berset-sul-covid-fatti-alcuni-errori
Alain Berset (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Le donazioni di organi tornano ai livelli pre-pandemia

Nel 2021 Swisstransplant ha registrato 166 donatori di organi, 20 in più rispetto all’anno precedente. Resta elevato il numero delle persone in attesa
Svizzera
3 ore

‘Imposta sulle Pmi’ o ‘regalo fiscale’ alle grandi aziende?

Governo e Parlamento vogliono abolire la tassa d’emissione sul capitale proprio, la sinistra non ne vuole sapere. Risposte alle principali domande
Svizzera
12 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
18 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
21 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
21 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
22 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
1 gior

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
1 gior

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
21.05.2021 - 09:410
Aggiornamento : 22.05.2021 - 14:17

Berset: ‘Sul Covid fatti alcuni errori’

‘Su alcune cose consigliate dagli scienziati avrei dovuto pormi più domande, ma sui vaccini stiamo lavorando bene’

Interrogato sugli errori personali nella lotta contro il Covid-19 il ministro della sanità Alain Berset ha ammesso di non aver messo sufficientemente in questione i consigli della scienza all'inizio della pandemia di coronavirus.

È stato "molto comodo" per il Consiglio federale ascoltare semplicemente i consigli della scienza all'inizio della pandemia e attuarli, ha detto ieri sera in un'intervista al programma "Gredig direkt" della tv svizzerotedesca Srf. E ciò - ha aggiunto - "ci ha portato a sostenere che le maschere igieniche potessero addirittura essere dannose". La posizione ufficiale di molti esperti allora era che non ci si poteva aspettare che la popolazione usasse correttamente le maschere sanitarie e che di conseguenza il loro uso scorretto poteva essere dannoso, ha continuato il 49enne consigliere federale. "Col senno di poi, devo dire che avrei dovuto farmi più domande".

Il ministro friburghese ha comunque negato che la Confederazione abbia inizialmente sconsigliato di indossare le maschere solo perché ne erano disponibili troppo poche per tutti. Se il governo fosse stato convinto all'epoca che le mascherine igieniche erano utili si sarebbe semplicemente arrangiato con ciò che era disponibile, ha detto.

Per contro, Berset ha elogiato le decisioni del Consiglio federale per la campagna di vaccinazione. In Svizzera sono stati utilizzati i migliori vaccini contro il SARS-CoV-2 disponibili in tutto il mondo, ha detto il ministro della salute. Vengono somministrati solo i prodotti più moderni che utilizzano la tecnologia dell'acido ribonucleico messaggero: l'mRNA che fornisce all'organismo informazioni sulle proteine del coronavirus e provoca una reazione immunitaria, che si attiva velocemente rendendo subito il virus innocuo e impedendo l'insorgere della malattia. E solo pochissimi paesi sono in grado di farlo entro l'estate, ha sottolineato.

D'altro canto, il ministro socialista ha anche notato che la crisi ha rafforzato lo spirito di squadra all'interno del Consiglio federale. La situazione è stata a volte "fisicamente molto brutale" per tutti i ministri. Dopo lo shock iniziale, Berset si è sentito "veramente esausto" tra fine aprile e metà maggio 2020. Ma fortunatamente, ha precisato, nonostante la forte pressione è sempre riuscito a dormire bene.

In seguito si è però lamentato delle "affermazioni palesemente false" di Berset l'epidemiologo bernese Christian Althaus, che ha lasciato la task force scientifica federale in segno di protesta nel gennaio 2021.

Il ministro della salute - ha scritto Althaus in un tweet - continua a raccontare che era stato avvertito in ritardo dalla task force sugli sviluppi epidemiologici. Ma in realtà la scienza è stata ignorata sulla decisione di indossare le mascherine del maggio/giugno 2020. L'ex presidente della task force aveva dichiarato, secondo i verbali della cellula di crisi del maggio 2020, "che proteggersi con le mascherine è sensato. E ciò deve essere comunicato".

Secondo Christian Althaus, l'utilità delle mascherine igieniche per la popolazione in generale è stata "contestata in primo luogo dalle stesse autorità sanitarie e dall'allora direttore della Divisione malattie trasmissibili". L'epidemiologo bernese si è augurato che il Consiglio federale esamini criticamente il suo agire durante la pandemia e che ne tragga lezione. "Nella prossima pandemia non deve più succedere che il Paese sia posto in un sonno narcotico per mesi", ha detto. Al momento delle sue dimissioni, Althaus aveva sottolineato che la politica doveva finalmente imparare a trattare la scienza a pari livello.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved