GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:50
 
MIRZA S./RAM R.
0
BENCIC B./POLASEK F.
0
fine
NJ Devils
1
ARI Coyotes
4
fine
(1-0 : 0-3 : 0-1)
NY Rangers
3
TOR Leafs
3
3. tempo
(1-3 : 2-0 : 0-0)
ANA Ducks
COL Avalanche
04:00
 
asilo-in-svizzera-troppo-poco-tempo-per-fare-ricorso
Keystone
Procedure celeri non sempre eque
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
10 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
13 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
13 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
14 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
18 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
1 gior

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
1 gior

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
1 gior

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
1 gior

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
1 gior

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
1 gior

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
1 gior

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
1 gior

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
2 gior

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
2 gior

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
2 gior

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
 
07.04.2021 - 08:150

Asilo in Svizzera, ‘troppo poco tempo per fare ricorso’

La critica di Amnesty International: praticamente impossibile opporsi nelle procedure celeri. A colloquio con la giurista Alicia Giraudel

Fino a centoquaranta giorni nei centri federali, fino a un anno quando si viene trasferiti in quelli cantonali. È il tempo che un richiedente asilo in Svizzera può trascorrere nelle strutture dedicate all’accoglienza. Se infatti per molti l’esame della richiesta in prima istanza dura appena 8 giorni lavorativi – poco, troppo poco secondo numerosi osservatori – i tempi si fanno giocoforza più lunghi nell’attesa di un rimpatrio o di una diversa sistemazione. Quali sono i principali problemi? In occasione della pubblicazione del Rapporto 2020/2021 sui diritti umani nel mondo lo chiediamo ad Alicia Giraudel, giurista, esperta di diritto d’asilo per la sezione svizzera di Amnesty International.

Com’è la situazione generale nell’accoglienza dei richiedenti l’asilo?

Noi osserviamo soprattutto i centri federali e possiamo dire che la Segreteria di Stato della Migrazione (Sem, ndr) continua ad adottare un regime molto orientato al controllo e alla sicurezza, col risultato che chi vi soggiorna affronta forti limitazioni nella vita quotidiana e notevoli violazioni della privacy. Le stanze vengono regolarmente ispezionate, le visite controllate meticolosamente e l’accesso della società civile – associazioni, giornalisti… – è scoraggiato. Allo stesso tempo, pur trattandosi di persone la cui storia personale è segnata da gravi traumi, vi è una cronica mancanza di personale addetto al sostegno psicosociale. Si predilige invece una sovrabbondanza di agenti di sicurezza. La struttura di accoglienza è molto standardizzata, con procedure accelerate di esame. Tempi e spazi ristretti, dati i quali il richiedente fatica perfino a distinguere il suo rappresentante legale dai funzionari della Sem.

Ci sono anche casi di abusi fisici?

Purtroppo ci sono state segnalate violenze sia sugli adulti che sui minori. Abbiamo tantissime segnalazioni, sulla base delle quali stiamo completando una ricerca capillare interpellando vittime e testimoni. D’altronde va detto che siamo in contatto regolare con le autorità e ci siamo già confrontati con la Sem. Devo dire che si sono dimostrati disposti a impegnarsi e stanno già sviluppando un piano per la prevenzione della violenza. È qualcosa di positivo, anche se ancora più utile sarebbe avviare indagini indipendenti sui casi di violenza.

Poi c’è la necessità di fornire supporto psicologico ai più fragili, che dati i trascorsi non devono essere pochi.

Siamo in dialogo con le autorità per un piano finalizzato a riconoscere e soccorrere in modo sistematico, proattivo e precoce le vulnerabilità dei richiedenti asilo. Oggi molto spesso è difficile per i rifugiati avere un accesso tempestivo al sistema sanitario. Un ostacolo che al di là della salute e dell’integrità personale rischia di compromettere anche le possibilità di ottenere l’asilo, nel caso in cui le autorità non riconoscano e riscontrino la gravità di situazioni che cambierebbero l’esito delle loro decisioni. Ricordiamoci che circa il 50-60% di chi deve fuggire da situazioni di guerra, violenza e privazione accusa disturbi di natura post-traumatica.

Cos’è cambiato con il coronavirus?

Il coronavirus ha comportato una maggiore chiusura che rende più difficile controllare la situazione, anche se naturalmente si comprende la necessità di restrizioni per garantire la protezione sanitaria. Anche per questo il tasso di occupazione dei centri è stato ridotto dalla Sem al 50%.

D’altronde anche i flussi migratori si sono prosciugati.

Questo ci porta a un’altra emergenza. Le persone si sono trovate bloccate in campi come quelli greci ed extraeuropei, in condizioni igieniche drammatiche. Intanto – anche a causa della pandemia – il numero di domande d’asilo è al livello più basso dal 2007. Con numerose petizioni abbiamo chiesto di riaprire le frontiere per non violare il principio del non respingimento e di accettare ulteriori rifugiati dalle isole greche. Sono stati accolti 54 minori con legami familiari in Svizzera, conformemente al regolamento di Dublino, e altri 38 dopo l’incendio che ha distrutto il campo di Moria a Lesbo. Niente di più. Il fatto che non si sia andati oltre in un periodo così critico ci ha delusi, anche perché sarebbe stato un bel segnale verso un’Europa sempre più ‘blindata’.

Il coronavirus ha reso più difficile il sostegno legale?

Certo, infatti avevamo chiesto la sospensione delle procedure d’asilo, come è successo per molte altre procedure di diritto civile e in tanti altri Paesi. Ciò avrebbe permesso di evitare che la pandemia aggiungesse ulteriori ostacoli in quella corsa contro il tempo che è diventata la richiesta di un permesso. Purtroppo ci è stato negato. Ci hanno concesso le dovute protezioni sanitarie durante le udienze – ad esempio le barriere di plexiglas – ma proprio in ragione della pandemia si è deciso che si potessero proseguire i colloqui anche senza il rappresentante legale.

Come si può migliorare la situazione?

È importante anzitutto estendere i termini per il ricorso legale nella procedura d’asilo celere. Non è possibile infatti opporsi efficacemente al rifiuto di un permesso in una sola settimana. Inoltre lo stesso Tribunale amministrativo federale ha chiesto alla Sem che si faccia meno ricorso alla procedura celere, che oggi interessa circa 4 casi su 5. Con soli otto giorni lavorativi a disposizione per evadere una domanda, è facile intuire quanto sia arduo verificare la storia di una persona, mentre la procedura ampliata concede un anno di tempo. D’altronde lo stress dovuto ai tempi ristretti mette in difficoltà gli stessi funzionari della Sem.

Un’iniziativa parlamentare chiedeva di introdurre nei codici federali un’eccezione per chi favorisce l’ingresso illegale per motivi umanitari. Nel 2020 è stata bocciata. Con quali conseguenze?

Si è scelto di non prevedere nell’articolo 116 della Legge federale sugli stranieri – che regola l’incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegali – l’immunità in caso di comprovati motivi umanitari. È una stortura rispetto al diritto di molti altri Paesi europei e un problema grave, se si pensa che di 972 casi giudicati nel 2018 solo in 32 si è riscontrato un lucro da parte dei ‘passatori’: negli altri non c’era nessuno scopo economico. Si finisce per dover condannare chi fa entrare adulti e bambini evidentemente in grave difficoltà e bisognosi di soccorso, come capitato ad attiviste per i diritti umani quali Anni Lanz e Lisa Bosia Mirra. Consideri che si tratta di eccezioni già riconosciute da tutti i nostri vicini: Germania, Italia, Austria e Francia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved