consuntivo-2020-disavanzo-record-di-15-8-miliardi
I conti presentati dal Consiglio federale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
4 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
5 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
5 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
5 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
6 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
7 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
7 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
8 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
11 ore

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
12 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
17.02.2021 - 15:45

Consuntivo 2020, disavanzo record di 15,8 miliardi

Nel complesso il crollo economico dell'anno scorso è stato meno forte del previsto. 70 miliardi di debito pubblico netto a fine 2020

Ats, a cura de laRegione

A causa della pandemia, e delle misure adottate per farvi fronte, l'esercizio 2020 della Confederazione ha chiuso con un disavanzo record di 15,8 miliardi di franchi.

Non una sorpresa, tenuto conto che il ministro delle finanze Ueli Maurer lo aveva già preannunciato nei mesi scorsi. Nel complesso, il crollo economico nel 2020 è però stato meno forte del previsto.

Secondo le stime attuali, nell'anno in corso le uscite straordinarie per contrastare la pandemia (circa 17 miliardi) provocheranno un deficit di finanziamento di circa 20 miliardi. Per gli anni 2022–2024 la Confederazione si attende un saldo di bilancio equilibrato o leggermente positivo, indica una nota odierna del Dipartimento federale delle finanze (DFF).

Il deficit, sottolinea il comunicato, è riconducibile al crollo congiunturale dovuto alla pandemia che ha comportato un calo delle entrate, e dalle elevate spese sostenute dalla Confederazione per attenuare gli effetti economici negativi.

Invece di un disavanzo di 15,8 miliardi, la Confederazione aveva stimato un'eccedenza di 344 milioni; come indicato, il peggioramento di 16,1 miliardi è imputabile alle ripercussioni del coronavirus.

Da un lato, il crollo congiunturale dovuto alle misure di contenimento ha comportato minori entrate (-3,7 miliardi o -5%), dall'altro la Confederazione ha sostenuto elevate spese straordinarie (14,7 miliardi).

Calo imposta preventiva, meno dividendi

Rispetto al 2019, le entrate ordinarie sono diminuite del 3,4%, che corrisponde approssimativamente al calo atteso del prodotto interno lordo nominale (-3,9 %). La contrazione delle entrate (-2,6 miliardi) è principalmente riconducibile all'imposta preventiva (-3,1 miliardi).

Nel 2020 le imprese sono state più prudenti con la distribuzione di dividendi e il riacquisto di azioni. Di conseguenza, i ricavi sono stati nettamente inferiori rispetto all'anno precedente.

Meno entrate Iva e carburanti

Anche il gettito dell'imposta sul valore aggiunto (-4 miliardi) e dell'imposta sugli oli minerali (-300 milioni) segna una flessione rispetto al 2019.

L'imposta federale diretta ha invece registrato un'ulteriore crescita (+900 milioni), dato che concerne prevalentemente i redditi e gli utili conseguiti nel 2019.

Lavoro ridotto e IPG

Nel 2020 le uscite effettive per contrastare la pandemia sono ammontate a 15 miliardi di franchi e riguardano principalmente l'indennità per lavoro ridotto (10,8 mia.) e l'indennità per perdita di guadagno a seguito del coronavirus (2,2 mia.). Le uscite inerenti al programma per i casi di rigore esplicheranno i loro effetti soltanto sul consuntivo 2021.

Nel 2020 sono stati stanziati circa 31 miliardi per le misure contro il COVID-19. La grande differenza rispetto alle uscite effettive sta soprattutto nelle indennità per lavoro ridotto e per perdita di guadagno in seguito alla pandemia. Questi mezzi sono stati calcolati nella primavera del 2020 in base alle ripercussioni della pandemia, che allora era possibile stimare solo a grandi linee. Nel complesso il crollo economico nel 2020 è però stato meno forte del previsto.

Aumento limitato del debito

Nel 2020 il debito netto è cresciuto di 15,5 miliardi, specchio fedele del deficit di finanziamento. Per coprire l'elevato fabbisogno di mezzi necessari per le misure contro il coronavirus, durante l'anno scorso la Confederazione ha, da un lato, aumentato l'indebitamento e, dall'altro, ridotto la liquidità, ovvero i suoi beni patrimoniali.

Negli scorsi anni la liquidità era cresciuta in misura considerevole, in particolare per effetto dell'imposta preventiva. Impiegando tale liquidità la Confederazione ha potuto limitare il nuovo indebitamento. Nel 2020 il debito lordo è dunque cresciuto solo di 6,7 miliardi e a fine anno si attestava a 103,7 miliardi (70,3 miliardi di debito netto). 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione consiglio federale consuntivo 2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved