ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
2 ore

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
14 ore

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
14 ore

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
14 ore

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
16 ore

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
17 ore

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
17 ore

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
17 ore

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
27.07.2021 - 19:01

Peronospera e oidio dilagano nelle vigne svizzere

Piogge e grandine lasciano il segno. In Ticino malattie ‘già visibili e difficili da controllare’. Trattamenti da ripetere dopo ogni precipitazione.

peronospera-e-oidio-dilagano-nelle-vigne-svizzere
Keystone
Un’estate da incubo

Sion – Il settore vinicolo svizzero, come nel resto dell'Europa, sta soffrendo di attacchi di peronospora e oidio causati dalle piogge dell'inizio dell'estate. Per combattere questi funghi, i viticoltori devono ripetere i trattamenti dopo ogni precipitazione.

Le ripercussioni delle condizioni climatiche del 2021 sulla produzione di uva non sono ancora note, ma dovrebbero logicamente pesare sulle quantità prodotte anche se l'impegno dei viticoltori dovrebbe limitare i danni. "A memoria dei viticoltori, non si è mai vista così tanta pioggia", ha detto martedì a Keystone-ATS Pierre-André Roduit, capo dell'ufficio viticolo del Vallese.

Infezioni ogni giorno

La diffusione della peronospora, una malattia fungina epidemica favorita da un clima molto umido e caldo, è esplosa. "Quest'anno, abbiamo visto infezioni ogni giorno. Non avevamo mai sperimentato nulla di simile", ha detto Pierre-Antoine Héritier, presidente della federazione vallesana dei viticoltori, sottolineando che il cantone gode di un clima solitamente secco.

La peronospora, che attacca prima le foglie, si diffonde raramente all'uva in Vallese. Con questo clima molto complicato, gli specialisti stanno anche tenendo d'occhio la diffusione dell'oidio, un altro fungo che può causare gravi danni.

Il sud delle Alpi non sta meglio. Già duramente colpito da due episodi di grandine in luglio, che hanno causato perdite fino al 90% in alcune località come Bellinzona, il nord del Ticino deve anche fare i conti con lo sviluppo di malattie fungine "già visibili e difficili da controllare", dice Giovanna Gilardi, portavoce del servizio agricolo ticinese. Anche il sud del Ticino, da tre giorni sotto l'acqua, è preoccupato per la comparsa della muffa.

A Vaud, la situazione è altrettanto "insolita", nota Olivier Viret, capo del Centre de compétences culture spéciale. Dopo un mese caldo di giugno in cui le viti sono cresciute molto, la pioggia caduta dal 20 giugno a oggi ha scatenato il ciclo delle infezioni. "Abbiamo una combinazione di fattori negativi", sottolinea Olivier Viret, riferendosi alla grandine che ha recentemente colpito tutte le regioni del cantone tranne la Côte, in particolare Concise, Aigle e il Lavaux.

Trattamenti da ripetere

Per combattere queste malattie fungine, le viti devono essere trattate preventivamente, ma i ricorrenti periodi di pioggia hanno reso la vita difficile ai viticoltori, perché i trattamenti devono essere applicati quando le viti sono asciutte. E siccome l'effetto non è eterno, è necessario ricominciare dopo ogni precipitazione, riassumono i vari interlocutori.

Non è ancora possibile tracciare un bilancio perché le varie regioni sono state colpite in modo diverso. Se il tempo si stabilizzerà in agosto e settembre, sarà ancora possibile ottenere un raccolto di buona qualità nei vigneti risparmiati dalla grandine in Ticino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved