ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
2 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
5 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
7 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
7 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
9 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
1 gior

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
1 gior

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
13.06.2021 - 19:39

Legge sul terrorismo: il sì sfiora il 57%

Con l'esito del voto si darà più potere alla polizia nella caccia a potenziali terroristi

Ats, a cura de laRegione
legge-sul-terrorismo-il-si-sfiora-il-57
Il sì alla legge ha vinto con il 56,6% (Keystone)

Più potere alla polizia nella caccia a potenziali terroristi: il popolo svizzero ha oggi approvato con il 56,6% dei voti una legge che rafforza sensibilmente l'arsenale di misure a disposizione delle autorità nei confronti di chi si sta radicalizzando, medita attentati o vuole raggiungere aree di conflitto. A favore si sono schierati 25 dei 26 cantoni.

L'esito finale è stato chiaro, anche se meno di quanto avrebbero potuto lasciar presagire i sondaggi delle ultime settimane, segnale forse di un consenso che si stava erodendo: i sì sono stati 1'811'765, i no 1'390'355.

La geografia del voto ha mostrato diversi cantoni romandi, a partire dal Vallese (sì al 65,0%) più propensi ad accogliere l'oggetto, forse anche per la vicinanza con la Francia, teatro di diversi sanguinosi attentati a matrice islamista. Il sostegno più tiepido - è arrivato da Appenzello Interno (sì per un'inezia: 50,01%) e da altre realtà piccole. Solo Basilea Città ha respinto la legge: i favorevoli si sono fermati al 45,1%. La gran parte dei cantoni si è schierata nella fascia di un approvazione al 55-59%: in questo gruppo figurano anche il Ticino (57,3%) e i Grigioni (58,8%). La partecipazione si è attestata al 58,8%.

La legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (Mpt) - questo il nome del quinto oggetto sottoposto oggi al popolo - ha raccolto numerose critiche ed è stata combattuta da due distinti comitati referendari. A far storcere il naso, anche a numerosi giuristi, è ad esempio la definizione molto vaga di terrorismo, che secondo taluni potrebbe arrivare a inglobare attività come la lotta per il clima, per i diritti delle donne o contro i vaccini Covid. È stato anche detto che le disposizioni violano i diritti dell'infanzia e mettono in pericolo i cittadini irreprensibili.

Consiglio federale e parlamento la vedono però in modo diverso: la normativa consente alle autorità di intervenire contro persone ritenute una minaccia terroristica molto prima che esse commettano reato. A questi oppositori dell'ordinamento dello stato - a partire dai 12 anni - può fra l'altro essere imposto l'obbligo di presentarsi presso un'autorità, oppure il divieto di avere contatti con persone che frequentano cerchie terroristiche, oppure ancora la proibizione di lasciare il paese o di entrare in determinate zone. Possono anche essere decisi (a partire dai 15 anni) arresti domiciliari.

La legge è nata sulla scia di attacchi terroristici di matrice islamista avvenuti in varie città europee. La parola Islam non compare però nel libretto di votazioni inviato a ogni cittadino. Un testo che ha peraltro provocato anche un'enorme quantità di ricorsi, anche da parte di un gruppo di ex procuratori pubblici ticinesi. Viene ritenuta falsa l'asserzione secondo cui la polizia non potesse finora intervenire prima che una persona commettesse un reato, un appunto che è stato mosso anche contro quanto affermato dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter, responsabile del dossier.

Il Partito pirata spera quindi ora nel Tribunale federale, presso cui sono pendenti 600 ricorsi, il numero maggiore mai registrato per un oggetto alle urne. Secondo la formazione politica la votazione deve essere ripetuta.

Di altro parere è invece Thierry Burkart (Plr/Ag), membro del comitato a sostegno della nuova normativa: il popolo svizzero ha chiaramente mostrato di voler essere maggiormente protetto da atti terroristici e ora ci si aspetta che i contrari alla MPT accettino il responso delle urne. Tanto più che la Svizzera è certamente un obiettivo per i terroristi, come hanno dimostrato i due attacchi con coltello avvenuti l'anno scorso a Morges (Vd) e a Lugano.

Va anche detto che il popolo ha già deciso in altre occasioni a favore di testi sulla cui costituzionalità erano stati sollevati dubbi: può essere fatto l'esempio dei minareti, del burka, dell'iniziativa popolare per l'espulsione degli stranieri che commettono reati o di quella per l'Internamento a vita per criminali sessuomani estremamente pericolosi. La novità è che le proposte citate arrivavano dal popolo, quella in esame invece da governo e parlamento. I Verdi hanno comunque già annunciato che presenteranno la settimana prossima in parlamento una proposta per definire meglio il concetto di terrorismo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved