ULTIME NOTIZIE Svizzera
cyberpornografia
18 min

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
31 min

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
Svizzera
1 ora

‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge

Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
1 ora

Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina

Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
3 ore

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
6 ore

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
6 ore

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
7 ore

Nel 2023 non ci dovrebbe essere recessione

A sostenere la crescita sono in particolare i consumi privati, mentre l’edilizia influisce negativamente sui risultati
Svizzera
8 ore

Per un caffè crème fra un po’ non basteranno 5 franchi

Sull’arco di dieci anni l’aumento è del 6,8% (+28 centesimi), con il prezzo medio che nel 2012 era di 4,11 franchi
Svizzera
9 ore

Ben 21 nuovi elicotteri di soccorso per la Rega

Fra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso rinnoverà la sua intera flotta
Svizzera
10 ore

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
11 ore

Covid: 1’400 ricoveri per effetti indesiderati dei vaccini

Fra il 2020 e il 2021, 8’232 persone ricoverate a causa del coronavirus sono decedute negli ospedali
Svizzera
11 ore

Trasfusioni e omosessuali: possibile modificare l’esclusione

In Svizzera, dal 2017, gli uomini che hanno avuto rapporti sessuali con uomini negli ultimi 12 mesi non possono donare sangue
Svizzera
12 ore

Hotel: incremento dei visitatori, ma non in Ticino (-14,9%)

Per l’estate scorsa dieci regioni turistiche su tredici presentano un aumento di pernottamenti rispetto al 2021
Svizzera
13 ore

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
13 ore

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
1 gior

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
13.03.2021 - 15:26

Canapa medica, a decidere saranno medico e paziente

Pronta per le votazioni finali in Parlamento la modifica della legge federale sugli stupefacenti. L’essenziale da sapere.

canapa-medica-a-decidere-saranno-medico-e-paziente
Keystone
Accesso facilitato

Stupefacente vietato, la canapa oggi può essere prescritta a fini medici soltanto dopo aver ottenuto un’autorizzazione eccezionale dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Per medici e pazienti è un percorso “amministrativamente oneroso”, che lo stesso Ufsp ritiene non più al passo con la realtà. Si tratta perciò di “sciogliere una contraddizione”: quella esistente tra il crescente utilizzo della canapa a scopo medico e la classificazione di quest’ultima come sostanza vietata. È lo scopo della modifica della legge sugli stupefacenti (LStup) accolta lunedi all’unanimità (!) dal Consiglio degli Stati. Già approvato dal Nazionale, il progetto – che consentirà ai medici di prescrivere direttamente ai loro pazienti farmaci a base di canapa – è ormai in dirittura d’arrivo in Parlamento: mancano solo le votazioni finali, dall’esito scontato. L’essenziale da sapere in una serie di domande e risposte.

Qual è la situazione attuale?

Già oggi migliaia di pazienti ricevono canapa medicinale nel quadro del loro trattamento, soprattutto quelli affetti da cancro o sclerosi multipla, per i quali la canapa può alleviare i dolori cronici. I medici che intendono prescriverla devono, nella maggior parte dei casi, richiedere un’autorizzazione eccezionale all’Ufsp. Tra il 2012 e il 2019 ne sono state rilasciate oltre 12mila (la maggior parte è stata accolta, precisa l’Ufsp in una nota informativa). La tendenza è al rialzo. Nel solo 2019 ne sono state accordate circa 3mila. Le cifre indicano però solo una minima parte di coloro che ricorrono alla canapa per ragioni di salute. La procedura per ottenere un’autorizzazione eccezionale è «fastidiosa», ha ribadito ieri il ministro della Sanità Alain Berset. Le lungaggini burocratiche spesso ritardano l’inizio di un agognato trattamento e sono uno dei motivi (un altro: il prezzo elevato) che oggigiorno spingono molti malati a rifornirsi sul mercato nero. Il fenomeno dell’automedicazione riguarderebbe in Svizzera tra 66mila e 111mila persone, stimava l’Ufsp nel 2018. 

Cosa prevede la riforma?

Forte aumento delle richieste di autorizzazione eccezionale, diffuso ricorso alla canapa illegale: il sistema attuale ormai è superato. Da qui la necessità di una modifica della LStup, che permetta di “sfruttare meglio il potenziale terapeutico” della canapa e di “renderla accessibile ai malati con il minor onere burocratico possibile”. L’attuale proibizione sancita dalla legge sarà abrogata. La canapa ricreativa continuerà ad essere proibita. La decisione di prescrivere o meno un farmaco verrà presa tra il medico e il paziente: non sarà più necessaria un’autorizzazione eccezionale dell’Ufsp. Sarà istituita una raccolta di dati sistematica. Per alcuni anni i medici curanti saranno tenuti a trasmettere all’Ufsp i dati relativi ai trattamenti in questione: serviranno a monitorare l’evoluzione delle prescrizioni e ad acquisire conoscenze scientifiche circa la sua efficacia. La coltivazione di piante proprie per automedicazione non sarà consentita.

In quali casi vengono impiegati farmaci a base di canapa?

Un’autorizzazione può essere rilasciata se sono soddisfatte quattro condizioni: il paziente soffre di una malattia perlopiù inguaribile; la sofferenza può essere alleviata dall’assunzione dello stupefacente vietato; si sono esaurite le possibilità di terapia esistenti o non vi sono possibilità di trattamento alternative; il medicamento consente al paziente di condurre una vita più autonoma, ad esempio perché può evitargli un trattamento stazionario. Nella prassi medica i farmaci a base di canapa vengono utilizzati principalmente per trattare dolori cronici (neuropatici, oncologici, ecc.), spasticità o crampi originati da sclerosi multipla o altre patologie neurologiche, nausea o perdita di appetito a causa di una chemioterapia.

Quanto costa una terapia?

In genere alcune centinaia di franchi al mese (200-500 per una dose giornaliera di 5-10 mg di Thc, uno dei principi attivi della canapa). Solo pochissimi pazienti possono permettersela. Anche per questo molti si riforniscono sul mercato nero, dove la canapa è assai meno cara. Una scelta quasi obbligata, che comporta diversi rischi (eccessivo tenore di Thc, dosaggi inadeguati, ecc.). 

Le casse malati rimborsano?

No. Attualmente, i trattamenti con farmaci a base di canapa – il Sativex®, solo medicamento di questo tipo omologato in Svizzera, così come i preparati magistrali fabbricati da poche farmacie – non sono rimunerati dall’assicurazione malattia obbligatoria (Lamal). Il motivo: non vi è un’evidenza scientifica chiara della loro efficacia ed economicità. Alcune casse li rimborsano eccezionalmente, in singoli casi e previo accordo con il medico di fiducia. Sempre più spesso richiedono un trattamento di prova, a spese del paziente, indica la piattaforma informativa specializzata Medico e Dipendenze Svizzera. Se il trattamento ha successo, aumenta la possibilità di ottenere un rimborso, soprattutto per chi ha un’assicurazione complementare.

In futuro le cose cambieranno?

Non si sa ancora. La questione non è stata affrontata nel quadro della presente modifica di legge. È oggetto di una valutazione separata, tuttora in corso, volta segnatamente a esaminare l’efficacia e l’economicità dei trattamenti a base di canapa. Questa potrebbe preludere a “una rimunerazione almeno parziale” da parte della Lamal, scrive il Consiglio federale. Allo studio vi è anche “un loro eventuale finanziamento alternativo”. Un rapporto è atteso nel corso dell’anno.

Quando entrerà in vigore la riforma?

Se tutto va bene (e dovrebbe essere così: all’orizzonte non si profila un referendum), la modifica di legge e la relativa ordinanza adeguata dovrebbero entrare in vigore nel corso del 2022.

Canapa medica: la Svizzera diventerà un’isola?

No. Una volta entrata in vigore la modifica di legge, la Svizzera si avvicinerà a quei Paesi che prevedono un sistema di accesso esteso ai medicamenti a base di canapa. Tra questi, l’Ufsp menziona Canada, Germania, Paesi Bassi e Italia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved