verso-test-a-tappeto-e-confini-piu-monitorati
In vista lavoro in più per i laboratori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
51 min

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
2 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
2 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
6 ore

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
6 ore

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
9 ore

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
Svizzera
1 gior

Incidente mortale nel comprensorio di Zermatt

La vittima è un 46enne sciatore spagnolo. L’incidente si è verificato sul pendio a nord del Gornergrat, tra Hohtälli e Riffelberg
Svizzera
1 gior

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
Svizzera
1 gior

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
Svizzera
1 gior

Società digitale e inserimento socio-professionale, via a studio

La ricerca è avviata dalla Scuola universitaria professionale di Lavoro sociale di Friborgo
Svizzera
1 gior

I pazienti Long Covid contro Berna: non ci prende sul serio

Dure critiche a Consiglio federale e Ufsp: non quantificano le conseguenze a lungo termine e si concentrano solo sulla fase acuta
Svizzera
1 gior

Ffs, una vulnerabilità ha esposto un milione di dati SwissPass

Il problema, segnalato da uno specialista informatico, è stato immediatamente risolto senza alcun danno per i clienti
Svizzera
1 gior

Epatite E, boom anomalo a inizio 2021: occhi puntati sui maiali

Le infezioni, triplicate a inizio anno e poi tornate su livelli normali, sono state causate da un sottotipo del virus presente negli allevamenti suini
Svizzera
1 gior

Il 2 febbraio suoneranno le sirene per la prova annuale

Alle 13.30 verranno attivate le sirene per l’allarme generale, dalle 14.15 fino alle 15 sarà il turno delle sirene a valle di sbarramenti idrici
Svizzera
1 gior

Ancora basso il tasso di vaccinazioni sotto ai 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6
Svizzera
1 gior

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
24.01.2021 - 10:400
Aggiornamento : 17:16

Verso test a tappeto e confini più monitorati

Prendendo esempio dai Grigioni, il Consiglio federale discuterà mercoledì una nuova ordinanza. Si parla anche di controlli alle frontiere

Per frenare il coronavirus sono necessari più controlli alle frontiere e test regolari ai frontalieri, ma anche tamponi a tappeto nelle case di cura, a scuola e sul posto di lavoro: secondo alcuni domenicali, decisioni in questo senso potrebbero essere già prese mercoledì prossimo dal Consiglio federale. Intanto sono le formazioni politiche a spingere: in una lettera congiunta indirizzata al governo, i presidenti di tutti i grandi partiti elvetici hanno rotto un tabù e chiesto l'introduzione di un sistema di test alle frontiere e regole di quarantena più severe, secondo quanto riferisce la ‘SonntagsZeitung’. Finora solo l'Udc aveva insistito su questa strada, ma il domenicale precisa che ora anche i presidenti degli altri partiti di governo, nonché Verdi e Verdi Liberali, hanno auspicato misure più restrittive per i turisti e per chi attraversa il confine. La lettera è stata firmata dai presidenti di sei partiti: Udc, Ps, Alleanza del Centro, Plr, Verdi e Verdi Liberali.

Misure più severe alle frontiere

Coloro che desiderano entrare in Svizzera, via terra o via aerea, dovrebbero presentare il risultato di un test Pcr effettuato in precedenza o sottoporsi a un test rapido sul posto. Inoltre, sarebbe da prevedere una quarantena anche in caso di risultato negativo al tampone. Questa misura dovrebbe applicarsi ai cittadini di praticamente tutti i Paesi, sostiene il presidente dei Verdi Liberali Jürg Grossen, tra i promotori della lettera. Ciò scoraggerebbe i turisti dal venire in Svizzera per le vacanze, ma si tratta di un passo definito necessario "perché solo in questo modo possiamo proteggere la salute della popolazione e l'effetto delle nostre misure. L'esperienza delle ultime settimane lo ha dimostrato", aggiunge Grossen. L'ingresso in Svizzera per escursioni anche giornaliere – per sciare, ad esempio – sarebbe ancora possibile previa esibizione di un tampone negativo, spiega. In questo modo, sarebbe possibile evitare la presenza di superdiffusori come avvenuto recentemente a Wengen (Berna) e St. Moritz (Grigioni).

Secondo la co-presidente del Ps, Mattea Meyer, il sistema deve essere "più severo delle regole di quarantena attualmente in vigore". Per la presidente del Plr Petra Gössi "il Consiglio federale deve finalmente creare regole chiare per le persone che entrano in Svizzera". Quest'ultima rimane tuttavia dell'idea che le frontiere non debbano restare chiuse. È però importante effettuare molti più test rapidi ai confini "per la sicurezza della Svizzera e per ridurre il numero di casi".

Quarantene 'light'

Il sistema proposto nella lettera dai presidenti dei partiti prevede anche l'introduzione di una quarantena 'light' a seconda della situazione epidemiologica. "L'obbligo significa che, a parte i frontalieri e i viaggiatori d'affari giornalieri, chiunque entri in Svizzera deve mettersi in quarantena per almeno cinque giorni", precisa Grossen. Ciò vale anche per i residenti svizzeri di ritorno dall'estero. I presidenti dei partiti chiedono in questi casi una quarantena di cinque giorni, che può però essere revocata dopo un test Pcr negativo. Nel regime di quarantena light sarebbe comunque possibile uscire di casa per fare movimento, sport, o anche solo "per prendere un po' di aria fresca", ma non per fare acquisti.

Tamponi sistematici ai frontalieri

Si chiedono inoltre misure alle dogane anche per i frontalieri che ogni giorno varcano il confine per lavorare in Svizzera, specie se provenienti da aree ad alto rischio. Finora tutti i partiti nazionali, tranne l'Udc e in Ticino la Lega, hanno respinto con forza l'idea di imporre regole anche ai frontalieri: nella lettera inviata al Consiglio federale, tuttavia, i presidenti dei partiti hanno ora concordato che essi dovrebbero essere sistematicamente testati. Per Grossen "le aziende che impiegano pendolari transfrontalieri dovrebbero essere obbligate a far testare i loro dipendenti ogni tre giorni. Lo stesso dovrebbe valere per gli hotel che ospitano viaggiatori d'affari".

Test rapidi anche nelle case di cura

Secondo quanto pubblicato oggi dai domenicali ‘Le Matin Dimanche’ e ‘Sonntagsblick’, l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) starebbe studiando la possibilità di estendere l'uso dei test rapidi. In un progetto di ordinanza, l'Ufsp invita i cantoni a effettuare regolarmente dei test nelle case di cura, nelle scuole e anche nelle aziende. I costi sarebbero assunti dalla Confederazione. Il Consiglio federale potrebbe già prendere delle decisioni nel corso della prossima seduta.

Questa svolta nella strategia per affrontare la pandemia segue il modello adottato nei Grigioni, il quale effettuerà prove su larga scala – 20'000 test a settimana – già a partire da mercoledì prossimo. "Se riusciamo a testare regolarmente il 30% della popolazione mobile, saremo in grado di mantenere il tasso di positività e il valore R in modo sostenibile, anche dopo l'apertura di negozi e ristoranti", ipotizza Martin Bühler, capo dello Stato maggiore di condotta cantonale grigionese, citato sulle colonne del ‘SonntagsBlick’.

Per mesi poco considerati dal consigliere federale e "ministro" della sanità Alain Berset, i test a tappeto potrebbero dunque essere presto realtà: si tratta di un dietrofront, da parte del Consiglio federale, con l'obiettivo di uscire da questa spirale di restrizioni e confinamenti. Un cambiamento di strategia approvato anche dai cantoni, a detta del direttore della Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica, Lukas Engelberger, contattato dal domenicale zurighese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved