ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
5 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
7 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
8 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
9 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
10 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
22.06.2021 - 08:53

Covid, i Cantoni chiedono regole più semplici

Domani il Consiglio federale annuncerà come intende procedere con gli allentamenti. Il certificato Covid avrà un ruolo centrale

Ats, a cura de laRegione
covid-i-cantoni-chiedono-regole-piu-semplici
Ruolo centrale (Ti-Press)

Domani, mercoledì 23 giugno, il Consiglio federale deciderà come intende procedere negli allentamenti delle misure sanitarie contro il coronavirus. Un ruolo centrale dovrebbe svolgerlo il certificato Covid. Cantoni e associazioni accolgono positivamente questo passo, ma non risparmiano qualche critica.

Dal 1° luglio i grandi eventi dovrebbero essere limitati ai titolari del pass sanitario, ossia le persone vaccinate, guarite o risultate negative a un test, così come ai minori di 16 anni. Dovrebbero poter ospitare un massimo di 3000 persone all'interno e 5000 all'esterno.

Secondo Basilea Campagna questo creerà un ulteriore onere amministrativo per le aziende e le organizzazioni interessate, che non dovrebbero essere incaricate di svolgere altri compiti.

Il Governo prevede anche di permettere alle discoteche e ai club di riaprire da fine giugno, chiedendo un certificato. A opporsi in questo caso è la Commissione svizzera dei bar e dei club (CSBC), per la quale dovrebbe essere possibile organizzare feste con mascherine, capacità limitata, tracciamento dei contatti e obbligo di consumare seduti, ma senza dover presentare un pass.

Alcuni cantoni, come per esempio Argovia, vorrebbero invece estendere l'obbligo di certificato alle piscine coperte e ai parchi acquatici. Il motivo è che il rispetto delle regole di distanziamento e la superficie adibita a una persona viene considerato assai teorico.

Diversi cantoni chiedono anche al Consiglio federale di semplificare le norme e di rinunciare alle numerose regolamentazioni sulle dimensioni dei gruppi, sui metri quadrati, sui limiti di capacità e sulle misure di protezione vigenti per le manifestazioni. I cantoni della Svizzera orientale (San Gallo, Appenzello Interno, Appenzello Esterno, Turgovia) temono che questa confusione renda impossibile il rispetto delle regole.

Critiche vengono mosse anche alla limitazione del numero di ospiti all'interno dei ristoranti, malgrado il fatto che si dovrebbe passare da quattro a sei persone per tavolo. Gastrosuisse considera l'aumento troppo timido. L'associazione è sostenuta tra gli altri da Svitto, che chiede di togliere le limitazioni negli spazi chiusi, come il Governo intende fare per le terrazze. Vaud raccomanda invece che otto persone siano ammesse a un tavolo all'interno e che le restrizioni siano eliminate se tutte le persone di un gruppo hanno un certificato Covid.

Diversi cantoni chiedono la soppressione incondizionata dell'obbligo di telelavoro. I datori di lavoro possono definire le misure necessarie con i loro dipendenti, secondo San Gallo. L'11 giugno, il Consiglio federale ha deciso che era troppo presto per abolire questa disposizione, prevedendo un possibile allentamento solo quando tutti coloro che lo desiderano saranno stati vaccinati.

Alcuni cantoni si spingono oltre e chiedono che tutte le misure siano revocate al più presto. Berna, per esempio, ritiene che tutte le misure di lotta contro il coronavirus dovrebbero essere abolite entro la fine di settembre.

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) chiede che la “situazione speciale” sia revocata il 1° luglio. Il comitato direttivo della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds) intende esaminare con il Governo come un ritorno alla normalità possa essere integrato al modello a tre fasi.

L'abolizione della mascherina negli spazi esterni delle strutture accessibili al pubblico, come marciapiedi delle stazioni ferroviarie, fermate degli autobus, è benvenuta. Alcuni cantoni vogliono però agire più velocemente, senza aspettare la fine di giugno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved