legge-sul-co2-l-usam-presenta-la-sua-ricetta
Keystone
Il presidente dell’Usam Fabio Regazzi
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

E la Svizzera scopre la promozione diretta dei media online

È la novità del pacchetto in votazione il 13 febbraio. Ma molti Paesi europei la conoscono già da tempo.
Svizzera
14 ore

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
15 ore

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
16 ore

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
18 ore

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
19 ore

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
19 ore

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
19 ore

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
20 ore

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
22 ore

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
23.06.2021 - 19:490
Aggiornamento : 20:16

Legge sul CO2, l’Usam presenta la sua ricetta

Bisogna puntare su flessibilità e incentivi, sostiene l’associazione delle Pmi. Gli ‘efficaci strumenti’ esistenti vanno mantenuti ed estesi.

a cura de laRegione

Berna – Dopo la bocciatura alle urne della legge su CO2, l'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) chiede un nuovo testo basato su flessibilità e incentivi. Gli "efficaci strumenti" esistenti vanno mantenuti ed estesi.

Il 13 giugno la revisione della legge è stata affossata "a causa dell'aumento dei costi e dei prezzi che avrebbe comportato e dei meccanismi di ridistribuzione previsti", ha affermato oggi in una conferenza stampa a Berna il presidente dell'USAM e consigliere nazionale ticinese dell'Alleanza del Centro Fabio Regazzi.

Obiettivo 2030 raggiungibile

"Una politica climatica di successo" deve invece basarsi "sui principi dell'efficacia, della redditività, della sussidiarietà e della flessibilità", ha sostenuto Regazzi in base al testo scritto del suo discorso. Ma questa flessibilità mancava nel testo respinto una decina di giorni fa.

Con le proposte dall'organizzazione mantello delle piccole medie imprese (PMI) può essere raggiunto l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 50% entro il 2030 rispetto al 1990. Al contempo vengono però evitati "i massicci aumenti dei costi e le sovvenzioni contestati dal popolo".

Prioritarie le convenzioni sugli obiettivi

Un punto centrale sono le cosiddette "convenzioni sugli obiettivi", che hanno permesso all'economia di raggiungere gli obiettivi fissati dalla Confederazione per il 2022 già nel 2018, ha spiegato il direttore dell'USAM Hans-Ulrich Bigler. Esse congiungono protezione del clima e redditività e rappresentano la misura di riduzione delle emissioni più importante della Svizzera, con grande potenziale. Questi programmi per l'incremento dell'efficienza energetica - si legge in un comunicato - devono essere estesi, semplificati e aperti a tutti i settori e a tutte le aziende, senza lacune.

Per gli edifici serve un "obiettivo di riduzione separato", da attuare tramite un sistema per la promozione dell'efficienza energetica come quello per le imprese. Inoltre va portato avanti il programma immobiliare dei Cantoni.

L'USAM si dice contraria a una tassa sui biglietti aerei e un'ulteriore tassa sui carburanti. E la tassa sul CO2 sui combustibili per ora deve restare invariata a 120 franchi per tonnellata di anidride carbonica. Mentre il sistema di compensazione per i carburanti deve essere mantenuto ed esteso, soprattutto al settore degli immobili, ha spiegato ancora Bigler. Queste misure sono "molto efficaci, molto più economiche e comportano minore ridistribuzione".

Per quanto riguarda le disposizioni in materia di CO2 per i veicoli, l'USAM chiede un "adeguamento proporzionato" all'Unione europea tenendo conto delle peculiarità della Svizzera, ad esempio la sua topografia. Per gli stessi veicoli bisogna ricorrere a "misure le più flessibili possibile", considerando anche i sistemi di propulsione alternativi e più innovativi.

Quanto alla ricerca e lo sviluppo, non servono altri fondi o meccanismi di ridistribuzione, scrive l'USAM. Bisogna invece semplificare i progetti finanziati dalla Confederazione e orientarli al trasferimento di tecnologie e tecniche, coinvolgendo le PMI.

Inoltre le procedure di autorizzazione per investimenti ecologici vanno accelerate e semplificate e accompagnate da incentivi fiscali. L'organizzazione respinge invece "regolamenti per la gestione dei flussi finanziari" in quanto comportano minori entrate e maggiori oneri amministrativi soprattutto nella previdenza vincolata.

Infine la Svizzera deve rafforzare "il suo impegno a favore dei meccanismi di mercato e di trasferimento previsti dall'accordo di Parigi". Ciò comprende tra l'altro la rete di dichiarazioni d'intenti e programmi pilota come quelli già conclusi dalla Confederazione ad esempio con il Perù, il Ghana e la Thailandia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved