in-svizzera-si-conferma-il-calo-dei-casi-a-livello-settimanale
(Ti-Press)
Svizzera
15.02.2021 - 14:050
Aggiornamento : 15:44

In Svizzera si conferma il calo dei casi a livello settimanale

Il numero dei contagi del weekend è in calo rispetto alla scorsa settimana, anche ricoveri e decessi su soglie basse, tasso di positività stabile al 3,77%

I contagi da coronavirus, in Svizzera, e in generale i dati relativi alla pandemia, sembrano dare un po' di respiro alla Svizzera confermando la tendenza al calo. Nel corso del fine settimana appena trascorso, sono stati rilevati 2'480 nuovi contagi su un totale di 65'737 test eseguiti fra tamponi Pcr e test rapidi: lo scorso weekend erano stati 3'280 su 66'549 test effettuati. In base a questi dati il tasso di positività si attesta al 3,77%, in linea con l'ultima rilevazione di venerdi (ma su dati relativi a 72 ore anzichè 24) e oltre un punto percentuale al di sotto del conteggio dello scorso fine settimana.

Scendono a 99 le persone ricoverate in ospedale nel corso del weekend, un netto calo in confronto alle 143 dello scorso fine settimana e un dato positivo confrontato con le 93 della sola giornata di venerdi.  E buoni numeri arrivano anche dal tragico fronte dei decessi, con "solo" 40 persone che hanno perso la vita nelle ultime 72 ore contro le 50 del fine settimana precedente, numeri in netto calo rispetto ai 78 dello scorso weekend. Con queste nuove, tristi perdite il bilancio dei decessi dall'inizio della pandemia raggiunge le 9'071 persone.

In Ticino i dati odierni (giornalieri) riportano 9 nuovi contagi, 2 ricoveri, 2 dimissioni e nessun decesso.

I dati sulle varianti

Sul totale dei casi finora scoperti in Svizzera, 6'003 casi infezioni sono collegate alle varianti mutate del coronavirus, circa il 45% in più rispetto a una settimana fa. Tre casi riguardano la variante brasiliana, riferisce oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) all'agenzia Keystone-ATS. Secondo le ultime cifre, sono invece 2'381 i casi finora attribuiti alla variante britannica (B.1.1.7), e 96 a quella sudafricana (B.1.351). Nei restanti 3515 casi, una mutazione era presente ma di "stirpe" non era appurata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved