ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Una coppia trova una busta con ventimila franchi per strada

I due onesti cittadini hanno rintracciato quindi l’anziano proprietario e gli hanno restituito la busta con l’ingente somma
Svizzera
11 ore

‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga

Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
11 ore

Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali

Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
11 ore

‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’

Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
12 ore

In dogana con un ghepardo imbalsamato

Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
12 ore

Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali

A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
12 ore

Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà

È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
14 ore

Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach

Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
14 ore

Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria

Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
15 ore

I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati

È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
15 ore

Si schianta contro un albero: morto un 21enne

Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
15 ore

Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi

La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
16 ore

Preventivo 2023, rosso per 4,8 miliardi di franchi

Il Consiglio nazionale ritocca lievemente le spese previste dal Governo: 15,11 milioni in più. Il dossier ora al vaglio degli Stati
Svizzera
17 ore

Novembre di stabilità per l’inflazione

Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
18 ore

Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici

Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
21 ore

‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’

La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista
19.05.2021 - 06:27
Aggiornamento: 19:46

‘Gravi maltrattamenti’ nei centri federali d’asilo

Amnesty International denuncia 'problemi sistemici' e chiede un intervento urgente. La Sem respinge le accuse e replica: forniteci informazioni più dettagliate

gravi-maltrattamenti-nei-centri-federali-d-asilo
Keystone
Centro federali d’asilo sotto stretta osservazione

Berna – Diverse violazioni commesse dal personale addetto alla sicurezza, inclusi gravi maltrattamenti. Li ha riscontrati Amnesty International (Ai) in cinque centri federali d’asilo (Cfa). L’Ong chiede alle autorità di “intervenire urgentemente” per mettere fine agli abusi, che interessano anche minori non accompagnati.

Nel suo rapporto intitolato ‘Chiedo solo che trattino i richiedenti l’asilo come persone. Violazioni dei diritti umani nei centri federali d’asilo in Svizzera’, Ai documenta i maltrattamenti commessi dagli agenti delle società private Securitas e Protectas, incaricate dalla Segreteria di Stato per la migrazione (Sem) di garantire la sicurezza all’interno dei Cfa. Gli abusi descritti hanno avuto luogo tra gennaio 2020 e aprile 2021 nei centri di Basilea, Chevrilles (Fr), Boudry (Ne), Altstätten (Sg) e Vallorbe (Vd). Le informazioni sono state ottenute attraverso interviste a 32 persone, tra cui 14 vittime di abusi e 18 ex o attuali agenti di sicurezza, rappresentanti legali, personale ed educatori che hanno assistito ai fatti. Il rapporto si basa anche su cartelle cliniche, denunce penali e altre fonti rilevanti.

Situazione ‘allarmante’

I 14 richiedenti intervistati (compresi due minori) hanno riferito di essere stati sottoposti ad abusi da parte di agenti di sicurezza. Nel dettaglio: percosse; uso della costrizione fisica al punto da limitare la respirazione e causare un attacco epilettico; svenimento e difficoltà respiratorie come risultato dell’inalazione di spray al pepe; detenzione in un container fino a soffrire di ipotermia. Sei degli intervistati hanno avuto bisogno di cure ospedaliere. A due persone sono state negate, nonostante le avessero richieste.

Per Ai, le informazioni raccolte rivelano “gravi infrazioni” che, prese individualmente, potrebbero essere assimilabili alla tortura o ad altri gravi maltrattamenti. L’Ong non esclude che possano configurare una violazione degli obblighi della Svizzera in materia di diritto internazionale. Amnesty si dice “molto preoccupata”. Anche per “l’atteggiamento ostile, i pregiudizi e il razzismo nei confronti delle persone che vivono nei centri, in particolare verso le persone originarie del Nord Africa”, spiega la giurista Alicia Giraudel, citata in una nota.

La situazione viene definita “allarmante”. Ai non si accontenta della promessa della Sem di avviare un’indagine esterna per far luce sulle singole accuse di abusi. A suo parere, i risultati del rapporto “sono tali da esigere che le autorità non si limitino ad attribuirli solo a qualche ‘mela marcia’”. Si tratta, con “un’azione più vasta e profonda”, di “affrontare e risolvere i problemi sistemici urgenti e prendere le necessarie misure per prevenire la tortura e i maltrattamenti, sradicare il razzismo e proteggere i diritti delle persone che si trovano nei centri d’asilo federali”, dice ancora Giraudel.

La Sem: nessuna violazione sistematica

In una immediata presa di posizione, la Sem ha affermato di prendere molto sul serio tutte le critiche e di essere pronta a indagare su ogni accusa, a condizione di ottenere informazioni più dettagliate su casi concreti. La Sem sottolinea di non accettare nessuna coercizione sproporzionata nei confronti dei richiedenti asilo e di continuare a sanzionare sistematicamente i comportamenti scorretti.

Su incarico del segretario di Stato Mario Gattiker, si legge ancora nella presa di posizione, l'ex giudice federale Niklaus Oberholzer sta indagando diversi incidenti. Parallelamente è in corso un audit interno per esaminare tutti i processi inerenti al settore della sicurezza. La Sem informerà il pubblico sui risultati di queste indagini nonché sulle eventuali misure correttive.

Nel suo ultimo rapporto presentato alla fine del 2020, la Commissione nazionale per la prevenzione della tortura ha comunque affermato che l'alloggiamento dei richiedenti asilo da parte della Confederazione è ”fondamentalmente conforme ai diritti dell'uomo e ai diritti fondamentali”. Le accuse di sistematica violazione dei diritti umani e di tortura nei Cfa vengono respinte “nella maniera più assoluta” dalla Sem. Con queste accuse Ai “pone la Sem (...) alla pari di regimi iniqui o di dittature militari”, si legge nella presa di posizione.

Servono ‘meccanismi di denuncia indipendenti e sicuri’

Amnesty nel suo rapporto esprime preoccupazione anche per l”utilizzo della cosiddetta ‘cella di riflessione’, un container ubicato all’esterno di un Cfa che funge da “cella di detenzione improvvisata e metodo di punizione”. L’Ong denuncia poi l’assenza di meccanismi di sorveglianza e di protezione affidabili che possano essere impiegati preventivamente dalla Sem nei centri. Grave è anche il fatto che alcune guardie abbiano redatto dei rapporti imprecisi sugli episodi di violenza. La maggior parte degli agenti di sicurezza intervistati ha anche criticato la formazione del personale di guardia. Si sono detti scioccati per le istruzioni ricevute dai superiori che dicevano loro di non esitare a ricorrere alla violenza e a misure coercitive, scrive Ai.

L’Ong chiede tutti i centri dispongano di meccanismi di denuncia indipendenti sicuri ed efficaci, compresi sistemi di whistleblowing, e che tutte le persone alloggiate o impegnate professionalmente nei centri siano a conoscenza della loro esistenza, vi possano accedere e siano informate sulle regole per il loro utilizzo. L’organizzazione per i diritti umani chiede inoltre alle autorità di intervenire per contrastare gli stereotipi negativi e pericolosi e le opinioni razziste nei confronti delle persone richiedenti l’asilo, in particolare le persone provenienti dal Nord Africa. Richiede infine che i minori non accompagnati non siano più alloggiati nei centri d’asilo federali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved