laRegione
coronavirus-ecco-i-consigli-per-natale-e-san-silvestro
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Falegnami, salta il contratto collettivo nazionale 2021

I sindacati: 'Palla nel campo del padronato: dovevano decidere su Ccl e prepensionamento come pacchetto unico'. I datori di lavoro: 'Non è così'
Svizzera
11 ore

Il Ppd cambia ufficialmente nome: ora è Alleanza di centro

La modifica è stata approvata da 325 voti favorevoli (57 i contrari) durante l'assemblea odierna. Approvata la fusione con il Pbd.
Svizzera
11 ore

Soldi a chi produce materiale bellico? Ecco la posta in gioco

Il 29 si vota sull’iniziativa che vuole vietarne il finanziamento. L’essenziale da sapere in una serie di domande e risposte.
imprese responsabili
15 ore

Multinazionali, ‘ovvietà’ o solitaria fuga in avanti?

Iniziativa al voto il 29. La posta in gioco spiegata in una serie di domande e risposte.
Svizzera
1 gior

Platini e Blatter ora indagati anche per truffa

Nell'ambito dell'inchiesta federale sul versamento di 2 milioni dal presidente Fifa a quello dell'Uefa
Svizzera
1 gior

Tigrè, da Svizzera 2 milioni di franchi per aiuto umanitario

Il Dipartimento degli affari esteri ha deciso lo stanziamento a sostegno delle operazioni umanitarie nella regione etiopica del Tigrè, teatro di scontri
Svizzera
1 gior

Berna stringe sui ristoranti

Da lunedi i ristoranti nel cantone della Capitale dovranno chiudere alle 21 e accogliere un massimo di 50 persone
Svizzera
1 gior

260 procedure avviate per abusi sui crediti Covid

Oltre 4'600 i casi individuati. Circa 900 i casi con irregolarità ma senza comportamenti criminali individuabili, le aziende hanno restituito il denaro.
Svizzera
1 gior

In Svizzera cala la disponibilità a vaccinarsi

Lo rivela un sondaggio dell'istituto Sotomo. Solo il 49% delle persone vuole vaccinarsi, durante la prima ondata della pandemia la percentuale era del 60%
Svizzera
20.11.2020 - 16:260
Aggiornamento : 19:43

Coronavirus, ecco i consigli per Natale e San Silvestro

‘Quarantena’ preventiva, acquisti anticipati, per la fondue un caquelon a famiglia. E le solite regole. L’Ufsp: in caso di sintomi, fate subito il test.

Il numero giornaliero di test effettuati tende a diminuire. E non va bene. L’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) corre ai ripari. Domani parte una nuova campagna informativa. Lo slogan: ‘In caso di sintomi, fate immediatamente il test!’. A breve, probabilmente, seguiranno le raccomandazioni natalizie. Ma qualche consiglio i funzionari e gli esperti della Confederazione lo danno già adesso: ridurre al minimo i contatti due settimane prima di Natale (una specie di quarantena preventiva); acquistare i regali da subito (per evitare la ressa nei giorni a ridosso del 25); e per la fondue chinoise un caquelon per famiglia, anziché uno solo per tutti gli invitati. In questo modo il rischio può essere contenuto (si badi bene: non annullato). E con le solite, dovute precauzioni (distanza, igiene delle mani e mascherina) si potrà festeggiare in piccoli gruppi (due nuclei familiari al massimo) e quindi invitare anche i nonni per Natale e San Silvestro, ha spiegato a Berna nel consueto incontro con i media Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea Città. 

Oggi l’Ufsp ha annunciato 4'946 nuove infezioni da Covid-19 nelle ultime 24 ore (290'601 in totale). I ricoveri in questo lasso di tempo sono stati 252, i decessi 111. Ieri la Confederazione aveva annunciato 5'007 contagi, 221 ricoveri e 79 decessi. Il confronto su base settimanale mostra una situazione in miglioramento dopo il peggioramento esponenziale vissuto a fine ottobre-inizio novembre. Il dato è infatti più basso di giovedì scorso, quando i contagi erano stati 6'739. La percentuale di test positivi allora era del 21,87%, oggi del 19,2%. In Ticino oggi si sono registrati 249 nuovi casi per un totale di 13'623. Il bilancio delle vittime sale a 478 (+11).

‘Prudente ottimismo’, ma il numero dei decessi è sempre ‘elevato’ 

La situazione resta «seria»; e il numero «elevato» di decessi e di pazienti ricoverati in cure intense «non mostra ancora segni di stabilizzazione», ha detto Virginie Masserey. D’altro canto, ha affermato la responsabile della sezione Controllo malattie infettive all’Ufsp, si assiste a una certa tendenza alla «diminuzione dei casi e delle ospedalizzazioni» che lascia spazio a «un po’ di prudente ottimismo». Anche il numero di morti potrebbe scendere nei prossimi giorni.

Il problema è che diminuisce anche il numero delle persone che si sottopongono al test. Eppure non è questo il momento di abbassare la guardia. Dobbiamo scoprire il maggior numero di casi possibile: per questo i test sono importanti, ha sottolineato Masserey. La regola è: nel dubbio, farsi testare; se positivi, chiudersi in casa; se negativi, meglio restare prudenti e tenere d’occhio l’evoluzione dei sintomi.

Domenica scatta una nuova campagna di sensibilizzazione dell’Ufsp. Dovrebbe spingere più persone a farsi testare in caso di sintomi da Covid-19: tosse, mal di gola, febbre, perdita del gusto e dell’odorato, dolori muscolari e al petto, ma anche vomito.

© Regiopress, All rights reserved