aperture-prudenti-udc-e-plr-delusi-gli-altri-partiti-no
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 min

Alla Confederazione restano 740'000 test Pcr scaduti

Nel marzo di un anno fa ne erano stati acquistati oltre 1 milione, per un costo complessivo di 16,7 milioni di franchi
VALLESE
42 min

Randa, trent'anni dopo la grande frana

Il Vallese ricorda i tre scoscendimenti dell'aprile 1991. Oggi il villaggio e i suoi abitanti sono protetti dalla tecnologia
Svizzera
1 ora

Coronavirus, pressing dell'Udc sul Plr per le riaperture

Marco Chiesa su Twitter: se le richieste di allentamento dell'Udc non saranno sostenute, potrebbero esserci conseguenze alle Federali del 2023
Svizzera
1 ora

Grigioni, in fiamme un capannone industriale di Maienfeld

Sul posto sono intervenuti un'ottantina di pompieri. Non dovrebbero esserci feriti. Danneggiati alcuni mezzi
Svizzera
2 ore

Raddoppiano i ragazzini aspiranti suicidi: c'entra la pandemia

Più del doppio dei tentativi di suicidio tra bimbi e adolescenti rispetto al 2019 registrati dal Kinderspital di Zurigo: la maggior parte ha meno di 12 anni.
Svizzera
3 ore

Accordo quadro: anche Cassis a Bruxelles con Parmelin

'Nessun altro consigliere federale conosce il dossier così bene come me", sostiene il ticinese in un'intervista pubblicata dal 'SonntagsBlick'.
Svizzera
17 ore

Guy Parmelin andrà a Bruxelles il 23 aprile

La Commissione europea conferma la data del vertice tra Ursula von der Leyen e il presidente della Confederazione. Missione: salvare l’accordo quadro.
Svizzera
21 ore

Covid, Fässler: "Occorre dialogo con i giovani"

Il direttore delle polizie cantonali auspica un coinvolgimento degli adolescenti nelle decisioni future relative alle restrizioni dovute al coronavirus
Svizzera
21 ore

San Gallo, brucia centro di riciclaggio a Sargans

Sul posto sono intervenuti circa 100 vigili del fuoco. Per il momento le cause del rogo non sono ancora chiare
Svizzera
22 ore

San Gallo, ieri sera niente disordini ma nuove espulsioni

Erano giunti diversi giovani da altre città. Durante i controlli sono stati sequestrati una pistola scacciacani, materiale di mascheramento e droga
Svizzera
22 ore

Uri, grande manifestazione annullata. Disordini ad Altdorf

Gli agenti hanno fatto sporadicamente uso di gas lacrimogeni e hanno controllato l'identità dei manifestanti più determinati
Svizzera
24.02.2021 - 18:340

Aperture prudenti, UDC e PLR delusi, gli altri partiti no

Marco Chiesa, presidente Udc, definisce 'un affronto' le prudenti aperture decise dal Consiglio federale. Critico anche il Plr, la sinistra sostiene le misure

L'Unione democratica di centro è delusa dalle prime prudenti aperture decise oggi dal Consiglio federale. Per il partito di Marco Chiesa si tratta di "un affronto" e la popolazione e le aziende sono le principali vittime. Critico, soprattutto nei confronti della lunga chiusura dei ristoranti, si mostra anche il PLR. Dal canto loro, gli altri partiti, in special modo quelli di sinistra, sostengono la strategia decisa dal governo.

"Il Consiglio federale continua ad essere ostinato e ignora la volontà dei Cantoni e delle commissioni parlamentari", scrive l'UDC in una nota odierna. Secondo i democentristi, la maggioranza dei Cantoni ha chiesto chiaramente ulteriori e più celeri aperture.

Sia la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale sia quella dell'economia e dei tributi degli Stati avevano proposto un'apertura delle terrazze e dei ristoranti con effetto già dal 22 marzo. Si tratta di una mera dimostrazione di forza e di vessazione del Consiglio federale. Questa decisione non si fonda su alcun dato scientifico, secondo l'UDC.

PLR: "incomprensibile" non riapertura ristoranti

Il Partito liberale radicale se la prende con la non riapertura, neppure parziale, del settore della gastronomia già a partire dal primo marzo, sebbene una maggioranza dei Cantoni l'avesse chiesta.

Il PLR esige ora un sistema di coordinamento chiaro per le prossime settimane. Chiede inoltre che i giovani di meno di 18 anni non vengano più presi in considerazione nel fissare il limite massimo di partecipanti per i raduni privati e che ogni due settimane il governo faccia un riesame delle misure. Infine è imperativo, secondo i liberali radicali, che la campagna di vaccinazione venga accelerata e che si aumenti la cadenza dei test.

Alleanza del Centro: "contenti ma..."

Reazione in chiaroscuro da parte dell'Alleanza del Centro. L'ex Partito popolare-democratico approva, da un lato, la strategia del Consiglio federale che consente i primi allentamenti dal primo marzo. Dall'altro, la formazione di Gerhard Pfister deplora il fatto che il Governo mantenga la regola di un massimo di cinque persone riunite in un luogo chiuso, a suo dire, non praticabile per le famiglie.

"Abbiamo bisogno con urgenza di maggiore coesione e di solidarietà anziché di polarizzazione e di divisione del nostro Paese, aggiunge l'Alleanza del Centro, per la quale soltanto rimanendo uniti si supererà la crisi.

PS: linea di condotta "ragionevole"

Dal canto suo, il Partito socialista si è congratulato con il Consiglio federale per essersi attenuto alla sua linea di condotta, che viene definita "ragionevole". A suo avviso, le aperture a tappe si basano su criteri scientifici.

Assieme alla campagna di vaccinazione, tale strategia di distensione offre alla popolazione una prospettiva per questa primavera e quest'estate. Le aziende beneficiano di una maggiore certezza in materia di pianificazione. Un allentamento troppo rapido metterebbe in pericolo i progressi sanitari realizzati durante le ultime settimane. Ma gli aiuti economici, aggiunge il PS, rimangono ancora insoddisfacenti.

Verdi: bene aperture "con prudenza"

I Verdi ricordano come la situazione rimanga incerta. È quindi importante che il Consiglio federale proceda ad aperture "con prudenza" e graduali.

Non deve esserci un'apertura "alla cieca" il 22 marzo e resta essenziale il fatto di aumentare il sostegno economico e di vigilare affinché l'aiuto alle persone in difficoltà giunga rapidamente in ogni cantone, sottolineano gli ecologisti.

Anche i Verdi liberali sostengono le prime caute aperture decise oggi dal Consiglio federale. Per il presidente del PVL Jürg Grossen, la strategia governativa è "sensata e ragionevole". L'esecutivo non si è lasciato influenzare da coloro che non sanno più se sono un partito al governo o all'opposizione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved