ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
Svizzera
9 ore

Un 2022 in dolcezza per la lucernese Hug

La carenza di manodopera nella ristorazione fa le fortune dell’azienda che produce biscotti: vendite aumentate di 10 milioni lo scorso anno
Svizzera
10 ore

Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari

La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
11 ore

Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale

Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
13 ore

Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto

La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
14 ore

Contromano e in stato confusionale sull’A1, arrestato

Il rocambolesco fermo è avvenuto nei pressi di Neuenhof. Prima che la sua corsa finisse, il 64enne al volante ha invertito due volte la sua marcia
Svizzera
15 ore

In Svizzera si alleva sempre più pollame

Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
17 ore

Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti

Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior

In aumento i casi di maltrattamento di minori

Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
03.02.2021 - 16:47
Aggiornamento: 19:07

Procedura Dublino e diritto alla famiglia, Sem ripresa

Il Tribunale amministrativo federale contesta l’interpretazione della Segreteria di Stato della migrazione nel caso di una persona ammessa provvisoriamente.

procedura-dublino-e-diritto-alla-famiglia-sem-ripresa
Keystone
La Sem dovrà riesaminare il caso dal profilo umanitario

San Gallo – La Convenzione europea dei diritti umani esige che il diritto al rispetto della vita familiare sia esaminato nell'ambito di una procedura di Dublino. Questo principio si applica anche quando una persona è ammessa provvisoriamente in Svizzera. Lo ha stabilito una sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf), chiamato ad esprimersi sull'espulsione di una donna siriana verso la Croazia.

L'esame della sua domanda d'asilo aveva stabilito la competenza di quel paese e non della Svizzera. La donna aveva tuttavia annunciato l'intenzione di sposare un connazionale ammesso provvisoriamente in Svizzera da diversi anni.

Dopo la sua partenza, la donna si è tenuta in contatto con l'amico. Essendo incinta di diversi mesi, è poi ritornata in Svizzera per vivere con lui. Da allora, la coppia si è sposata e ha avuto un secondo figlio. La donna siriana si è sempre opposta al ritorno in Croazia, sostenendo che lei, il marito e i due figli formano una famiglia degna di protezione ai sensi dell'articolo 8 (sul diritto al rispetto della "vita privata e familiare", ndr.) della Convenzione europea dei diritti umani (Cedu).

Famiglia è famiglia, indipendentemente dal permesso

La Segretaria di Stato della migrazione (Sem) ha riconosciuto l'esistenza di una vera relazione familiare, ma ha respinto l'applicazione dell'articolo 8 della Cedu poiché il marito è stato ammesso solo provvisoriamente. Nella sua sentenza pubblicata mercoledì, il Taf respinge questa interpretazione. I giudici di San Gallo hanno infatti stabilito che una famiglia può chiedere che sia esaminato il rispetto dei diritti stabiliti nella Cedu, indipendentemente dal permesso di soggiorno della persona che vive in Svizzera.

L'articolo 8 non dà alcun diritto assoluto a risiedere insieme in Svizzera. Esige invece che la richiesta d'asilo sia trattata solo quando l'interesse della famiglia a rimanere supera l'interesse pubblico a far rispettare una decisione di trasferimento.

Nel caso specifico, il Taf ha ritenuto che la bilancia degli interessi pesava a sfavore della famiglia. Questo perché la relazione familiare è stata avviata solo dopo l'arrivo in Svizzera, quando la competenza della Croazia era già stata stabilita. L'autrice del ricorso non ha del resto rispettato il divieto di entrata in Svizzera.

Motivi umanitari

In altre parole: la coppia si è sposata e ha dato alla luce il secondo figlio, pur essendo consapevole della precarietà della sua situazione. Nella sua sentenza, il Taf ammette che la separazione della famiglia per la durata del procedimento in Croazia sarà difficile. Ma l'interesse dei bambini e la lunghezza della procedura non cambiano il fatto che la Svizzera non è obbligata ad esaminare la domanda d'asilo della madre.

L'incarto è comunque rinviato alla Sem, che nell'ambito di una procedura di Dublino dispone di un margine di valutazione che le permette di considerare una domanda d'asilo per motivi umanitari. La Corte invita quindi la Sem ad esaminare la questione da questo punto di vista.

(Sentenza E-7092/2017 del 25 gennaio 2021)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved