sette-ore-a-notte-gli-svizzeri-dormono-il-minimo-raccomandato
Uno su dieci si ricarica facendo un pisolino durante il giorno (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
11 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
12 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
12 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
13 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
13 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
14 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
15.09.2021 - 11:430
Aggiornamento : 12:21

Sette ore a notte: gli svizzeri dormono il minimo raccomandato

E i ticinesi vanno a letto più tardi degli altri. Lo rileva un sondaggio realizzato dall’istituto Link su commissione di Bico, azienda produttrice di materassi

La maggioranza degli svizzeri dorme in media sette ore a notte, il minimo raccomandato dai medici. E i ticinesi vanno a letto più tardi degli altri. Lo rileva un sondaggio realizzato dall’istituto Link su commissione di Bico, l’azienda che produce i materassi “per un sonno sano e profondo”. Secondo l’indagine, nei fine di settimana la durata media del sonno è però più alta: il 20% degli intervistati afferma di dormire nove ore il sabato e la domenica, a fronte di una quota del 5% negli altri giorni.

Ticinesi tiratardi

Nove svizzeri su dieci considerano il sonno un fattore importante per il rendimento. Uno su dieci si ricarica facendo un pisolino durante il giorno. E risulta che gli abitanti della regione francofona lo facciano più spesso degli altri. I ticinesi, invece, sono quelli che vanno a letto più tardi. Mentre gli svizzeri tedeschi e i romandi si coricano in media tra le 10 e le 11 di sera, gli abitanti del sud del paese restano svegli un po’ più a lungo. Inoltre, il 40% di loro dice di sognare spesso o sempre, contro solo il 26% dei germanofoni.

I numeri

Il 28% degli intervistati si addormenta in cinque-dieci minuti. Mentre per gli altri cadere nelle braccia di Morfeo è più difficile: circa uno su cinque ha difficoltà ad addormentarsi. Il 26% ha l’abitudine di leggere un libro prima di chiudere gli occhi. Due persone su tre preferiscono dormire sul fianco, il 14% si addormenta sulla schiena, il 12% sulla pancia, mentre il resto cambia regolarmente posizione. Quasi la metà degli interrogati considera la propria qualità del sonno “molto buona” durante la settimana. E questo tasso sale al 60% nel fine di settimana. Però, solo uno su dieci degli svizzeri dice di dormire tutta la notte senza interruzioni. I fattori che più disturbano il sonno risultano contratture (34%), sudorazione notturna (30%) e mal di schiena (28%). E solo un terzo degli intervistati si sente rilassato quando si sveglia, mentre il 28% soffre di mal di schiena e l’11% dice addirittura di destarsi di notte a causa del dolore. Nel complesso, gli svizzeri tedeschi si sentono più riposati degli altri al mattino.

I russatori

Circa un quarto della popolazione svizzera è affetta da russamento, che può inoltre svilupparsi in apnea del sonno, nota lo studio di Bico, che è stato condotto tra l’11 e il 21 maggio intervistando più di 1000 persone in tutta la Svizzera.

© Regiopress, All rights reserved