la-pandemia-ha-ostacolato-il-controllo-del-mercato-del-lavoro
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’754 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
4 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
4 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
4 ore

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
4 ore

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
6 ore

Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino

Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
6 ore

Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio

L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
Svizzera
6 ore

Anche Berna espelle diplomatici russi, ma ‘discretamente’

Secondo fonti parlamentari, il Dfae non pubblicizza i rimpatri delle sospette spie per non compromettere un’eventuale mediazione elvetica fra Mosca e Kiev
Svizzera
6 ore

Il Centro per la cybersicurezza diventerà un ufficio federale

Il Consiglio federale spiega questo passo col fatto che la sicurezza informatica è diventata negli ultimi anni sempre più importante a tutti i livelli
Svizzera
7 ore

Da giugno mezzi pubblici a pagamento per i rifugiati ucraini

Da quella data si tornerà alla regolamentazione originaria. Entrata nel nostro Paese e transito continueranno per il momento a essere gratuiti.
Svizzera
7 ore

Rinvio degli stranieri: aiuto forfettario ai Cantoni

Il Consiglio federale auspica una modifica della legge per sostenere finanziariamente le zone di frontiera in situazioni di grande afflusso
Svizzera
7 ore

Dalla Confederazione 725 milioni di dollari contro la povertà

Andranno a ricapitalizzare l’Agenzia internazionale per lo sviluppo. Serviranno a finanziare la ripresa nei 74 Paesi più poveri del mondo
Svizzera
7 ore

Cantoni chiamati a migliorare la gestione dell’acqua

Secondo il governo la Svizzera disporrà di acqua a sufficienza, ma i periodi di siccità potrebbero essere più frequenti. Necessario dunque pianificare.
Svizzera
7 ore

‘Swissness’, procedura semplificata per le derrate alimentari

Dall’anno prossimo l’iter sarà più flessibile e trasparente, e di competenza degli attori della categoria agroalimentare
02.06.2021 - 12:30
Aggiornamento : 16:10

La pandemia ha ostacolato il controllo del mercato del lavoro

Nel 2020 meno controlli circa l'efficacia delle misure di accompagnamento e contro il lavoro nero. In Ticino il 23% dei controlli

Ats, a cura de laRegione

La pandemia del Covid-19 ha reso più difficile l'anno scorso il controllo del rispetto delle condizioni salariali e di lavoro come anche della legge contro il lavoro nero (LLN). A causa delle restrizioni legate al coronavirus, gli organi di esecuzione hanno potuto effettuare meno verifiche. La percentuale di violazioni è rimasta praticamente invariata rispetto al 2019. È quanto mostrano i rapporti per il 2020 pubblicati oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) sulle misure collaterali e il lavoro irregolare.

Secondo le commissioni paritetiche, nei rami in cui si applicano contratti collettivi di lavoro (CCL) di obbligatorietà generale la percentuale di violazioni da parte di imprese estere che distaccano personale in Svizzera è stata nel 2020 del 21%, come già l'anno precedente.

Per i lavoratori distaccati in settori senza CCL di obbligatorietà generale e senza contratti normali di lavoro (CNL), le commissioni tripartite - composte da datori di lavoro, sindacati e autorità cantonali - hanno riscontrato una leggera diminuzione, dal 15% al 13%, di offerte di salari inferiori a quelli usuali.

Per quanto riguarda i prestatori di servizi indipendenti, i cosiddetti "padroncini", in tutti i rami è stata presunta la pseudo-indipendenza nell’8% dei 4'862 controlli effettuati (2019: 8% di 5'993 controlli).

Tra i datori di lavoro svizzeri le commissioni tripartite cantonali hanno riscontrato un leggero aumento di salari abusivi, dal 10% al 12%. I cantoni di Zurigo, Ginevra, Ticino, Vaud e Lucerna hanno effettuato il 58% dei controlli e identificato l'81% dei casi di dumping salariale. Queste cifre si riferiscono solo ai settori senza CCL e senza CNL che stabiliscono salari minimi. Grazie a modifiche dei moduli di segnalazione introdotte negli ultimi anni, è ora possibile fare una chiara distinzione tra l'attività ispettiva senza CNL e in quelli con CNL.

Nelle imprese svizzere dove è in vigore un CNL che impone salari minimi obbligatori, il tasso di abusi è 16% per le aziende e del 10% per gli individui. La maggior parte dei controlli sono stati effettuati in Ticino: ben il 72,8% dei controlli sulle aziende e l'82,5% di quelli sulle persone sono stati effettuati nel cantone italofono. Questo è dovuto al fatto che è di gran lunga il cantone con il numero più elevato di CNL, spiega la Seco. In Ticino la percentuale di infrazione ai salari minimi obbligatori di un CNL è di circa il 15% per le imprese e dell'8% per i dipendenti.

Tutte queste cifre vanno interpretate con prudenza, ha detto in conferenza stampa Peter Gasser vicecapo della divisione lavoro presso la Seco. "Non si possono trarre conclusioni sulla situazione generale del lavoro". Questo perché i controlli vengono effettuati principalmente nei settori suscettibili di dumping salariale.

6% dei datori di lavoro controllati

L'applicazione delle misure d'accompagnamento durante la pandemia è stata una grande sfida, ha detto Boris Zürcher, direttore della divisione lavoro presso la Seco. Durante la prima ondata del coronavirus la maggior parte degli organi d'esecuzione è stata costretta a ridurre significativamente la propria attività, e in alcuni casi addirittura a sospenderla, a causa delle restrizioni sanitarie. Di conseguenza il numero di controlli è rimasto leggermente inferiore all'obiettivo dei 35'000 stabilito nell'ordinanza sui lavoratori distaccati.

Il rispetto delle condizioni salariali e lavorative è stato verificato presso 34'126 imprese e 132'922 persone in Svizzera (2019: 41'305 aziende e 165'969 persone). Ciò corrisponde al 6% dei datori di lavoro svizzeri, il 30% dei lavoratori distaccati e il 30% dei prestatori di servizi indipendenti.

Per quanto riguarda la distribuzione dei controlli a livello regionale, i cantoni Ticino (23%), Zurigo (18%) e Ginevra (16%) rappresentano insieme quasi il 60% dei controlli effettuati sui datori di lavoro svizzeri nei settori in cui non esiste un CCL, rileva la Seco.

Meno controlli contro lavoro nero

Nell'ambito della lotta contro il lavoro nero, nel 2020 sono state controllate complessivamente 10'345 aziende e 29'405 persone. Rispetto al 2019 ciò rappresenta una diminuzione rispettivamente del 15% e del 16%. Le ispezioni sono state effettuate prevalentemente nei settori dell'edilizia, dell'ingegneria civile e dei rami accessori dell'edilizia, l'industria alberghiera e della ristorazione e il settore del commercio.

Gli organi di controllo hanno registrato 10'716 casi sospetti e 3'316 riscontri da parte delle autorità specializzate (per esempio la cassa di compensazione AVS) sui provvedimenti adottati e sulle sanzioni inflitte. Questo rappresenta una diminuzione rispettivamente del 15% e dell'1,2% su base annua. Bisogna tener presente che i sospetti si basano su accertamenti degli organi di controllo prima della trasmissione dei casi alle autorità specializzate e quindi non permettono di per sé di trarre conclusioni sull'andamento del lavoro nero.

Come già accaduto l'anno precedente, è aumentato il ricorso alla procedura di conteggio semplificata: nel 2020 il 15% in più di datori di lavoro ha approfittato della possibilità di calcolare i salari dei dipendenti con una procedura semplificata (93'482 datori di lavoro).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lavoro nero misure accompagnamento pandemia seco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved