione espressa dalla Commissione nazionale d’etica in materia di medicina umana, favorevole invece a dichiarazioni obbligatorie da parte dei cittadini, contattati dalle autorità, in varie fasi della loro vita.

La Svizzera è fanalino di coda in Europa in fatto di donazione di organi, un gesto altruistico che può salvare delle vite, ha affermato, tra gli altri, Marina Carobbio (Ps), stando alla quale nel 2020 sono morte 72 persone in attesa di un trapianto (alla fine del secondo semestre di quest’anno quasi 1’500 persone erano invece in lista d’attesa). Laddove vige il consenso presunto in senso stretto vi è stato effettivamente un incremento dei donatori, ha sostenuto. Con la soluzione governativa molte più persone saranno spinte a farsi avanti per esprimere la loro volontà, ha dichiarato la ‘senatrice’ ticinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved