ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
16 ore

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
16 ore

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
17 ore

Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera

Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
18 ore

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
18 ore

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
19 ore

Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia

L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
20 ore

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
21 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
1 gior

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
23.06.2022 - 08:40
Aggiornamento: 18:47

Guerra, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata

Lo indica un sondaggio dell’istituto Link. La preoccupazione per un’escalation del conflitto in Ucraina rimane comunque alta

Ats, a cura di Federica Ciommiento
guerra-la-popolazione-svizzera-si-sente-un-po-meno-minacciata

A quasi quattro mesi dall’invasione russa dell’Ucraina, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata rispetto a quando è scoppiata la guerra. La maggioranza è ancora pronta a sostenere le sanzioni economiche contro la Russia e anche provvedimenti di portata maggiore. Le misure militari, invece, sono respinte in maniera chiara. È il risultato di un sondaggio pubblicato oggi dall’istituto di ricerca Link.

Un’ampia maggioranza delle 2’422 persone intervistate dal 3 al 10 giugno approva la politica del Consiglio federale e sostiene la sua interpretazione cooperativa della politica di neutralità della Svizzera. Tuttavia, secondo una dichiarazione di Link, si può notare una crescente divisione politica.

In Svizzera, la preoccupazione per un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina rimane alta. La maggioranza degli intervistati ha espresso la preoccupazione che la Russia possa usare armi chimiche (81%) o nucleari (73%).

Paura di una terza guerra mondiale

Circa due intervistati su tre (63%) temono che il conflitto possa sfociare in una terza guerra mondiale e quasi una persona su due (48%) è preoccupata di un’espansione del conflitto in una guerra più ampia che potrebbe coinvolgere anche la Svizzera.

Secondo Link il fatto che, nonostante queste cifre elevate, in alcuni casi la preoccupazione sia diminuita significativamente rispetto a un primo sondaggio di metà marzo suggerisce un certo effetto di assuefazione. Di fronte alle immagini quotidiane di orrore della guerra, gli intervistati sono ancora consapevoli della minaccia, ma ne hanno meno paura.

Due terzi degli intervistati (64%) nel sondaggio di giugno concordano anche con l’affermazione secondo cui la Svizzera dovrebbe impegnarsi chiaramente nei confronti dell’Ucraina e attuare pienamente le sanzioni dell’Ue contro la Russia. Neutralità e sanzioni economiche non sono quindi in contraddizione per la maggioranza degli intervistati.

Neutralità a destra - sanzioni a sinistra

Allo stesso tempo, la neutralità stessa continua a essere molto apprezzata dalla popolazione, scrive l’istituto di ricerca Link. Il 59% degli intervistati ha dichiarato che la Svizzera dovrebbe rimanere neutrale nei confronti della Russia e dell’Ucraina e una grande maggioranza, pari al 78%, ritiene che la Svizzera dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione in questo conflitto.

La metà degli intervistati a giugno non è d’accordo con l’adesione alla Nato. Sebbene questo rifiuto sia diminuito da marzo – poco dopo l’attacco russo del 24 febbraio – è ancora più del doppio rispetto a coloro che l’approvano (23%). Una più stretta cooperazione tra la Svizzera e la Nato, invece, è ampiamente sostenuta dal 55% degli intervistati.

Mentre il sostegno alle sanzioni e al ruolo di mediazione della Svizzera gode di una maggioranza non partitica, negli ultimi tre anni il divario politico si è allargato su questioni fondamentali legate alla neutralità.

La maggioranza degli intervistati di destra e di centro vuole mantenere la neutralità nei confronti della Russia e dell’Ucraina, una posizione che non è sostenuta da chi si trova a sinistra dello spettro politico. Da marzo il gruppo dei sostenitori della neutralità è aumentato a destra e al centro. Inoltre, a destra, non c’è quasi una maggioranza che sostenga pienamente le sanzioni dell’Ue.

Secondo Link, la situazione è simile per quanto riguarda la Nato: i cittadini di destra dello spettro politico sono più contrari all’adesione alla Nato rispetto a quelli di sinistra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved