laRegione
coronavirus-ecco-i-consigli-per-natale-e-san-silvestro
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 min

Cure intense, Chiesa evangelica riformata è per testamento vita

La decisione esplicita di essere sottoposto a cure intense o meno in caso di carenza di posti potrebbe risolvere i problemi etici dei medici per il triage
Svizzera
48 min

8'782 contagi nel week-end in Svizzera,399 ricoveri, 195 morti

Il tasso di positività sale leggermente dal 15,7% di venerdi al 16% del week-end.
Svizzera
2 ore

'In Svizzera ci sono oltre 100mila persone da aiutare'

Caritas lancia la più grande campagna della sua storia
Svizzera
3 ore

Più affari per il commercio al dettaglio

In ottobre si registra un aumento di oltre il 2 per cento. A segnare una crescita annuale sono soprattutto i prodotti alimentari
Svizzera
13 ore

Sciare o non sciare? Sommaruga tratta con l'Italia

Germania, Francia e Roma premono per mantenere chiusi i comprensori invernali. Svizzera e Austria controcorrente
Svizzera
14 ore

Berna rimane saldamente rosso-verde, fallito assalto Plr-Udc

Lo sfidante sconfitto per la poltrona di sindaco è stato placcato dagli agenti e portato via con la forza: si rifiutava d'indossare la mascherina
Basilea Città
15 ore

Il governo di Basilea Città si sposta a destra

Nel ballottaggio, a sorpresa, Stephanie Eymann (Lpd) prende il posto della candidata verde Heidi Mück
Svizzera
17 ore

Il popolo vota sì, i cantoni no. È successo solo 10 volte

L'ultima fu nel 2013, con il decreto federale sulla politica familiare. Per trovare un'altro esempio bisogna tornare al 1994
Svizzera
19 ore

‘Qualcosa sta cambiando nel paesaggio politico svizzero’

Imprese responsabili, ‘straordinaria mobilitazione’ contro Governo, Parlamento ed Economiesuisse. L’analisi di Chantal Peyer del comitato d’iniziativa.
Svizzera
20.11.2020 - 16:260
Aggiornamento : 19:43

Coronavirus, ecco i consigli per Natale e San Silvestro

‘Quarantena’ preventiva, acquisti anticipati, per la fondue un caquelon a famiglia. E le solite regole. L’Ufsp: in caso di sintomi, fate subito il test.

Il numero giornaliero di test effettuati tende a diminuire. E non va bene. L’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) corre ai ripari. Domani parte una nuova campagna informativa. Lo slogan: ‘In caso di sintomi, fate immediatamente il test!’. A breve, probabilmente, seguiranno le raccomandazioni natalizie. Ma qualche consiglio i funzionari e gli esperti della Confederazione lo danno già adesso: ridurre al minimo i contatti due settimane prima di Natale (una specie di quarantena preventiva); acquistare i regali da subito (per evitare la ressa nei giorni a ridosso del 25); e per la fondue chinoise un caquelon per famiglia, anziché uno solo per tutti gli invitati. In questo modo il rischio può essere contenuto (si badi bene: non annullato). E con le solite, dovute precauzioni (distanza, igiene delle mani e mascherina) si potrà festeggiare in piccoli gruppi (due nuclei familiari al massimo) e quindi invitare anche i nonni per Natale e San Silvestro, ha spiegato a Berna nel consueto incontro con i media Thomas Steffen, medico cantonale di Basilea Città. 

Oggi l’Ufsp ha annunciato 4'946 nuove infezioni da Covid-19 nelle ultime 24 ore (290'601 in totale). I ricoveri in questo lasso di tempo sono stati 252, i decessi 111. Ieri la Confederazione aveva annunciato 5'007 contagi, 221 ricoveri e 79 decessi. Il confronto su base settimanale mostra una situazione in miglioramento dopo il peggioramento esponenziale vissuto a fine ottobre-inizio novembre. Il dato è infatti più basso di giovedì scorso, quando i contagi erano stati 6'739. La percentuale di test positivi allora era del 21,87%, oggi del 19,2%. In Ticino oggi si sono registrati 249 nuovi casi per un totale di 13'623. Il bilancio delle vittime sale a 478 (+11).

‘Prudente ottimismo’, ma il numero dei decessi è sempre ‘elevato’ 

La situazione resta «seria»; e il numero «elevato» di decessi e di pazienti ricoverati in cure intense «non mostra ancora segni di stabilizzazione», ha detto Virginie Masserey. D’altro canto, ha affermato la responsabile della sezione Controllo malattie infettive all’Ufsp, si assiste a una certa tendenza alla «diminuzione dei casi e delle ospedalizzazioni» che lascia spazio a «un po’ di prudente ottimismo». Anche il numero di morti potrebbe scendere nei prossimi giorni.

Il problema è che diminuisce anche il numero delle persone che si sottopongono al test. Eppure non è questo il momento di abbassare la guardia. Dobbiamo scoprire il maggior numero di casi possibile: per questo i test sono importanti, ha sottolineato Masserey. La regola è: nel dubbio, farsi testare; se positivi, chiudersi in casa; se negativi, meglio restare prudenti e tenere d’occhio l’evoluzione dei sintomi.

Domenica scatta una nuova campagna di sensibilizzazione dell’Ufsp. Dovrebbe spingere più persone a farsi testare in caso di sintomi da Covid-19: tosse, mal di gola, febbre, perdita del gusto e dell’odorato, dolori muscolari e al petto, ma anche vomito.

© Regiopress, All rights reserved