23.08.2021 - 16:06

Brogli ai test? Multe non ammesse

Il Tram zurighese bacchetta l'università che aveva introdotto nel suo regolamento la possibilità di sanzionare gli studenti con multe fino a 4'000 franchi

Ats, a cura de laRegione
brogli-ai-test-multe-non-ammesse
(Depositphotos)

L'Università di Zurigo ha introdotto nel suo regolamento la possibilità di infliggere multe fino a 4'000 franchi agli studenti che plagiano. A seguito di un ricorso, il Tribunale amministrativo del Cantone di Zurigo ha stabilito che questo articolo del regolamento era inammissibile.

Una misura disciplinare di questo tipo necessita una base legale e l'università non può imporre una multa, ha indicato oggi il tribunale. L'Associazione degli studenti dell'Università di Zurigo (VSUZH) aveva inoltrato un ricorso contro questo articolo del regolamento.

Misura disciplinare rifiutata

In linea di principio, un'istituzione di diritto pubblico come l'Università di Zurigo può stabilire delle regole in un'ordinanza o in un regolamento interno e punire le violazioni. Tuttavia, le misure disciplinari devono servire alla missione specifica dell'istituzione per garantire il suo buon funzionamento ed essere limitate a questo scopo, ha sottolineato la sentenza del tribunale.

L'Università di Zurigo voleva introdurre nuove sanzioni, come il servizio civile fino a 40 ore o una multa fino a 4'000 franchi. Queste sanzioni "sono un'aggiunta ragionevole ai rimproveri scritti o all'esclusione, soprattutto nei casi di plagio", ha scritto l'università nel maggio 2020.

La VSUZH si rallegra che questo articolo sia stato abrogato. L'associazione si dice pronta "a collaborare in maniera costruttiva con l'università per elaborare un regolamento disciplinare conforme ai principi dello Stato di diritto", scrive in una nota odierna. La sentenza del tribunale amministrativo può essere ancora impugnata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved