ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
10 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
10 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
11 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
12 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
12 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
12 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
13.10.2021 - 17:32

Pedemonte, sempre più verso le energie rinnovabili

A Cavigliano una serata informativa (anche per l’Onsernone) per spiegare come fare e quali sono i vantaggi e gli incentivi 

pedemonte-sempre-piu-verso-le-energie-rinnovabili
Ti-Press

I Municipi dei Comuni di Terre di Pedemonte e di Onsernone propongono alla popolazione una serata pubblica per informare sulle possibilità di passare a fonti energetiche rinnovabili al momento di sostituire l’impianto di riscaldamento. L’evento si terrà mercoledì 20 ottobre, con inizio alle 20, nella sala multiuso di Cavigliano. In Svizzera, il parco immobiliare, composto da circa 2,3 milioni di edifici, è responsabile del 30 per cento delle emissioni di gas a effetto serra, poiché il 60 per cento delle costruzioni sono ancora riscaldate con impianti a olio o a gas. Per raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica entro il 2050, andranno gradualmente sostituiti i 900mila impianti di riscaldamento a energie fossili oggi in esercizio. È qui che entra in gioco il ruolo dei proprietari degli edifici, in quanto si è constatato che a oggi, al momento di sostituire l’impianto di riscaldamento, meno del 50 per cento considera una variante basata su fonti energetiche rinnovabili. Una parte importante della serata sarà in effetti dedicata a informare sugli interessanti aiuti finanziari attualmente in vigore a livello cantonale. Aiuti che dovrebbero dare un’ulteriore spinta a quanto già in atto da alcuni anni. In effetti, nel territorio del Comune di Terre di Pedemonte, il recente aggiornamento del bilancio energetico ha evidenziato che tra il 2014 e il 2019 sono scesi sia il fabbisogno di calore del parco immobiliare (meno 5,6 per cento) che quello di olio da riscaldamento (meno 13,7 per cento) e di elettricità per riscaldamento (meno 23,4 per cento). In parallelo, è aumentata del 35,4 per cento la quota parte di calore da rinnovabili per il riscaldamento degli edifici e del 37,2 per cento la parte di elettricità usata in pompe di calore. In parole povere è già in corso un progressivo miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili e un passaggio a calore prodotto con fonti rinnovabili. E lo stesso succede in altri settori, per esempio quello del fotovoltaico in cui nei cinque anni in questione la potenza installata è pressoché triplicata.

La serata si inserisce nell’ambito del programma federale “Calore rinnovabile”, tramite il quale l’Ufficio federale dell’energia/SvizzeraEnergia intende sensibilizzare i proprietari degli edifici riscaldati con sistemi tradizionali a valutare per tempo un possibile passaggio alle rinnovabili. Passaggio che permette di proteggere il clima e l’ambiente, ma senza dimenticare gli aspetti economici. In effetti, anche grazie alle sovvenzioni e alle possibilità di deduzioni fiscali, la conversione alle energie rinnovabili risulta interessante anche per il portamonete. La serata di Cavigliano si rivolge a tutti i proprietari di edifici dei due Comuni promotori che intendono chinarsi sulla questione della sostituzione del loro riscaldamento a olio, a gas o elettrico con impianti a energie rinnovabili quali ad esempio pompe di calore, impianti a legna, solare termico, teleriscaldamento. Oltre alle singole soluzioni tecniche e ai vari incentivi disponibili, verrà illustrato un esempio concreto di ammodernamento energetico di un edificio e della relativa impiantistica. Per la partecipazione alla serata vige l’obbligo di presentare un certificato Covid, unitamente a un documento d’identità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved