ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
10 ore

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
10 ore

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
1 gior

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
2 gior

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
2 gior

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
2 gior

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
2 gior

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
2 gior

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
2 gior

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
3 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
laR
 
07.04.2021 - 08:15

Asilo in Svizzera, ‘troppo poco tempo per fare ricorso’

La critica di Amnesty International: praticamente impossibile opporsi nelle procedure celeri. A colloquio con la giurista Alicia Giraudel

asilo-in-svizzera-troppo-poco-tempo-per-fare-ricorso
Keystone
Procedure celeri non sempre eque

Fino a centoquaranta giorni nei centri federali, fino a un anno quando si viene trasferiti in quelli cantonali. È il tempo che un richiedente asilo in Svizzera può trascorrere nelle strutture dedicate all’accoglienza. Se infatti per molti l’esame della richiesta in prima istanza dura appena 8 giorni lavorativi – poco, troppo poco secondo numerosi osservatori – i tempi si fanno giocoforza più lunghi nell’attesa di un rimpatrio o di una diversa sistemazione. Quali sono i principali problemi? In occasione della pubblicazione del Rapporto 2020/2021 sui diritti umani nel mondo lo chiediamo ad Alicia Giraudel, giurista, esperta di diritto d’asilo per la sezione svizzera di Amnesty International.

Com’è la situazione generale nell’accoglienza dei richiedenti l’asilo?

Noi osserviamo soprattutto i centri federali e possiamo dire che la Segreteria di Stato della Migrazione (Sem, ndr) continua ad adottare un regime molto orientato al controllo e alla sicurezza, col risultato che chi vi soggiorna affronta forti limitazioni nella vita quotidiana e notevoli violazioni della privacy. Le stanze vengono regolarmente ispezionate, le visite controllate meticolosamente e l’accesso della società civile – associazioni, giornalisti… – è scoraggiato. Allo stesso tempo, pur trattandosi di persone la cui storia personale è segnata da gravi traumi, vi è una cronica mancanza di personale addetto al sostegno psicosociale. Si predilige invece una sovrabbondanza di agenti di sicurezza. La struttura di accoglienza è molto standardizzata, con procedure accelerate di esame. Tempi e spazi ristretti, dati i quali il richiedente fatica perfino a distinguere il suo rappresentante legale dai funzionari della Sem.

Ci sono anche casi di abusi fisici?

Purtroppo ci sono state segnalate violenze sia sugli adulti che sui minori. Abbiamo tantissime segnalazioni, sulla base delle quali stiamo completando una ricerca capillare interpellando vittime e testimoni. D’altronde va detto che siamo in contatto regolare con le autorità e ci siamo già confrontati con la Sem. Devo dire che si sono dimostrati disposti a impegnarsi e stanno già sviluppando un piano per la prevenzione della violenza. È qualcosa di positivo, anche se ancora più utile sarebbe avviare indagini indipendenti sui casi di violenza.

Poi c’è la necessità di fornire supporto psicologico ai più fragili, che dati i trascorsi non devono essere pochi.

Siamo in dialogo con le autorità per un piano finalizzato a riconoscere e soccorrere in modo sistematico, proattivo e precoce le vulnerabilità dei richiedenti asilo. Oggi molto spesso è difficile per i rifugiati avere un accesso tempestivo al sistema sanitario. Un ostacolo che al di là della salute e dell’integrità personale rischia di compromettere anche le possibilità di ottenere l’asilo, nel caso in cui le autorità non riconoscano e riscontrino la gravità di situazioni che cambierebbero l’esito delle loro decisioni. Ricordiamoci che circa il 50-60% di chi deve fuggire da situazioni di guerra, violenza e privazione accusa disturbi di natura post-traumatica.

Cos’è cambiato con il coronavirus?

Il coronavirus ha comportato una maggiore chiusura che rende più difficile controllare la situazione, anche se naturalmente si comprende la necessità di restrizioni per garantire la protezione sanitaria. Anche per questo il tasso di occupazione dei centri è stato ridotto dalla Sem al 50%.

D’altronde anche i flussi migratori si sono prosciugati.

Questo ci porta a un’altra emergenza. Le persone si sono trovate bloccate in campi come quelli greci ed extraeuropei, in condizioni igieniche drammatiche. Intanto – anche a causa della pandemia – il numero di domande d’asilo è al livello più basso dal 2007. Con numerose petizioni abbiamo chiesto di riaprire le frontiere per non violare il principio del non respingimento e di accettare ulteriori rifugiati dalle isole greche. Sono stati accolti 54 minori con legami familiari in Svizzera, conformemente al regolamento di Dublino, e altri 38 dopo l’incendio che ha distrutto il campo di Moria a Lesbo. Niente di più. Il fatto che non si sia andati oltre in un periodo così critico ci ha delusi, anche perché sarebbe stato un bel segnale verso un’Europa sempre più ‘blindata’.

Il coronavirus ha reso più difficile il sostegno legale?

Certo, infatti avevamo chiesto la sospensione delle procedure d’asilo, come è successo per molte altre procedure di diritto civile e in tanti altri Paesi. Ciò avrebbe permesso di evitare che la pandemia aggiungesse ulteriori ostacoli in quella corsa contro il tempo che è diventata la richiesta di un permesso. Purtroppo ci è stato negato. Ci hanno concesso le dovute protezioni sanitarie durante le udienze – ad esempio le barriere di plexiglas – ma proprio in ragione della pandemia si è deciso che si potessero proseguire i colloqui anche senza il rappresentante legale.

Come si può migliorare la situazione?

È importante anzitutto estendere i termini per il ricorso legale nella procedura d’asilo celere. Non è possibile infatti opporsi efficacemente al rifiuto di un permesso in una sola settimana. Inoltre lo stesso Tribunale amministrativo federale ha chiesto alla Sem che si faccia meno ricorso alla procedura celere, che oggi interessa circa 4 casi su 5. Con soli otto giorni lavorativi a disposizione per evadere una domanda, è facile intuire quanto sia arduo verificare la storia di una persona, mentre la procedura ampliata concede un anno di tempo. D’altronde lo stress dovuto ai tempi ristretti mette in difficoltà gli stessi funzionari della Sem.

Un’iniziativa parlamentare chiedeva di introdurre nei codici federali un’eccezione per chi favorisce l’ingresso illegale per motivi umanitari. Nel 2020 è stata bocciata. Con quali conseguenze?

Si è scelto di non prevedere nell’articolo 116 della Legge federale sugli stranieri – che regola l’incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegali – l’immunità in caso di comprovati motivi umanitari. È una stortura rispetto al diritto di molti altri Paesi europei e un problema grave, se si pensa che di 972 casi giudicati nel 2018 solo in 32 si è riscontrato un lucro da parte dei ‘passatori’: negli altri non c’era nessuno scopo economico. Si finisce per dover condannare chi fa entrare adulti e bambini evidentemente in grave difficoltà e bisognosi di soccorso, come capitato ad attiviste per i diritti umani quali Anni Lanz e Lisa Bosia Mirra. Consideri che si tratta di eccezioni già riconosciute da tutti i nostri vicini: Germania, Italia, Austria e Francia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved