laRegione
variante-britannica-destinata-a-prevalere-in-svizzera
Keystone
Ackermann
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Il magnate Steinmetz condannato a 5 anni di carcere

Il miliardario franco-israeliano, comparso davanti al Tribunale di Ginevra, dovrà restituire anche 50 milioni di franchi
Svizzera
3 ore

Una guida alpina perde la vita sulle montagne vallesane

L'uomo aveva 56 anni e stava accompagnando due clienti in una escursione con le pelli di foca nella zona di Torgon
Svizzera
6 ore

Coronavirus, ecco le multe per chi viola l’ordinanza

Cento franchi a chi non indossa la mascherina all’interno, 300 per le infrazioni nelle stazioni sciistiche. La Confederazione finanzierà test per asintomatici.
Svizzera
8 ore

Covid: positivo il 4% delle nuove reclute e quadri

Lo rende noto oggi il Dipartimento federale della difesa (DDPS), aggiungendo che sono stati posti in isolamento per dieci giorni
Svizzera
8 ore

Sono solo 42 le reazioni avverse su 170 mila vaccinati

Lo comunica Swissmedic. Le notifiche corrispondono al profilo di rischio già noto. 5 decessi non legati al vaccino, dovuti a comuni malattie dell'età avanzata
Svizzera
10 ore

Coronavirus, in Svizzera contagi e ricoveri in lieve calo

Il tasso di positività sale leggermente mantenendosi sotto il 10%. 62 i decessi, ancora sotto quota 100 giornalieri come i ricoveri
Svizzera
10 ore

AstraZeneca, possibile approvazione nelle prossime settimane

Lo dichiara Swissmedic, precisando che però sono ancora attesi 'dati importanti'. La Svizzera ha ordinato fino a 5,3 milioni di dosi del vaccino
Svizzera
11 ore

Basilea: prosciolti attivisti clima che bloccarono entrata UBS

Gli attivisti avevano partecipato nel 2019 a un'azione del movimento Collective Climate Justice accatastando cataste di rami davanti l'ingresso della banca
Svizzera
14.01.2021 - 18:410

Variante britannica destinata a prevalere in Svizzera

Esperti e funzionari della Confederazione prevedono una rapida diffusione a breve. 160 i casi registrati finora. Finora 66mila persone sono state vaccinate.

Berna – La variante britannica del coronavirus potrebbe diventare il virus principale in Svizzera già a febbraio. E potrebbe essere responsabile di quasi tutte le infezioni entro aprile-maggio, secondo le proiezioni della task force scientifica del Consiglio federale.

Sono 2'474 i nuovi casi di coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore, secondo i dati pubblicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Sono stati segnalati altri 53 decessi e 106 pazienti sono stati ricoverati in ospedale. Il tasso di riproduzione è di 1,01. Ma sono soprattutto le nuove varianti a preoccupare gli esperti. E qui la tendenza è all’aumento, ha dichiarato in una conferenza stampa Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'Ufsp.

Attesa una crescita esponenziale

Finora sono state riscontrate 160 varianti del virus (martedì erano 127) grazie ad analisi di laboratorio, buona parte delle quali provenienti dalla Gran Bretagna (per 34 casi non è ancora chiara l'origine). Mathys si attende un incremento della variante britannica tra le nuove infezioni. Oggi questa rappresenta tra il 2% e il 4% dei campioni sequenziati in Svizzera, ha dichiarato Martin Ackermann, presidente della task force scientifica.

Per Ackermann, la pericolosità della variante britannica risiede nella velocità di trasmissione, con un raddoppio dei casi ogni settimana, come dimostra l'esperienza inglese e quanto sta accadendo per esempio in Danimarca. Se anche in Svizzera si diffonderà a questo ritmo, in febbraio i casi di virus mutato supereranno quelli del ceppo originario. I provvedimenti restrittivi adottati ieri dal Consiglio federale dovrebbero comunque consentire di arginare il fenomeno: i dati dimostrano che i Cantoni che hanno adottato le misure più severe la primavera scorsa sono quelli che hanno registrato il calo più veloce delle infezioni.

Nel Paese, intanto, sono state vaccinate sin qui 66 mila persone. Da martedì prossimo saranno disponibili cifre per l'insieme del Paese e per i singoli cantoni, ha dichiarato Nora Kronig dell'Ufsp.

Lassismo più costoso delle restrizioni

A parere di Monika Bütler, che all'interno della task force si occupa delle ripercussioni economiche della pandemia, i provvedimenti restrittivi, per quanto dolorosi, hanno pur sempre un impatto meno grave sull'economia e la società rispetto a un atteggiamento più lassista.

Bütler sostiene che nel fare un'analisi costi-benefici, bisogna considerare anche le ripercussioni sul sistema sanitario e i costi che ciò generare non solo per la cura e la riabilitazione, ma anche in caso di morte. Poiché le aziende che chiudono contribuiscono alla riduzione delle nuove infezioni, è giusto che ricevano un sostegno da parte delle autorità per evitare fallimenti e trovarsi così pronti per la ripresa. La Svizzera, vista la sua situazione finanziaria globale, può permettersi questo sforzo.

© Regiopress, All rights reserved