riscaldamenti-pressione-sempre-alta-sui-proprietari-di-case
Ti-Press
Il 70% delle 1,8 milioni di case esistenti in Svizzera sono insufficientemente isolate dal punto di vista termico
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
37 min

Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri

Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
2 ore

Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza

L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
Svizzera
6 ore

Nell’arco alpino inevitabile un aumento delle temperature

L’incremento sarà compreso tra 0,5 e 1,5 gradi nei prossimi 20-30 anni. Previste meno piogge in estate, ma di più nelle altre stagioni.
Svizzera
6 ore

Bambino scomparso amante dell’autopostale ritrovato su un bus

Il piccolo di sette anni è montato in sella alla sua bicicletta per raggiungere la stazione di Sion dove è salito sul mezzo
Svizzera
17 ore

Migros richiama due prodotti di sushi. Contengono latte.

Si tratta del Rice sandwich salmone e del Sushi wrap salmone affumicato
Svizzera
21 ore

Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà

Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
23 ore

Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux

Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
23 ore

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
23 ore

Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs

‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
1 gior

C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero

Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
1 gior

In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva

Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
1 gior

Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico

Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
1 gior

Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera

Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
1 gior

I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea

Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
Svizzera
1 gior

Adolescente accoltella mortalmente la madre

Dramma familiare a Sierre. I fatti risalgono alla notte su lunedì; il ragazzo, un 14enne, si trova ora in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior

Aumentano i fallimenti in Svizzera. Ma non in Ticino

Nei primi quattro mesi dell’anno 1’448 aziende hanno dovuto chiudere per insolvenza (+15% rispetto al 2021), 85 a sud del Gottardo (-10%)
Svizzera
1 gior

Convivenza lupo-pecore: così proprio non va

Per l’Associazione svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori ‘non esiste una protezione delle greggi che funziona’
Svizzera
1 gior

Api, colonie decimate durante l’inverno in Svizzera

Il 21% non è sopravvissuto alla stagione fredda: la perdita più elevata degli ultimi dieci anni
Svizzera
1 gior

Luce verde ai 286 convogli ‘firmati’ Stadler per le Ffs

Il Tribunale federale respinge il ricorso della francese Alstom e conferma l’appalto all’azienda elvetica
Svizzera
1 gior

Vaiolo delle scimmie, c’è un secondo caso in Svizzera

Dopo il contagio nel Canton Berna, è la volta di un ginevrino. Anche quest’ultimo reduce da un viaggio all’estero
Svizzera
1 gior

Cartella informatizzata del paziente, le autorità ci credono

Malgrado solo uno svizzero su mille la utilizzi, per Confederazione e Cantoni ‘siamo sulla buona strada’. E puntano al suo rilancio
Svizzera
1 gior

Profughi ucraini, la Svizzera ammicca alla banca dati Ue

Per Karin Keller-Sutter aderire alla piattaforma dell’Unione europea ‘eviterebbe doppie registrazioni e irregolarità. Ne guadagnerebbe la credibilità’
Svizzera
1 gior

Vuoi il booster per viaggiare? Lo paghi di tasca tua

Ufficio federale della sanità pubblica intenzionato a fatturare la somministrazione della quarta dose di vaccino per recarsi all’estero
Svizzera
1 gior

Luce verde al salvagente per le società elettriche

La maggioranza della commissione sposa il piano elaborato dal governo per sostenere le grandi aziende. Con lievi correttivi
Svizzera
1 gior

Coronavirus, sotto i diecimila casi in una settimana

Negli ultimi sette giorni le nuove infezioni in Svizzera sono state 8’125. In calo anche i decessi (da 12 a 10) e i ricoveri (da 150 a 100)
Svizzera
1 gior

‘Anche la società civile’ alla conferenza sull’Ucraina di Lugano

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani scrive una lettera aperta al Consiglio federale
Svizzera
1 gior

‘Il Consiglio federale ha inizialmente sottovalutato il Covid’

È la posizione delle commissioni Gestione in un rapporto divulgato oggi. Eccessivo il peso del Dipartimento dell’interno rispetto agli altri dipartimenti
07.07.2021 - 22:15

Riscaldamenti, pressione sempre alta sui proprietari di case

Dopo il ‘no’ alla legge sul CO2 arrivano regole (e incentivi) cantonali. Pampuri (TicinoEnergia): non sarà più possibile sostituire uno a uno i vecchi impianti.

‘Vietare i riscaldamenti a gasolio?’ Era uno degli slogan usati dall’Udc per abbattere la nuova legge sul CO2. Una legge ritenuta “cara”, “ingiusta e antisociale” anche perché – a suo dire – condannava di fatto i sistemi di riscaldamento a nafta e a gas naturale, spingendo i proprietari anziani, impossibilitati a investire grosse somme per acquistare una pompa di calore, ad abbandonare la propria abitazione e a trasferirsi in città. La legge è stata silurata alle urne. E il fatto che adesso venga sfruttato il residuo margine consentito dalla normativa attuale per quanto riguarda la tassa sui combustibili fossili (dal 1o gennaio 2022 questa aumenterà da 96 a 120 franchi per tonnellata di CO2), non spaventa. Tuttavia, in diversi cantoni (Ticino compreso), anche dopo il ‘no’ popolare alle nuove regole nazionali, la pressione sui proprietari di immobili rimarrà piuttosto elevata.

Risanamento energetico degli edifici, sostituzione dei sistemi di riscaldamento tradizionali: le tematiche suscitano un diffuso interesse. L’associazione TicinoEnergia fino a cinque, sei anni fa, eseguiva 200-300 consulenze all’anno, per lo più su richiesta di proprietari di case e progettisti; oggi queste sono quasi 2mila. L’interesse cresce, la politica segue. A inizio maggio il Gran Consiglio ha approvato la riforma della Legge cantonale sull’energia. Il suo scopo: ridurre il fabbisogno energetico nel settore degli edifici, incentivare il recupero di calore e l’uso di energie rinnovabili. Le modifiche del relativo Regolamento recepiranno il cosiddetto Mopec 2014, un insieme di prescrizioni per gli edifici adottate dalla Conferenza dei direttori cantonali dell’energia. Otto cantoni lo hanno già inglobato nella loro legislazione; altrove (Berna, Argovia, Soletta) il popolo ha voluto altrimenti. In Ticino le nuove disposizioni entreranno in vigore verosimilmente all’inizio del prossimo anno. 

Cambia l’impostazione

Il cambiamento si farà sentire. «Attualmente – spiega a ‘laRegione’ l’ingegner Luca Pampuri di TicinoEnergia – la sostituzione uno a uno di una caldaia a olio con un’altra dello stesso tipo è permessa, sempre che venga installata una caldaia a condensazione e sempre che non si tratti di un edificio plurifamiliare (tre o più unità abitative). Con il nuovo Regolamento, la sostituzione uno a uno di una caldaia a nafta – anche nelle case mono- e bi-familiari – non sarà fondamentalmente più possibile, a meno che vengano adottate misure complementari come la posa di pannelli solari, l’isolamento termico delle pareti o la sostituzione delle finestre. L’obiettivo è che, per edifici abitativi esistenti soggetti a sostituzione del generatore di calore, almeno il 10% del fabbisogno di energia termica sia coperto da energie rinnovabili». 

Detto in altre parole: se fino a oggi lo standard è la caldaia a nafta, presto diventerà la pompa di calore o il riscaldamento a legna. In questo senso, il recente ‘no’ alla nuova legge sul CO2 ha alleggerito solo in parte la pressione sui proprietari di immobili. Le regole cantonali – perlomeno laddove vengono attuate le prescrizioni del Mopec 2014 – non consentirà loro di schivare la questione. Non a caso, nel canton Lucerna, molti stanno pensando di approfittare del tempo che rimane fino all’entrata in vigore delle nuove disposizioni cantonali per rimpiazzare ancora uno a uno il riscaldamento a olio o a gas, ha scritto di recente la ‘Neue Zürcher Zeitung’. «I proprietari di case che sceglieranno di restare su un riscaldamento a combustibile fossile saranno comunque confrontati, in un modo o in un altro, con la tematica», spiega Pampuri. 

Incentivi potenziati

Il Ticino sta mettendo a disposizione importanti incentivi finanziari per incoraggiare la sostituzione di impianti di riscaldamento tradizionali e la conversione a sistemi basati su fonti energetiche rinnovabili. Il nuovo programma di incentivazione 2021-25 potenzierà notevolmente gli aiuti. Il Cantone fungerà così da modello a livello svizzero: «Il volume degli incentivi previsti, sia per la sostituzione dei riscaldamenti che per i risanamenti energetici, è tale da fare invidia a tutti gli altri Cantoni», rileva l’esperto. 

Il nuovo programma cantonale entrerà in vigore retroattivamente il 1o gennaio 2021. Autorità ed esperti si aspettano che acceleri l’evoluzione in corso: «L’idea – spiega Pampuri – è di incoraggiare le persone a fare qualcosa per ridurre le emissioni di CO2 delle loro abitazioni, ciò che in definitiva significa avere una maggiore qualità dell’abitare. Si vuole andare oltre quell’1% di risanamento energetico degli edifici in Svizzera. In parole semplici: se prima il concetto era ‘prima isolate, poi sostituite il sistema di riscaldamento’, in futuro sarà piuttosto ‘fate qualcosa, e se volete solo sostituire il sistema di riscaldamento, fatelo, purché si tratti di un sistema a fonte rinnovabile’. Altrimenti non raggiungeremo mai gli obiettivi che ci siamo prefissati». 

Progressi tecnici

Nelle nuove costruzioni le pompe di calore vanno ormai per la maggiore e i combustibili fossili sono praticamente scomparsi. Il problema sono le vecchie abitazioni. Circa due immobili residenziali su tre in Svizzera – Paese campione in Europa per quel che riguarda l’uso dell’olio combustibile – sono stati costruiti prima del 1980. Il 70% delle 1,8 milioni di case sono male isolate, o non lo sono affatto. Studi recenti indicano che in alcune città della Svizzera tedesca il tasso di sostituzione di una caldaia a nafta con un’altra caldaia dello stesso tipo varia dal 54% all’85%. Nonostante gli incentivi statali messi in campo, il tasso di risanamento energetico degli immobili è appena dell’1% circa all’anno. 

L’evoluzione tecnologica dovrebbe contribuire alla transizione. Sempre Pampuri: «La tecnica ha fatto passi da gigante. Negli ultimi anni molte delle criticità esistenti, che rendevano difficile passare a un impianto di riscaldamento senza combustibili fossili, sono state risolte». L’efficienza delle pompe di calore, ad esempio. «In edifici termicamente poco isolati, questa non è ancora ottimale. In passato spesso non si riusciva a fornire il calore sufficiente a raggiungere la temperatura desiderata. Oggi questo problema è stato per lo più risolto. Resta però il problema dell’efficienza. Per questa ragione, in edifici poco isolati, l’installazione di una termopompa va valutata molto attentamente». Ulteriori difficoltà si presentano poi nelle zone di nucleo. «Qui molte abitazioni sono riscaldate con radiatori elettrici diretti. L’installazione di una pompa di calore aria-acqua ha costi più importanti, in quanto bisogna anche pensare al sistema di distribuzione del calore, attualmente assente. Anche il rumore è un problema, ma va detto che questi impianti oggi non sono rumorosi come lo erano solo pochi anni fa».

Le resistenze

Gli ostacoli principali però sono di altro tipo. Molti proprietari di immobili in là con gli anni non se la sentono di affrontare un investimento ingente nell’ultima parte della loro vita. Ragionano quindi a corto-medio termine. E questo è «comprensibile», riconosce Pampuri. «In questi casi, su un orizzonte temporale di una decina d’anni, l’intervento più sensato sotto il profilo strettamente economico è in effetti la sostituzione di una caldaia a olio con una dello stesso tipo». Tuttavia, «fondamentale» è avere una prospettiva a lungo termine. «Il proprietario di una casa deve pensare che, installando un sistema di riscaldamento più ecologico (pompa di calore, impianti a legna, pannelli solari, teleriscaldamento, ecc.), fa aumentare il valore dell’immobile. E poi va considerata l’intera durata di vita dell’impianto: l’investimento iniziale è certamente più oneroso per una pompa di calore (35mila franchi in media) rispetto a un nuovo impianto a gasolio più efficiente (attorno ai 15mila franchi). Ma questo divario si riduce man mano, fino ad annullarsi e a invertirsi, se si considerano i costi di esercizio e di manutenzione sull’intera durata di vita del sistema, cioè 20-25 anni. È questo tra l’altro il punto focale del programma ‘Calore rinnovabile’, lanciato da SvizzeraEnergia. Non si vuole obbligare nessuno a scegliere un’alternativa piuttosto che un’altra. Ciò che conta è che la decisione venga presa in maniera consapevole». 

A volte non è solo una questione di portafogli. Gioca pure una certa impreparazione. «Il proprietario di una casa dovrebbe sapere in anticipo cosa fare nel caso in cui dovesse rompersi la caldaia. Se si ritrova in una situazione del genere durante la stagione fredda, avrà tendenza a rimpiazzarla con un’altra. È la via più semplice, e molti la seguono quasi per inerzia, senza nemmeno valutare le alternative esistenti». Le nuove caldaie, a condensazione, sono in effetti più efficienti. Ma non di molto: «Del 15-20% in media. E poi utilizzano comunque combustibile di origine fossile», osserva Pampuri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caldaia case co2 luca pampuri proprietari riscaldamento sostituzione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved