ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 ora

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
2 ore

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
2 ore

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
5 ore

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
5 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
8 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
10 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
10 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
12 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
21.05.2021 - 09:41
Aggiornamento: 22.05.2021 - 14:17

Berset: ‘Sul Covid fatti alcuni errori’

‘Su alcune cose consigliate dagli scienziati avrei dovuto pormi più domande, ma sui vaccini stiamo lavorando bene’

Ats, a cura de laRegione
berset-sul-covid-fatti-alcuni-errori
Alain Berset (Keystone)

Interrogato sugli errori personali nella lotta contro il Covid-19 il ministro della sanità Alain Berset ha ammesso di non aver messo sufficientemente in questione i consigli della scienza all'inizio della pandemia di coronavirus.

È stato "molto comodo" per il Consiglio federale ascoltare semplicemente i consigli della scienza all'inizio della pandemia e attuarli, ha detto ieri sera in un'intervista al programma "Gredig direkt" della tv svizzerotedesca Srf. E ciò - ha aggiunto - "ci ha portato a sostenere che le maschere igieniche potessero addirittura essere dannose". La posizione ufficiale di molti esperti allora era che non ci si poteva aspettare che la popolazione usasse correttamente le maschere sanitarie e che di conseguenza il loro uso scorretto poteva essere dannoso, ha continuato il 49enne consigliere federale. "Col senno di poi, devo dire che avrei dovuto farmi più domande".

Il ministro friburghese ha comunque negato che la Confederazione abbia inizialmente sconsigliato di indossare le maschere solo perché ne erano disponibili troppo poche per tutti. Se il governo fosse stato convinto all'epoca che le mascherine igieniche erano utili si sarebbe semplicemente arrangiato con ciò che era disponibile, ha detto.

Per contro, Berset ha elogiato le decisioni del Consiglio federale per la campagna di vaccinazione. In Svizzera sono stati utilizzati i migliori vaccini contro il SARS-CoV-2 disponibili in tutto il mondo, ha detto il ministro della salute. Vengono somministrati solo i prodotti più moderni che utilizzano la tecnologia dell'acido ribonucleico messaggero: l'mRNA che fornisce all'organismo informazioni sulle proteine del coronavirus e provoca una reazione immunitaria, che si attiva velocemente rendendo subito il virus innocuo e impedendo l'insorgere della malattia. E solo pochissimi paesi sono in grado di farlo entro l'estate, ha sottolineato.

D'altro canto, il ministro socialista ha anche notato che la crisi ha rafforzato lo spirito di squadra all'interno del Consiglio federale. La situazione è stata a volte "fisicamente molto brutale" per tutti i ministri. Dopo lo shock iniziale, Berset si è sentito "veramente esausto" tra fine aprile e metà maggio 2020. Ma fortunatamente, ha precisato, nonostante la forte pressione è sempre riuscito a dormire bene.

In seguito si è però lamentato delle "affermazioni palesemente false" di Berset l'epidemiologo bernese Christian Althaus, che ha lasciato la task force scientifica federale in segno di protesta nel gennaio 2021.

Il ministro della salute - ha scritto Althaus in un tweet - continua a raccontare che era stato avvertito in ritardo dalla task force sugli sviluppi epidemiologici. Ma in realtà la scienza è stata ignorata sulla decisione di indossare le mascherine del maggio/giugno 2020. L'ex presidente della task force aveva dichiarato, secondo i verbali della cellula di crisi del maggio 2020, "che proteggersi con le mascherine è sensato. E ciò deve essere comunicato".

Secondo Christian Althaus, l'utilità delle mascherine igieniche per la popolazione in generale è stata "contestata in primo luogo dalle stesse autorità sanitarie e dall'allora direttore della Divisione malattie trasmissibili". L'epidemiologo bernese si è augurato che il Consiglio federale esamini criticamente il suo agire durante la pandemia e che ne tragga lezione. "Nella prossima pandemia non deve più succedere che il Paese sia posto in un sonno narcotico per mesi", ha detto. Al momento delle sue dimissioni, Althaus aveva sottolineato che la politica doveva finalmente imparare a trattare la scienza a pari livello.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved