da-berna-no-all-iniziativa-paesaggio-si-al-controprogetto
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 min

Il divieto di dissimulare il viso sarà nel Codice penale

Il Consiglio federale intende attuare l’iniziativa anti-burqa approvata dal popolo lo scorso 7 marzo. Previste alcune deroghe ed eccezioni
Svizzera
12 min

Il Covid ha pesato meno del previsto sull’assistenza sociale

È previsto un incremento dei beneficiari elevato rispetto agli anni precedenti pari al 14%, ma meno marcato di quanto previsto
Svizzera
2 ore

Multe per il turismo della spesa, il Governo ammette errori

Le multe da 100 franchi elevate durante la prima fase della pandemia non avevano base legale. Il Consiglio federale ammette: “comunicazione insufficiente”
Svizzera
4 ore

Berset propone il certificato Covid anche con sierologico

Le persone guarite potrebbero ottenere il certificato con un test che dimostri la presenza di anticorpi nel sangue. Sarebbe però valido solo in Svizzera
Svizzera
18 ore

Berna, alpinista muore in un crepaccio

La caduta fatale è avvenuta domenica sullo Jungfraufirn. Il cadavere dell’escursionista recuperato solamente ieri
Svizzera
20 ore

Vaud, clima ostile al parco eolico di Sainte-Croix

L’avvio del cantiere preceduto da attacchi polemici e vandalismi ai danni di promotori e appaltatori dell’opera
Svizzera
20 ore

Verso l’abolizione del divieto per la cannabis

Via libera dalla Commissione sanità degli Stati per l’elaborazione di un progetto ad hoc
Svizzera
21 ore

‘Situazione sfavorevole, sgomberare il campo da false notizie’

Gli esperti evidenziano la ripresa dei contagi soprattutto nei cantoni con bassi tassi di vaccinazione. Occorre convincere gli indecisi e vigilare
Svizzera
01.09.2021 - 11:250
Aggiornamento : 18:20

Da Berna 'No' all'Iniziativa Paesaggio, 'sì' al controprogetto

Secondo il Consiglio federale l'iniziativa crea incertezza giuridica. Il testo intende porre fine alla cementificazione all'esterno delle zone edificabili

L'iniziativa popolare "Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)" crea incertezza giuridica e deve essere respinta. Lo raccomanda il Consiglio federale, che sostiene invece il controprogetto indiretto elaborato da una commissione della Camera dei cantoni. Oggi ha trasmesso al Parlamento un messaggio in questo senso.

Depositata lo scorso anno con 104'487 firme valide, l'iniziativa intende porre un chiaro freno alla cementificazione delle superfici naturali e dei terreni coltivati all'esterno delle zone edificabili, conferendo ai Cantoni la responsabilità diretta della protezione della natura e del paesaggio.

Secondo il testo, lanciato da Pro Natura, BirdLife Svizzera, Patrimonio svizzero e dalla Fondazione svizzera per la protezione e la pianificazione del paesaggio, il numero di edifici e la loro superficie nelle zone non edificabili dovrebbe rimanere invariato.

Il Consiglio federale accoglie favorevolmente l'orientamento dell'iniziativa, e in particolare il rafforzamento del principio di separazione proposto, così come l'auspicata limitazione del numero di edifici e della loro superficie per frenare la continua perdita di terreno coltivo, precisa in una nota. Ritiene tuttavia che il testo lasci aperte importanti questioni relative all'attuazione, e in particolare come l'auspicato obiettivo debba essere concretamente raggiunto.

Questi punti fondamentali dovrebbero perciò essere chiariti a livello legislativo, senza che dal testo dell'iniziativa si possano desumere direttive chiare al riguardo, prosegue l'Esecutivo, aggiungendo che non è neppure sufficientemente chiaro se le diverse disposizioni giuridiche in vigore, in particolare quelle che concernono le prescrizioni vigenti in materia di agricoltura non dipendente dal suolo, siano compatibili con l'articolo costituzionale proposto. Insomma, per il Consiglio federale in caso di "sì" all'iniziativa, il quadro giuridico in materia di costruzioni al di fuori delle zone edificabili rimarrebbe incerto per un lungo periodo di transizione.

La decisione di non appoggiare l'iniziativa era già stata presa il 18 dicembre 2020, ricorda il Governo, che ha pure rinunciato a proporre un suo controprogetto e preferisce appoggiare quello messo a punto dalla Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S), che è in consultazione fino al 13 dicembre.

Il controprogetto mira a stabilizzare il numero di costruzioni al di fuori delle zone edificabili dando ai Cantoni un maggior margine di manovra, tenendo conto delle rispettive particolarità. Alcuni elementi della revisione della legge sulla pianificazione del territorio (LPT) integrano e concretizzano le richieste di fondo dell'iniziativa sul paesaggio.

Per stabilizzare il numero di edifici e impianti si prevedono, principalmente, contributi che coprano i costi per la demolizione delle strutture ubicate fuori delle zone edificabili. I contributi sarebbero finanziati dai Cantoni con la partecipazione della Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved