ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
33 min

Maurizio Dattrino al comando della divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
48 min

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 ora

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
4 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
6 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
20 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
21 ore

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
22 ore

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
22 ore

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
22 ore

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
22 ore

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
Svizzera
23 ore

WhatsApp, Migros e Google sono i marchi più popolari in Svizzera

Il sondaggio in base all’indicatore Brand Indicator Switzerland è fondato su criteri come la rilevanza e l’emozionalità
Svizzera
23 ore

Brucia un appartamento a Gerlafingen, un morto

A trovare il corpo senza vita dell’uomo sono stati i pompieri, una volta spente le fiamme. Precauzionalmente evacuato l’edificio
Svizzera
23 ore

L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni

L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
23 ore

Escursionista con racchette cade e muore

Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
1 gior

Si schianta contro un sottopassaggio: morto

L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
Svizzera
1 gior

Ignoti appiccano fuoco in una scuola elementare

Seri danni allo stabile di Brunnmatt, nella parte su della città di Basilea. Nessuno è rimasto ferito
Svizzera
1 gior

Trovati due corpi travolti da una valanga sopra Fully

Verosimilmente potrebbero essere il francese (residente nel Canton Vaud) e il belga (residente in Vallese) dispersi da qualche giorno
Svizzera
1 gior

Lotta alla corruzione nel settore pubblico, si marcia sul posto

Secondo il rapporto di Transparency International, nel nostro Paese il nepotismo è sempre troppo diffuso
Svizzera
1 gior

Ticino vagone di coda per puntualità dei convogli Ffs

Se a livello svizzero nel 2022 il 92,5% dei treni è arrivato in orario, a Sud delle Alpi più di 1 su 10 è giunto a destinazione più di 3’ dopo
Svizzera
1 gior

Udc per un giro di vite sull’immigrazione

In vista delle elezioni di autunno, il partito auspica lo spostamento delle procedure di asilo al di fuori dei confini nazionali
Svizzera
1 gior

Malgrado il rincaro, positivo il 2022 del commercio al dettaglio

Rispetto all’anno precedente, il giro d’affari dei negozi stanziali e online è aumentato complessivamente dell’1,8%
Svizzera
1 gior

Tra le pagine dei libri francesi c’è aria di bufera

La Comco apre un’inchiesta contro il gruppo editoriale Madrigall per valutare la sua eventuale posizione dominante relativa al mercato
Svizzera
1 gior

Fonderie svizzere, volume di produzione in crescita

Malgrado le fluttuazioni dell’economia globale che hanno caratterizzato il 2022, le esportazioni sono aumentate
Svizzera
1 gior

Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’

Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
1 gior

Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani

Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
1 gior

Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre

Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
1 gior

Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo

Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
1 gior

Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini

La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
1 gior

Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna

Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
laR
 
27.04.2021 - 08:00
Aggiornamento: 17:28

Cemsuisse e l’obiettivo ‘cemento neutro per il clima’

L’associazione presenta la sua tabella di marcia verso l’obiettivo zero emissioni nette entro il 2050. A colloquio con il direttore Stefan Vannoni.

cemsuisse-e-l-obiettivo-cemento-neutro-per-il-clima
Stefan Vannoni

La riduzione del clinker [il principale componente del cemento, ndr] nel cemento, e del cemento stesso nel calcestruzzo. È una delle sfide che attende Cemsuisse sulla strada verso l’obiettivo zero emissioni nette entro il 2050. L’Associazione svizzera dell’industria del cemento – peraltro ‘neutrale’ sulla legge sul CO2 in votazione il 13 giugno, che mira a dimezzare le emissioni entro la fine del decennio – presenta oggi la sua ambiziosa tabella di marcia ‘climatica’ a lungo termine. ‘laRegione’ ne ha parlato con il direttore Stefan Vannoni.

L’industria del cemento viene spesso denigrata quando si parla di protezione dell’ambiente e del clima. Davvero non avete nulla da rimproverarvi?

L’industria del cemento è un settore ad alta intensità energetica. Ma è anche un’industria consapevole dell’ambiente e sostenibile. Le grandi emissioni di CO2 sono solo un lato della medaglia. Infatti il cemento è indispensabile per una società sviluppata. Basti pensare alla costruzione di infrastrutture. L’approvvigionamento idrico, le infrastrutture di trasporto e la densificazione degli insediamenti non possono essere realizzati senza cemento. La sostenibilità va considerata in una prospettiva a 360°: l’industria del cemento chiude i cicli, è un partner importante nella gestione dei rifiuti e un esempio particolarmente positivo in termini di biodiversità.

Nel concreto cosa proponete?

Negli ultimi 30 anni abbiamo ridotto le nostre emissioni di CO2 del 38% (rispetto al 1990). E vogliamo ridurle ulteriormente nei prossimi 30 anni – fino allo ‘zero netto’, e anche oltre. Stimiamo che a partire dal 2050 possono essere ridotti permanentemente dall’atmosfera fino a 146 kg di CO2 per tonnellata di cemento prodotto. Ciò sarà reso possibile da ulteriori sviluppi nei tipi di cemento e calcestruzzo, dalla completa sostituzione dei combustibili fossili primari con combustibili alternativi come il legno di scarto e i fanghi di depurazione essiccati, e dall’uso di tecnologie di cattura del CO2. In relazione alla cattura di CO2, è particolarmente importante l’utilizzo della biomassa come combustibile. In questo modo si ottiene la ‘funzione di pozzo’ [viene assorbito più CO2 di quanto ne venga rilasciato, ndr] nella produzione del cemento.

L’industria del cemento produce pur sempre l’8% delle emissioni di CO2 a livello mondiale: non avete aspettato troppo a imboccare la strada della riduzione delle emissioni?

Se c’è un settore dell’economia a cui non si può rimproverare questo, è l’industria svizzera del cemento. Essa è da molto tempo consapevole del suo ruolo nella politica climatica e ha da subito fatto grandi sforzi per ridurre le sue emissioni. Nel 2003, è stata la prima industria a firmare un accordo industriale con il Dipartimento ambiente, trasporti, energia e comunicazioni (Datec) sulla riduzione delle emissioni di CO2. E, come già detto, dal 1990 ha ridotto le sue emissioni del 38%, superando di gran lunga l’obiettivo del 15% per tutta l’industria svizzera. Il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto non sarebbe stato possibile per la Svizzera senza questi sforzi. Ma finora l’industria non ha promosso e comunicato abbastanza i suoi sforzi presso l’opinione pubblica. Questo ora dobbiamo cambiarlo.

Sostituzione dei combustibili fossili che alimentano i forni; sostituzione dei cementi Portland tradizionali con cementi alternativi; riduzione dell’impiego di calcestruzzo grazie a materiali alternativi; riciclaggio del calcestruzzo. Qual è la strada più promettente per ridurre le emissioni di CO2 in Svizzera? E qual è il potenziale di miglioramento?

La chiave per una riduzione completa delle emissioni sta in una combinazione di tutti questi approcci. Lo mostriamo anche nella nostra Roadmap 2050. Per esempio, una riduzione del clinker nel cemento, così come una contemporanea riduzione del cemento nel calcestruzzo, può ridurre il circa il 17% le emissioni CO2, e di un ulteriore 21% se si sostituiscono i combustibili attuali con combustibili alternativi. Se l’industria del cemento sfrutta tutti questi potenziali, cosa enormemente impegnativa dal punto di vista tecnico, allora l’obiettivo ‘zero netto’ entro il 2050 è possibile. Allo stesso tempo, è fondamentale notare che infrastrutture solide e durevoli, fondazioni per turbine eoliche, dighe, gallerie, la fornitura d’acqua e la densificazione degli insediamenti richiedono tutti cemento. In questo contesto, non calcoliamo potenziali troppo rosei di riduzione di CO2 supponendo un calo significativo della domanda di cemento.

Calcestruzzo ‘Evopactzero’ di Lafarge-Holcim, cemento a base di magnesio studiato dall’Empa, cemento LC3 messo a punto al Politecnico federale di Losanna, calcestruzzo privo di cemento (Cleancrete) di Oxara, ecc.: sono destinati a restare prodotti di nicchia o potrebbero a medio termine imporsi come lo standard nel settore, soppiantando il Portland?

La domanda di cemento rimane stabile ad un livello elevato – ogni anno ne vengono utilizzate in Svizzera circa 5 milioni di tonnellate. Prima di tutto deve essere possibile sostituire adeguatamente questa quantità (e la qualità!). Ma, anche per i nostri membri, è importante l’innovazione. Cemsuisse finanzia diversi progetti di ricerca interaziendali. E in Svizzera, i miglioramenti del prodotto stanno giungendo direttamente sul mercato. Con una quota di mercato del 94%, i tipi di cemento con minor impatto climatico sono da tempo la regola e non l’eccezione. I classici cementi Portland, invece, non sono quasi più richiesti.

Densificazione delle costruzioni da un lato; tutela del paesaggio e dell’ambiente dall’altro: esigenze contraddittorie non sempre facili da conciliare, come ha dimostrato la recente occupazione della cava di Mormont (Vd). Assisteremo a conflitti più frequenti su questo piano?

Questi sono conflitti di obiettivi solo a prima vista. Conservare ciò che si conosce è umano – anche in Svizzera. Aiuta a ricordare che anche la natura è molto dinamica. Occorre assolutamente mettere in evidenza che gli aspetti positivi della produzione locale di cemento – brevi percorsi di trasporto, nessuna esportazione di effetti ambientali, o contributi al riciclaggio dei rifiuti e alla biodiversità – prevalgono. L’uso di prodotti locali – e il cemento è senz’altro uno di questi – è molto legato all’idea di base della sostenibilità. Dobbiamo fare un lavoro migliore per evidenziare questi benefici dell’industria del cemento. Dopo tutto, esternalizzare all’estero la produzione di questo prodotto locale non avrebbe senso, né da un punto di vista economico né ecologico.

La domanda di cemento in Svizzera è destinata ad aumentare. Ma in quattro delle sei sedi delle cementifici svizzeri (responsabili del 5% delle emissioni del Paese), l’espansione delle cave per l’estrazione delle materie prime si sta rivelando difficile. Non temete difficoltà di approvvigionamento?

Infatti questo possibile sviluppo ci preoccupa. La disponibilità di materie prime in Svizzera non è assicurata in modo sufficiente. Questa è anche la conclusione di un rapporto sulla sicurezza delle materie prime di cui il Consiglio federale ha recentemente preso atto. Per un’industria che pensa in tempi molto lunghi, pianificare è la cosa più importante. Deve anche essere possibile pianificare, approvare e ammortizzare molte delle misure sopra menzionate. In particolare, la cattura di CO2 direttamente nei camini è tecnicamente e logisticamente molto impegnativa. È quindi importante garantire che i permessi di estrazione siano garantiti anche in futuro.

584 kg pro capite all’anno: la Svizzera è tra i Paesi che proporzionalmente utilizzano più cemento. È immaginabile ridurre significativamente questa dipendenza? Il canton Vaud, ad esempio, ha deciso recentemente di ridurre l’impiego del cemento nelle costruzioni di sua proprietà, puntando maggiormente sul legno locale.

Un paese alpino come la Svizzera è particolarmente consapevole dei vantaggi del cemento e del calcestruzzo. Pensate alla costruzione delle strade nazionali, alle gallerie nella regione alpina o alle pareti delle dighe utilizzate per generare energia dalla forza idrica. Nell’ingegneria civile, è impossibile fare a meno del cemento. E anche nella costruzione di edifici è possibile solo una sostituzione limitata, ad esempio con materiali come il legno. Crediamo che al momento degli appalti pubblici debba essere messa a concorso la funzione degli edifici e non i singoli materiali. Gli edifici ibridi sono il futuro – ogni materiale dovrebbe essere usato secondo i suoi punti di forza e senza ideologia. L’obiettivo deve essere quello di creare edifici che siano il più possibile sostenibili dal punto di vista del ciclo di vita. È su questo che devono vertere le discussioni. Non è compito della società o della politica usare meno cemento o più legno (da paesi lontani, tra l’altro), ma gestire responsabilmente le risorse e le finanze pubbliche nelle circostanze date. Il compito dell’industria è quello di ridurre le emissioni corrispondenti. Ed è proprio su questo che stiamo lavorando a pieno ritmo e siamo certi che raggiungeremo l’obiettivo ‘zero netto’ entro il 2050.

 

Un’industria ‘local’

La Svizzera possiede ricchi giacimenti di calcare e marna – le principali materie prime utilizzate nella produzione del cemento – ed è pertanto “predestinata” alla produzione del materiale alla base del calcestruzzo. Non dovendo importarle dall’estero si trova “in una posizione molto privilegiata”, scrive Cemsuisse nel suo sito internet. Il primo cementificio svizzero venne aperto nel 1871 da Robert Vigier a Luterbach, nel canton Soletta. Attualmente tre aziende – Holcim, Jura Cement e Ciments Vigier – producono cemento nei sei stabilimenti svizzeri, quasi tutti situati lungo l’Arco giurassiano, ricco di calcare. La domanda di cemento nel 2020 è stata di 4,15 milioni di tonnellate, praticamente stabile rispetto agli anni precedenti. Secondo scenari elaborati dalle autorità federali in collaborazione con i cantoni e Cemsuisse, il fabbisogno è destinato a crescere e dovrebbe attestarsi attorno ai 5-6 milioni di tonnellate annue nel 2030. Tre quarti del cemento prodotto viene acquistato dagli impianti di produzione del calcestruzzo, il 20% dalle imprese di costruzione e il restante 5% dalle fabbriche di prodotti in calcestruzzo. Il calcestruzzo riveste un ruolo di primo piano nel campo dell’edilizia abitativa e delle infrastrutture (autostrade, dighe, ecc.).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved