tpf-chiesti-4-anni-per-ex-quadro-della-seco
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
29 min

Cure intense e triage, peseranno anche sforzi richiesti e durata

L’Accademia svizzera delle scienze mediche (Assm) ha aggiornato le linee guida per le scelte da parte dei sanitari in caso di sovraccarico dei reparti
Svizzera
51 min

Marchesi: ‘Via il divieto di gare automobilistiche in circuito’

Il Consigliere nazionale Piero Marchesi ha depositato un’iniziativa parlamentare. Il divieto risale al 1955 in seguito al grave incidente a Le Mans
Svizzera
1 ora

Dai cantoni grandi sforzi per aumentare le vaccinazioni

Squadre mobili, ‘vaxbus’ e campagne mirate: molte le strategie messe in atto. Dopo le vacanze estive il numero di vaccinazioni è tornato ad aumentare
Svizzera
1 ora

Oltre il 17% degli alunni svizzeri è in sovrappeso

Lo rivela uno studio di Promozione Salute Svizzera su 29’000 alunni di nove cantoni, fra cui i Grigioni, e quattro città. Pesano nazionalità ed estrazione sociale
Svizzera
1 ora

80 milioni allo sport, dentro ‘Velodromo Ticino’ e Pse luganese

Unanimità agli Stati sul credito per la promozione dello sport in Svizzera per il periodo 2022-2027, in cui sono inclusi i due progetti ticinesi
Svizzera
2 ore

Per il Ceo di Moderna la pandemia nel mondo finirà tra un anno

Secondo Stéphane Bancel, entro la metà del 2022 ci saranno dosi sufficienti per vaccinare tutti sul pianeta. Allo studio vaccini combinati per Covid e influenza
Svizzera
3 ore

In Svizzera pochi posti di sosta per nomadi Jenish, sinti e rom

Lo sostiene il Centro svizzero di competenza per i diritti umani. I proprietari di terreni privati hanno il diritto di offrire il loro terreno
Svizzera
04.08.2021 - 12:180
Aggiornamento : 21:33

Tpf: chiesti 4 anni per ex quadro della SECO

L'ex funzionario Seco è accusato di corruzione passiva nell'acquisto di materiale informatico: avrebbe favorito tre aziende in cambio di benefici economici

Quattro anni di reclusione e una pena pecuniaria di 40 aliquote giornaliere da 50 franchi: è la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) per l'ex funzionario della SECO accusato di corruzione passiva nell'acquisto di materiale informatico.

Nella sua arringa di tre ore davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona, il procuratore ha definito oggi "alta" l'energia criminale dell'ex capo di servizio presso la Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Le sue responsabilità sono nel complesso pesanti e hanno danneggiato la SECO "in misura considerevole", ha detto il rappresentante dell'accusa.

I fatti risalgono al periodo tra il 2004 e il 2014. Responsabile delle acquisizioni per il centro elaborazione dati dell'assicurazione contro la disoccupazione, l'ex alto funzionario, oggi 68enne, deve rispondere di infedeltà nella gestione pubblica, falsità in documenti e corruzione passiva.

Le richieste per i coimputati

Il processo, iniziato lunedì scorso, durerà due settimane. Sul banco degli imputati siedono anche i direttori di tre aziende che avrebbero corrotto l'ex funzionario.

Per due coimputati, le richieste di pena corrispondono a due anni di reclusione, di cui 8 mesi da scontare, e rispettivamente a tre anni di reclusione da scontare, oltre a pene pecuniarie di 20 aliquote da 300 franchi e rispettivamente di 30 aliquote da 160 franchi.

I due uomini d'affari devono rispondere di amministrazione infedele, ripetuta falsità in atti, corruzione attiva, complicità in infedeltà nella gestione pubblica, e uno dei due anche di riciclaggio di denaro.

Per il terzo coimputato, il procuratore ha richiesto una pena pecuniaria sospesa di 120 aliquote da 80 franchi, per l'accusa di corruzione attiva.

Offerte manipolate

Secondo l'accusa, l'imputato principale avrebbe manipolato le valutazioni di offerte inviate dalle tre società per dare loro la preferenza. Così facendo, avrebbe ostacolato la libera concorrenza e causato danni materiali e immateriali alla SECO e alla Confederazione.

In cambio, l'ex quadro della SECO avrebbe ricevuto benefici per un totale di oltre 1,7 milioni di franchi. Questi includevano in particolare inviti, sponsorizzazioni per eventi, denaro e regali. Avrebbe ad esempio ricevuto biglietti d'ingresso per partite di calcio in diverse occasioni. Anche terzi avrebbero beneficiato della "generosità" delle aziende.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved