guerra-la-popolazione-svizzera-si-sente-un-po-meno-minacciata
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
36 min

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
2 ore

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della Segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
2 ore

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
3 ore

Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers

Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
13 ore

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
16 ore

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
18 ore

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
18 ore

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
18 ore

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
23.06.2022 - 08:40
Aggiornamento: 18:47
Ats, a cura di Federica Ciommiento

Guerra, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata

Lo indica un sondaggio dell’istituto Link. La preoccupazione per un’escalation del conflitto in Ucraina rimane comunque alta

A quasi quattro mesi dall’invasione russa dell’Ucraina, la popolazione svizzera si sente un po’ meno minacciata rispetto a quando è scoppiata la guerra. La maggioranza è ancora pronta a sostenere le sanzioni economiche contro la Russia e anche provvedimenti di portata maggiore. Le misure militari, invece, sono respinte in maniera chiara. È il risultato di un sondaggio pubblicato oggi dall’istituto di ricerca Link.

Un’ampia maggioranza delle 2’422 persone intervistate dal 3 al 10 giugno approva la politica del Consiglio federale e sostiene la sua interpretazione cooperativa della politica di neutralità della Svizzera. Tuttavia, secondo una dichiarazione di Link, si può notare una crescente divisione politica.

In Svizzera, la preoccupazione per un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina rimane alta. La maggioranza degli intervistati ha espresso la preoccupazione che la Russia possa usare armi chimiche (81%) o nucleari (73%).

Paura di una terza guerra mondiale

Circa due intervistati su tre (63%) temono che il conflitto possa sfociare in una terza guerra mondiale e quasi una persona su due (48%) è preoccupata di un’espansione del conflitto in una guerra più ampia che potrebbe coinvolgere anche la Svizzera.

Secondo Link il fatto che, nonostante queste cifre elevate, in alcuni casi la preoccupazione sia diminuita significativamente rispetto a un primo sondaggio di metà marzo suggerisce un certo effetto di assuefazione. Di fronte alle immagini quotidiane di orrore della guerra, gli intervistati sono ancora consapevoli della minaccia, ma ne hanno meno paura.

Due terzi degli intervistati (64%) nel sondaggio di giugno concordano anche con l’affermazione secondo cui la Svizzera dovrebbe impegnarsi chiaramente nei confronti dell’Ucraina e attuare pienamente le sanzioni dell’Ue contro la Russia. Neutralità e sanzioni economiche non sono quindi in contraddizione per la maggioranza degli intervistati.

Neutralità a destra - sanzioni a sinistra

Allo stesso tempo, la neutralità stessa continua a essere molto apprezzata dalla popolazione, scrive l’istituto di ricerca Link. Il 59% degli intervistati ha dichiarato che la Svizzera dovrebbe rimanere neutrale nei confronti della Russia e dell’Ucraina e una grande maggioranza, pari al 78%, ritiene che la Svizzera dovrebbe svolgere un ruolo di mediazione in questo conflitto.

La metà degli intervistati a giugno non è d’accordo con l’adesione alla Nato. Sebbene questo rifiuto sia diminuito da marzo – poco dopo l’attacco russo del 24 febbraio – è ancora più del doppio rispetto a coloro che l’approvano (23%). Una più stretta cooperazione tra la Svizzera e la Nato, invece, è ampiamente sostenuta dal 55% degli intervistati.

Mentre il sostegno alle sanzioni e al ruolo di mediazione della Svizzera gode di una maggioranza non partitica, negli ultimi tre anni il divario politico si è allargato su questioni fondamentali legate alla neutralità.

La maggioranza degli intervistati di destra e di centro vuole mantenere la neutralità nei confronti della Russia e dell’Ucraina, una posizione che non è sostenuta da chi si trova a sinistra dello spettro politico. Da marzo il gruppo dei sostenitori della neutralità è aumentato a destra e al centro. Inoltre, a destra, non c’è quasi una maggioranza che sostenga pienamente le sanzioni dell’Ue.

Secondo Link, la situazione è simile per quanto riguarda la Nato: i cittadini di destra dello spettro politico sono più contrari all’adesione alla Nato rispetto a quelli di sinistra.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra nato neutralità russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved