laRegione
Nuovo abbonamento
rinvio-richiedenti-l-asilo-malati-o-famiglie-solo-con-garanzie
Ansa
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Consiglio di sicurezza Onu, 'un seggio svizzero è un rischio'

L'ex ambasciatore alle Nazioni unite: 'Sicure le pressioni delle grandi potenze, e dibattiti virulenti interni. Situazione delicata entro 2 anni'
Svizzera
10 ore

Grave incidente stradale a Lucerna, diversi feriti

L'incidente è avvenuto verso le 17.30 sulla K10 nel tratto tra Schachen e Malters. Sono intervenute diverse ambulanze e un elicottero di soccorso
Camere federali
11 ore

Finanziamento dei partiti: l'anonimato batte la trasparenza

Controprogetto light sull'iniziativa per costringere i partiti a pubblicare il nome dei grandi donatori affossato al Consiglio Nazionale. Parla Martin Hilti
Svizzera
13 ore

Abusi sessuali nella chiesa cattolica, 36 richieste in Romandia

Presentato oggi il rapporto della commissione specializzata. Ventotto le richieste accolte, versati indennizzi per 410mila franchi.
Svizzera
14 ore

Schengen, ‘no’ alla partecipazione alla banca dati allargata

Alleanza contro natura tra Udc e Verdi al Consiglio nazionale. Preoccupazioni convergenti sui nuovi adeguamenti previsti.
Svizzera
14 ore

Presenza di sostanze tossiche vicino al Blausee

Gravi accuse dei gestori dell'allevamento ittico alle aziende che lavorano nel traforo del Lötschberg. Inoltrata denuncia contro ignoti.
Svizzera
15 ore

La maschera non frena gli acquisti

I commercianti zurighesi di ricredono sugli effetti delle protezioni da coronavirus
Svizzera
16 ore

Svizzera, i dati Covid del weekend comunicati solo il lunedì

Cambio di prassi all'Ufficio federale della sanità pubblica: 'Nel fine settimana le cifre non forniscono un quadro chiaro'
Svizzera
19 ore

Coronavirus, in Svizzera 530 casi, 18 ricoveri e 7 decessi

È da mesi che non si registravano due giorni consecutivi con così tanti morti a causa del Covid-19. Tasso tamponi/positivi del 3,4%
Svizzera
23 ore

Covid-19: vaccino facoltativo per la metà degli svizzeri

Il vaccino facoltativo è accolto bene soprattutto nella Svizzera tedesca, con il 51,2% contro il 43,9% del Ticino e della Romandia.
Svizzera
17.01.2020 - 11:040
Aggiornamento : 11:45

Rinvio richiedenti l'asilo malati o famiglie solo con garanzie

Svizzera-Italia, sentenza del Taf: solo se Roma garantisce una presa a carico adeguata è possibile il trasferimento nella vicina penisola

Famiglie di richiedenti asilo, oppure singoli individui seriamente malati, possono essere rinviate in Italia dalla Svizzera nell'ambito della procedura di Dublino solo se Roma garantisce per queste persone una presa a carico adeguata. La sentenza non può essere impugnata.

È quanto deciso dal Tribunale amministrativo federale (TAF) di San Gallo in una sentenza pubblicata oggi, basandosi sul decreto Salvini del novembre 2018. Stando a questa legge, le persone che rientrano tra i casi Dublino vengono trasferite in centri di prima accoglienza oppure centri di emergenza temporanei.

Questi richiedenti asilo, secondo la corte sangallese, non avrebbero più diritto ad essere trasferiti in un piccolo centro nell'ambito della seconda fase. In questi centri, secondo la corte, famiglie e persone con gravi problemi di salute ricevono un'assistenza adeguata.

Trasferimenti di richiedenti asilo in Italia, nell'ambito del regolamento di Dublino, sono tuttavia ancora possibili, secondo il tribunale poiché, nonostante il decreto Salvini, il sistema di accoglienza italiano non presenta criticità sistematiche. La presa a carico di base durante la procedura di asilo è infatti garantita.

Il precedente

La sentenza ricorda una vicenda risalente al 2014. Il 4 novembre di quell'anno la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo (CEDU) stabilisce che l'Italia non offre sufficienti garanzie ai richiedenti l'asilo e che la Svizzera non può quindi rinviare una famiglia di rifugiati nella Penisola, a meno di non aver ottenuto dalle autorità italiane indicazioni su come si sarebbero presi cura delle persone in questione, nel caso concreto una famiglia di afghani di 8 persone - padre e madre e sei figli - che all'epoca vivevano a Losanna.

La famiglia - allora con cinque figli - era sbarcata sulle coste calabresi nel luglio 2011, proveniente da Pakistan, Iran e Turchia. In base al Regolamento Dublino i suoi componenti furono immediatamente sottoposti a procedura di identificazione, iscritti nella banca dati Eurodac, per poi essere trasferiti in un centro di accoglienza a Bari.

Senza autorizzazione i sette lasciano però la Puglia, raggiungendo l'Austria, dove vengono nuovamente registrati in Eurodac e dove presentano domanda d'asilo, poi respinta dalle autorità di Vienna. Nel 2011 l'Austria chiede all'Italia di seguire il dossier, richiesta in seguito accolta. Nel frattempo però la famiglia si era spostata in Svizzera, dove presenta lo stesso anno istanza d'asilo.

Nel gennaio 2012 l'allora Ufficio federale della migrazione (UFM) decide di non prendere in considerazione la domanda: in base a Dublino spetta infatti all'Italia esaminare la questione. L'UFM ordina perciò il rinvio dei rifugiati nella Penisola. A questo punto, la famiglia presenta ricorso, temendo che in Italia le condizioni di vita sarebbero inadatte, soprattutto per i bambini, ottenendo ragione dalla CEDU.

L'intesa con l'Italia

In conseguenza della sentenza, lo stesso mese di novembre 2014 la Svizzera ottiene dall'Italia, nell'ambito di un accordo sottoscritto con Roma, che le autorità della penisola si sarebbero impegnate a fornire garanzie individuali per ciascun caso di rinvio, in relazione al mantenimento dell'unità familiare e all'adeguato accoglimento dei bambini.

L'intesa venne rivelata dalla televisione svizzero tedesca SRF e poi confermata dall'UFM. All'epoca, Mario Gattiker, alla testa dell'UFM poi diventata Segreteria di Stato della migrazione, aveva giudicato l'accordo semplice e pragmatico. A suo avviso l'Italia disponeva sicuramente di strutture d'accoglienza adatte.

© Regiopress, All rights reserved