ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
20 min

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
17 ore

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
19 ore

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
22 ore

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
23 ore

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
23 ore

Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)

Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
23 ore

Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera

Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
Svizzera
1 gior

Influenza aviaria in azienda, disposte misure in tutto il Paese

Divieto di mercati ed esposizioni di pollame, prescrizioni igieniche e protezione del pollame dagli uccelli selvatici fra le disposizioni emanate da Berna
Svizzera
1 gior

In Svizzera ancora troppi investimenti nei combustibili fossili

Se da una parte ci sono stati progressi per il raggiungimento degli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi, ci sono ancora margini di miglioramento
Svizzera
1 gior

Sempre più fotovoltaico in Svizzera

Per favorire il trend positivo, nel 2023 saranno disponibili 600 milioni di franchi per la promozione del fotovoltaico
Svizzera
1 gior

Berna: donne rese schiave, ma non ci fu tratta di esseri umani

Al ‘capo patriarcale’, che doveva rispondere delle accuse più gravi, pena di 150 giorni di carcere sospesa per quattro anni
Svizzera
1 gior

La vignetta 2023 ‘veste’ in giallo

L’anno prossimo verrà inoltre introdotto il contrassegno autostradale elettronico, che tuttavia non sostituirà quello adesivo
Svizzera
1 gior

Black Friday e Natale, la Posta pronta per l’ondata di pacchi

Il Gigante giallo ha assunto 230 persone in più ed effettuerà fino a 700 giri di recapito in più per far fronte all’incremento di spedizioni
18.06.2021 - 13:02

Accudimento dell’infanzia, Svizzera fanalino di coda

I servizi offerti nella Confederazione fanno una pessima figura nel confronto commissionato dall’Unicef.

accudimento-dell-infanzia-svizzera-fanalino-di-coda
Keystone
La Svizzera fa una pessima figura

Zurigo/New York – La Svizzera, assieme a Slovacchia, Stati Uniti, Cipro e Australia, è tra gli ultimi per la qualità e l'accessibilità dei servizi di accudimento per l'infanzia. È quanto emerge da un confronto internazionale effettuato dall'Istituto di ricerca Innocenti nei Paesi dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) per conto del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef). Ai primi posti si piazzano il Lussemburgo, l'Islanda, la Svezia, la Norvegia e la Germania.

Lo studio "Where Do Rich Countries Stand on Childcare ?" (Come si situano i paesi ricchi in materia di accudimento dei bambini?) ha analizzato dati comparabili sulla politica familiare nell'ottica delle offerte di sostegno per genitori e figli. Tra gli indicatori considerati, l'accessibilità ai servizi di accudimento, l'onere finanziario, la qualità delle prestazioni per minori fino all'età scolastica e i regolamenti nazionali in materia di congedo parentale.

Tra un terzo e la metà delle entrate

Dall'indagine risulta come alcuni tra i paesi più ricchi del pianeta abbiano lacune a livello di accudimento dei bambini. In Irlanda, Nuova Zelanda e Svizzera una coppia con reddito medio deve sborsare tra un terzo e la metà delle sue entrate per finanziare la custodia extrafamiliare di due figli.

"La pandemia ha evidenziato la rilevanza sistemica di questa offerta, la quale deve essere di qualità, finanziariamente alla portata e facilmente accessibile", afferma Bettina Junker, direttrice generale dell'Unicef Svizzera e Liechtenstein, citata in una nota odierna.

‘La Svizzera arranca’

"La Svizzera arranca rispetto ad altri paesi benestanti. È inammissibile - aggiunge Junker - che uno degli Stati più ricchi al mondo non faccia abbastanza per l'accudimento extrafamiliare. La politica è chiamata a dare una svolta e a investire in questo ambito. Si tratta di servizi che devono essere accessibili a chiunque, indipendentemente dal reddito e dal domicilio."

I paesi ai primi posti del confronto investono sia nella qualità, sia nell'accessibilità delle offerte di accudimento, e al contempo prevedono congedi più lunghi per le madri e per i padri. Un congedo parentale retribuito prima e dopo il parto permette ai genitori di costruire un legame intenso con il figlio, contribuisce allo sviluppo sano del bambino, riduce il rischio di una depressione post-parto e favorisce la parità di genere, sottolinea il comunicato.

Congedi, lacune in molti Paesi

Dall'ultimo rapporto emerge tuttavia che meno della metà dei paesi dell'Ocse concede alle madri un congedo di almeno 32 settimane. E i padri che godrebbero di un tale diritto spesso vi rinunciano per questioni professionali e sociali, sebbene quest'ultima sia una tendenza in lento mutamento.

L'accesso a un accudimento finanziariamente alla portata di tutti è un importante strumento per instaurare un equilibrio tra cura dei figli, lavoro e benessere personale. Sovente, però, tra la fine di un congedo retribuito e l'inizio dell'accudimento extrafamiliare ci sono delle lacune, rileva ancora Unicef Svizzera e Liechtenstein.

Sostegno anche agli asili nido pubblici

Anche gli asili nido pubblici, come già ora quelli privati, potranno ottenere un aiuto dalla Confederazione per l'interruzione dell'attività tra il 17 marzo e il 17 giugno 2020, quando dovettero chiudere a causa della pandemia. Il costo globale è stimato in 20 milioni di franchi.

Dopo la modifica della legge Covid-19 da parte del Parlamento nella primavera scorsa, il Consiglio federale ha regolato le modalità di applicazione in un'ordinanza adottata oggi, con entrata in vigore a inizio luglio.

Il sostegno finanziario - 33% dei costi - è destinato a quei Cantoni che hanno introdotto un sistema d'indennizzo a favore delle istituzioni per la custodia di bambini complementare alla famiglia gestite dagli enti pubblici.

La correzione apportata alla Legge Covid è stata decisa allo scopo di eliminare la disparità tra istituzioni private e quelle pubbliche che hanno dovuto interrompere l'attività a causa delle misure restrittive adottate dall'esecutivo per arginare il morbo. Finora, soltanto le istituzioni private hanno beneficiato di aiuti finanziari. Tuttavia, in alcuni Cantoni, molte istituzioni sono gestite dagli enti pubblici.

Poiché con questa decisione il Governo intende compensare il mancato versamento dei contributi da parte dei genitori durante il periodo caldo della pandemia, l'ordinanza riprende le stesse condizioni previste per le istituzioni private. I Cantoni che hanno versato o verseranno indennità agli asili pubblici potranno contare sulla partecipazione della Confederazione, che ne coprirà il 33%.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved