avremmo-preferito-un-altra-variante
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini

Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
17 ore

Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento

Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
17 ore

Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos

A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
18 ore

Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera

Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
18 ore

Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio

Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
19 ore

Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima

Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
20 ore

La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere

Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
20 ore

Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato

Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
23 ore

Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera

Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
1 gior

Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese

Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
Svizzera
1 gior

Forum economico, verso un accordo sul gas tra Berna e Berlino

Wef di Davos: Svizzera e Germania vogliono aiutarsi a vicenda in caso di crisi energetiche come quella scaturita dalla guerra in Ucraina
25.09.2021 - 09:49

‘Avremmo preferito un’altra variante’

Il rettore dell‘Università di Zurigo Michael Schaepman critica l’obbligo di certificato Covid negli atenei. ’L’istruzione deve essere accessibile a tutti’

Il rettore dell’Università di Zurigo Michael Schaepman è critico nei confronti dell’obbligo del certificato Covid negli atenei, perché a suo avviso è in gioco l’accesso alla formazione. Mostra inoltre perplessità anche riguardo alla pressione operata dall’autorità verso la vaccinazione in mancanza di un chiaro obiettivo vaccinale.

La decisione di introdurre l’imposizione del pass all’università poco prima dell’inizio del semestre è stata “estremamente difficile“, afferma Schaepman in un’intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. "Avremmo preferito un’altra variante”, aggiunge. "Per molto tempo abbiamo supposto che la Confederazione avrebbe permesso l’insegnamento in presenza senza un certificato, ma con la mascherina. Purtroppo le cose sono andate diversamente”.

“Dal mio punto di vista, la decisione è stata presa senza un processo di consultazione molto dettagliato e senza il nostro coinvolgimento come università direttamente interessata e più grande della Svizzera: da qui la sorpresa", prosegue il rettore. "Abbiamo dovuto reagire molto rapidamente”.

L’ateneo si è visto costretto a introdurre il certificato. “Per noi non c’erano alternative alla decisione. Riempire le aule solo per due terzi, come sarebbe consentito, è completamente irrealistico per l’università di Zurigo. Abbiamo aule che sono regolarmente piene al 105%. Anche il puro insegnamento online non è una strada praticabile per gli studenti a medio termine. Gli ultimi tre semestri lo hanno dimostrato. Quindi l’unica cosa che rimaneva era il requisito del certificato”.

Schaepman non nasconde che si è trattato di una decisione problematica. “L’obbligo del certificato in un ristorante o in un cinema è una cosa, si tratta di attività di svago, ma un’università deve garantire che l’istruzione sia accessibile a tutti. Il diritto all’istruzione deve avere la massima priorità e non deve essere compromesso”. Il rettore afferma di conseguenza di avere comprensione per gli studenti che hanno organizzato una dimostrazione. Secondo il 55enne la Confederazione dovrebbe assumersi i costi dei test Covid fino a quando vige un obbligo di certificato negli atenei.

Il geografo con studi a Zurigo e negli Stati Uniti critica anche su un altro fronte l’operato del governo federale. “Credo che la Svizzera abbia bisogno di un obiettivo di vaccinazione chiaro. Durante una crisi lavorare verso un obiettivo è molto più facile che regolare il presente e imporre misure a breve termine basate sulle cifre attuali del contagio". La Danimarca ha revocato tutte le misure con un tasso di vaccinazione dell’80%, argomenta l’intervistato. "In Svizzera manca un tale obiettivo di vaccinazione. Questo è un problema”.

“Le persone diventano scettiche se hanno la sensazione che qualcosa venga nascosto", prosegue Schaepman. "Con l’attuale obbligo di ottenere un certificato e la cessazione dell’assunzione dei costi per i test gratuiti c’è una maggiore pressione a farsi vaccinare. Penso che questo sia problematico. Le autorità dovrebbero comunicare più apertamente un obiettivo raggiungibile”.

Il rettore considera inoltre esagerati i controlli a tappeto nelle università. “Abbiamo un tasso molto alto di studenti che sono molto ragionevoli e riflessivi. La maggior parte sono vaccinati, in definitiva stiamo parlando di una quantità irrisoria di possibili violazioni", afferma. "Faccio sempre un semplice paragone: il conducente del tram ha il diritto di controllare i biglietti nel tram, ma il suo lavoro è quello di guidare il tram. I nostri docenti hanno il diritto di controllare gli studenti: ma prima di tutto devono fare la lezione e impartire la materia. È per questo che sono impiegati, non per controllare i certificati. Fra l’altro questo vale anche per i nostri dottorandi e per i docenti di medio livello”, conclude.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid università
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved