NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
donazione-organi-dal-nazionale-si-al-consenso-presunto
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
consiglio di stato
6 ore

Friburgo: la destra mantiene la maggioranza

Dopo un primo turno favorevole a socialisti e Verdi, con quattro candidati tra i primi sette, alla fine il risultato è stato ribaltato
votazioni cantonali
7 ore

A Zurigo legge sull’energia pulita, in Vallese stop ai predatori

A Ginevra si potranno destituire i consiglieri di Stato, eredità del caso Maudet. A Basilea Campagna nuovo piano di integrazione per gli stranieri
Svizzera
8 ore

Sì a Legge Covid e cure infermieristiche. Giustizia, secco No

La modifica della Legge Covid passa con il 62%; 61% e maggioranza dei cantoni per le cure infermieristiche. No al 68,1% per il sorteggio dei giudici
Svizzera
11 ore

Nasce ‘Aufrecht Schweiz’, il movimento politico corona-scettico

Gli oppositori alle misure anti-Covid, fra cui gli ‘Amici della Costituzione’, si uniscono in un movimento con l’obiettivo di entrare nelle istituzioni
Svizzera
12 ore

Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta

Secondo le prime tendente, si profila un Sì per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali
Svizzera
13 ore

Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale

Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
14 ore

‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’

A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
Svizzera
14 ore

Giornata di votazioni federali e cantonali

A livello svizzero gli oggetti in votazione sono la Legge Covid-19, l’iniziativa ‘Per cure infermieristiche forti’ e l’iniziativa sulla giustizia
Svizzera
15 ore

Svizzera, la maggioranza è a favore dell’obbligo di vaccinazione

Lo rivela un sondaggio pubblicato dal SonntagsBlick. Il 63% degli interrogati vorrebbe l’introduzione della regola 2G (vaccinato o guarito)
Svizzera
1 gior

Grigioni, è morto il parapendista caduto domenica ad Arosa

L’uomo era precipitato da un’altezza di una decina di metri ed era in seguito scivolato lungo un ripido pendio
Svizzera
1 gior

Covid, nuove misure a Neuchâtel e San Gallo

Nel cantone romando il livello d’allerta è passato ad arancione, mentre il governo sangallese chiede più controlli nelle aziende e nella ristorazione
Svizzera
1 gior

Invito a sottoporsi al test tornando dal Sudafrica

Tutti i test PCR positivi saranno esaminati approfonditamente sul tipo di variante, rispettivamente sequenziati
Svizzera
1 gior

Cassis telefona al ministro degli esteri cinese

Il direttore del DFAE aveva dovuto rinviare la visita prevista per oggi a causa di un guasto al jet del Consiglio federale
Svizzera
1 gior

Argovia, con 2,6 per mille finisce su terrazza ristorante

La conducente è rimasta illesa. Le hanno ritirato la patente e sarà denunciata al ministero pubblico
Svizzera
1 gior

La selezione dei pazienti da curare è “eticamente devastante”

Lo afferma la sociologa Tanja Krones, secondo cui il triage indica che le risorse limitate non sono utilizzate in modo ottimale
Svizzera
05.05.2021 - 17:090

Donazione organi, dal Nazionale 'Sì' al consenso presunto

Chi non vuole donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente da vivo, altrimenti la scelta sarà presa dai congiunti o da persona di fiducia

In Svizzera mancano organi e donatori. Per porvi rimedio il Consiglio nazionale ha adottato un cambiamento di paradigma: chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In mancanza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia.

Negli ultimi cinque anni circa 330 persone sono morte per non aver ricevuto in tempo un organo, ha detto il relatore commissionale Philippe Nantermod (PLR/VS). La Svizzera soffre dunque di una mancanza di donatori, e ciò malgrado il fatto che la grande maggioranza della popolazione svizzera - circa l'80% - sia favorevole alla donazione di organi.

Ciò è dovuto al fatto che, attualmente, vige il sistema di consenso esplicito, nel quale gli organi vengono prelevati solo e unicamente se la persona deceduta ha espresso esplicitamente il suo benestare. Tuttavia, in oltre la metà dei casi i famigliari non conoscono la volontà del defunto, ha affermato Greta Gysin (Verdi/TI).

Per porre rimedio a questa situazione, l'ong giovanile Junior Chamber International (JCI), con il sostegno di Swisstransplant, ha depositato una iniziativa popolare denominata "Favorire la donazioni di organi e salvare vite umane" che propone l'introduzione di un nuovo modello basato sul consenso presunto "in senso stretto". Ciò significa che gli organi di una persona deceduta possono venir espiantati, a meno che quest'ultima non si opponga quando è ancora in vita.

Il Consiglio federale ha invece proposto un controprogetto indiretto - una modifica della Legge sui trapianti - basato sul modello del consenso presunto "in senso lato", per tutelare maggiormente i diritti dei famigliari, i quali potranno continuare ad avere la possibilità di rifiutare una donazione di organi se ciò corrisponde alla volontà del defunto.

Iniziativa: dubbi di UDC, Centro e PLR

In aula, l'UDC, il Centro e parte del gruppo PLR hanno seguito il Consiglio federale e bocciato l'iniziativa. L'assenza di opposizione alla donazione può essere dovuta alla mancanza di informazioni sulle norme in vigore, al fatto di essersi dimenticati di inserire il proprio nome nel registro oppure di non aver discusso dell'argomento, ha ricordato Céline Amaudruz (UDC/GE). L'assenza di opposizione non può quindi essere automaticamente equiparata a un consenso. Coinvolgere i famigliari, come previsto dal controprogetto, è invece un modo per garantire che i presunti desideri della persona vengano rispettati, ha aggiunto la ginevrina.

La donazione di organi è qualcosa di estremamente personale, ha aggiunto Christian Lohr (PPD/TG) ricordando che l'integrità della persona è protetta dalla Costituzione federale. "Il corpo umano non deve essere visto come un magazzino di pezzi di ricambio per altre persone", ha detto il turgoviese.

Gli altri parlamentari hanno invece sostenuto l'iniziativa, che è stata adottata di stretta misura con 88 voti contro 87 e 14 astenuti. Grazie al consenso presunto potremmo raddoppiare il numero di trapianti e salvare quindi un numero maggiore di vite, ha sostenuto Gysin. "Dire 'sì' all'iniziativa significa dire 'sì' alla vita!", ha aggiunto Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE).

"La situazione attuale è insoddisfacente: la soluzione del consenso esplicito non rispecchia la volontà della maggioranza della popolazione", ha detto Beat Flach (PVL/AG). "È vero che la Costituzione protegge l'autodeterminazione e l'integrità, ma la Costituzione protegge anche la salute e la vita di coloro che sono ancora vivi", ha aggiunto Angelo Barrile (PS/ZH), tornato sui banchi del Parlamento dopo un assenza causata da un cancro.

Largo "sì" al controprogetto

La maggioranza dei membri di tutti i gruppi parlamentari hanno poi sostenuto il controprogetto, adottato con 150 voti contro 34 e 4 astenuti: "è una soluzione praticabile che dà una risposta al problema della mancanza di organi", ha affermato Lohr. "Permette di considerare la volontà del paziente e di rispettare la bioetica medica", ha sostenuto Christophe Clivaz (Verdi/VS).

Per Regine Sauter (PLR/ZH) la controproposta ha il vantaggio di "chiarire il ruolo dei famigliari, coinvolgendoli nella decisione". È importante considerare anche gli aspetti etici, e il controprogetto permette di farlo, ha detto Mike Egger (UDC/SG) che ha citato il caso di Lorena, una tredicenne di Ascona che ha avuto bisogno di un trapianto di cuore. "Le campagne di sensibilizzazione non hanno dato i risultati sperati, occorre quindi trovare una soluzione e il controprogetto è un buon compromesso", ha aggiunto Franz Grüter (UDC/LU).

In seno al gruppo UDC sono tuttavia emerse alcune voci critiche: "il controprogetto è illiberale e indegno poiché prende possesso del mio corpo e dei miei organi", ha sostenuto Thomas Aeschi (UDC/ZG). "Ci sarà di fatto un obbligo di donare i propri organi", ha detto Lorenzo Quadri (Lega/TI). Insomma, "il corpo non sarà di proprietà del singolo individuo ma dello Stato", ha aggiunto il ticinese.

Da notare che il popolo potrebbe anche non essere chiamato alle urne: i promotori dell'iniziativa hanno già espresso la loro disponibilità a ritirare il testo qualora il controprogetto dovesse venir adottato. La possibilità di lanciare il referendum rimane comunque garantita. Il dossier passa al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved