dal-1-marzo-via-libera-a-negozi-tempo-libero-e-sport-all-aperto
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Vaiolo delle scimmie, c’è un secondo caso in Svizzera

Dopo il contagio nel Canton Berna, è la volta di un ginevrino. Anche quest’ultimo reduce da un viaggio all’estero
Svizzera
11 ore

Cartella informatizzata del paziente, le autorità ci credono

Malgrado solo uno svizzero su mille la utilizzi, per Confederazione e Cantoni ‘siamo sulla buona strada’. E puntano al suo rilancio
Svizzera
12 ore

Profughi ucraini, la Svizzera ammicca alla banca dati Ue

Per Karin Keller-Sutter aderire alla piattaforma dell’Unione europea ‘eviterebbe doppie registrazioni e irregolarità. Ne guadagnerebbe la credibilità’
Svizzera
13 ore

Vuoi il booster per viaggiare? Lo paghi di tasca tua

Ufficio federale della sanità pubblica intenzionato a fatturare la somministrazione della quarta dose di vaccino per recarsi all’estero
Svizzera
13 ore

Luce verde al salvagente per le società elettriche

La maggioranza della commissione sposa il piano elaborato dal governo per sostenere le grandi aziende. Con lievi correttivi
Svizzera
13 ore

Coronavirus, sotto i diecimila casi in una settimana

Negli ultimi sette giorni le nuove infezioni in Svizzera sono state 8’125. In calo anche i decessi (da 12 a 10) e i ricoveri (da 150 a 100)
Svizzera
14 ore

‘Anche la società civile’ alla conferenza sull’Ucraina di Lugano

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani scrive una lettera aperta al Consiglio federale
Svizzera
14 ore

‘Il Consiglio federale ha inizialmente sottovalutato il Covid’

È la posizione delle commissioni Gestione in un rapporto divulgato oggi. Eccessivo il peso del Dipartimento dell’interno rispetto agli altri dipartimenti
Svizzera
15 ore

Password rubate nel dark web, ecco le preferite degli svizzeri

‘Passwort‘, ’andrea’, ‘sunshine’, ’soleil’: queste le password più usate e più frequentemente rubate in Svizzera e messe in circolazione sulla Darknet
Svizzera
15 ore

Una maggiore collaborazione con la Nato è un’opzione

A Davos incontro tra la consigliera federale Viola Amherd e il segretario generale dell’Alleanza atlantica Jens Stoltenberg
Svizzera
15 ore

Monumento a Suvorov imbrattato: ‘È dei russi, lo puliscano loro’

Il governo urano annuncia in un comunicato che la Federazione russa, proprietaria del monumento, deve farsi carico della pulizia dell’opera
Svizzera
16 ore

Danni da intemperie per due miliardi di franchi nel 2021

È il ‘conto’ che devono pagare gli assicuratori; nel 63% dei casi a seguito di inondazioni. Ticino tra i cantoni più colpiti
Svizzera
17 ore

Il 50% degli svizzeri è insoddisfatto del proprio lavoro

Il 20% dei 1’000 intervistati in Svizzera nello studio realizzato a livello globale dalla società di consulenza PwC pensa di cambiare lavoro entro un anno
Svizzera
18 ore

L’Avs va sostenuta con gli utili della Banca nazionale

Lo chiede un’iniziativa popolare. Maillard (Uss): ‘Si rafforzerebbe la vecchiaia senza attingere ulteriormente al portafoglio dei lavoratori’
Svizzera
18 ore

La Confederazione contro i ricordi delle vacanze ‘invasivi’

La campagna ‘Non portare i rischi con te!’ invita chi viaggia all’estero a non importare in Svizzera animali o piante estranee al nostro ecosistema
17.02.2021 - 15:03
Aggiornamento : 19:06

Dal 1°Marzo via libera a negozi, tempo libero e sport all'aperto

Riapertura graduale delle attività commerciali e ricreative. Le misure poste in consultazione, la parola passa ai cantoni

Aperture graduali, di mese in mese, adeguate ad una situazione sanitaria che presenta sì dati i miglioramento e una minore pressione sul sistema sanitario, ma che resta incerta per la diffusione delle varianti del virus, i cui casi registrati raddoppiano ogni 10-14 giorni, mentre sono ancora troppo poche le persone già vaccinate. Queste le proposte del Consiglio federale che saranno poste in consultazione con i cantoni per una decisione definitiva il 24 febbraio.

A tirar nuovamente su la saracinesca dal 1° di marzo dovrebbero essere tutti i negozi con un numero di clienti limitato. Potranno inoltre riaprire i musei e le sale di lettura di archivi e biblioteche. Le aree esterne di strutture ricreative e per il tempo libero, come giardini zoologici e botanici e parchi divertimento, saranno nuovamente accessibili al pubblico, ma ovunque sarà obbligatorio portare la mascherina e rispettare le regole di distanziamento e saranno applicate limitazioni della capienza. Anche gli impianti sportivi quali le piste di pattinaggio, i campi da tennis e da calcio o gli stadi di atletica leggera potranno riaprire i battenti. In queste strutture, oltre a limitazioni della capienza, si applicherà l’obbligo della mascherina o del distanziamento e la pratica dello sport sarà consentita soltanto in gruppi di non oltre cinque persone. Competizioni e manifestazioni sportive popolari per adulti restano vietate. Saranno di nuovo consentite anche le manifestazioni private all’aria aperta con fino a 15 persone.

Meno restrizioni per i giovani

Per i bambini e i giovani, le restrizioni imposte dall’epidemia sono particolarmente pesanti: in questa fascia di età, il disagio psicologico è cresciuto in misura rilevante. Per i ragazzi fino a 16 anni, le regole vigenti prevedono già determinati allentamenti nel settore sportivo e culturale. Ciò nonostante, il Consiglio federale intende innalzare a 18 anni questo limite di età ed estendere il novero delle offerte sportive e culturali ammesse, consentendo anche la ripresa delle attività di animazione socioculturale giovanile.

Strategia basata sull'analisi dei rischi

La strategia si baserà sull'analisi dei rischi: la possibilità di rispettare le misure di sicurezza, il numero di persone coinvolte negli spazi in questione e il tempo in cui le persone sono in contatto.

Seconda fase di riapertura prima di Pasqua

Il 1° aprile è prevista una seconda fase di riapertura: è ipotizzabile, ad esempio, la ripresa di manifestazioni culturali e sportive in presenza di pubblico in spazi fortemente circoscritti o della pratica sportiva in locali al chiuso, oppure ancora la riapertura delle terrazze dei ristoranti – a condizione, tuttavia, che la situazione epidemiologica lo consenta. Per le sue decisioni, il Consiglio federale si baserà su una serie di indicatori: il tasso di positività, che deve restare al di sotto del 5 per cento; il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva con pazienti COVID-19, che non deve superare il 25 per cento; il numero di riproduzione medio negli ultimi sette giorni, che deve restare inferiore a 1; l’incidenza della malattia calcolata su 14 giorni, che il 24 marzo non dovrà superare quella del 1° marzo, giorno delle prime riaperture. Questi indicatori non danno luogo a un automatismo, in quanto prima di prendere una decisione il Consiglio federale esaminerà in che modo si combinano fra loro.

 Parmelin: capisco e ringrazio i giovani per la tenacia

 Parmelin: «Capisco le difficoltà per i giovani, è un periodo difficile per voi, è un periodo che dovrebbe aprirvi a nuovi orizzonti ma a causa della pandemia è diverso. Molti di voi sono insoddisfatti, ma molti danno anche prova di creatività tenacia e solidarietà. Vorremmo ringraziarvi, speriamo che la stagione più calda possa permettervi di ampliare i vostri orizzonti, l'uscita dal tunnel sta arrivando. Solo con il massimo numero di persone vaccinate riusciremo ad uscire da questa crisi il più rapidamente possibile. Il motto resta lo stesso: testare, testare, testare per rilevare le persone asintomatiche.»

Berset: gli sforzi valgono la pena

Alain Berset: «La popolazione è stata molto rispettosa nella fase delicata delle feste di fine anno. La situazione evolve positivamente perchè le indicazioni sono state rispettate, e quindi è possibile un nuovo allentamento delle misure, anche se avremo bisogno di un po' di tempo. Bisogna comunque essere cauti perchè la situazione rimane delicata: noi vorremo poter riaprire, ma affinchè questo funzioni bene bisogna essere vigili e rispettare le regole. La situazione rimane fragile, i casi potrebbero evolvere al rialzo a inizio marzo con i nuovi scenari riguardo le varianti del virus, per questo abbiamo proposto uno svolgimento delle riaperture a tappe, per non avere un effetto "yo-yo" di aperture e poi  nuove chiusure. Non vogliamo creare false incertezze nelle persone, perchè creerebbe più frustazione.»

Previste anche nuove misure in aiuto alle aziende: gli aiuti per i casi di rigore vengono aumentati fino 10 miliardi, mentre ulteriori 6 miliardi verranno impiegati per l'assunzione dei costi per l'assicurazione contro la disoccupazione e il lavoro ridotto.

 

 

 

Leggi anche:

Berna rilancia a 10 miliardi sul piatto dei casi di rigore

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale riapertura negozi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved