laRegione
sci-e-covid-i-grandi-impianti-svizzeri-sono-ottimisti
Nonostante tutto, le prospettive per la stagione sciistica ci sono (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
21 ore

Coronavirus e sport, incontro mercoledì a Berna

La tavola rotonda è stata convocata dalla consigliera federale Viola Amherd a seguito della nuova situazione sanitaria
Svizzera
22 ore

Covid, fioccano le misure cantonali per contenere i contagi

Cantone per Cantone ecco i giri di vite decisi oggi da diversi Esecutivi cantonali. I Grigioni riattivano lo Stato maggiore di condotta
Svizzera
23 ore

'Serve una norma per regolare l'home office'

Lo sostiene l'Unione sindacale svizzera, secondo cui nel nostro paese esistono lacune su protezione della salute e materiale d'ufficio
Svizzera
1 gior

Coronavirus, 'Se non si agisce subito, sarà il collasso'

Secondo il capo della task force federale, a questo ritmo gli ospedali saranno pieni entro inizio novembre. Kuster: 'Messi peggio di tutti i paesi vicini'
Grafici
Svizzera
1 gior

Covid, superata soglia 6'500 casi. Un tampone su 4 positivo

In Svizzera nelle ultime 24 ore si sono registrati 6'634 nuovi contagi (tasso di positività al 26,5%), 117 nuovi ricoveri e 10 decessi
Svizzera
1 gior

Escursionista muore sul Grosser Mythen

Incidente in montagna nel Canton Svitto. A perdere la vita un 69enne recuperato dalla Rega
Svizzera
1 gior

La giornata della solidarietà permette di raccogliere 4 milioni

'La popolazione ha dato prova di grande generosità' per aiutare le persone colpite dalla pandemia nei paesi più poveri
Svizzera
1 gior

Sondaggio Ssr: prossime votazioni verso un doppio sì

Al voto ci sono due iniziative popolari: per vietare il finanziamento di materiale bellico e per imprese a tutela di persone e ambiente
Svizzera
11.10.2020 - 13:110
Aggiornamento : 19:22

Sci e Covid, i grandi impianti svizzeri sono ottimisti

Tuttavia, rispetto alle scorse stagioni, ci saranno regole più severe: dall'obbligo delle mascherine alle distanze sociali da rispettare

Le grandi località sciistiche elvetiche sono ottimiste: nonostante l'aumento di casi di coronavirus, molti appassionati aspettano l'arrivo dell'inverno per tornare sugli sci. Sulle piste e nei dintorni ci saranno però regole più severe rispetto alle scorse stagioni.

L'obbligo di indossare mascherine protettive, il mantenimento della distanza e la disinfezione saranno misure precauzionali che verranno introdotte quasi ovunque.

Obbligo di mascherina a Sankt Moritz

"Stiamo pianificando un inverno con alcune novità", afferma Markus Meili, direttore degli impianti di risalita grigionesi di St. Moritz/Engadina. Per quanto riguarda gli impianti non ci sono cambiamenti rispetto alle scorse stagioni, precisa Meili, aggiungendo tuttavia che sugli impianti di risalita al chiuso - ad esempio funivie, ovovie e ferrovie di montagna - sarà in vigore l'obbligo di indossare la mascherina, mentre in coda bisognerà mantenere le distanze.

Una sciarpa tubolare a Zermatt

A Zermatt (VS), ai piedi del Cervino, saranno aperte tutte le funivie e l'ufficio del turismo ha sviluppato una speciale sciarpa tubolare che permette una protezione simile alla mascherina. "Sulle piste non cambia nulla, perché si è all'aria aperta e la distanza minima quando si scia viene comunque mantenuta", rileva Simona Altwegg di Zermatt Tourismus.

Finestre aperte nell'Oberland bernese

Anche nella regione della Jungfrau, nell'Oberland bernese, non si vedono problemi. Nei comprensori sciistici di Grindelwald, Wengen e Mürren le mascherine saranno obbligatorie sui treni e sulle gondole. Inoltre, per garantire un ricambio di aria, le finestre degli impianti di risalita potranno essere aperte quasi ovunque.

"Per gli sci-lift e le seggiovie non ci sarà l'obbligo di indossare la mascherina", spiega Kathrin Naegeli, portavoce delle Jungfraubahnen, sottolineando che le persone in questi casi si trovano all'aria aperta e il tempo di percorrenza è solitamente inferiore ai 15 minuti. Saranno invece i cantoni a determinare se in fila a tali impianti di risalita sarà necessario proteggersi bocca e naso.

E gli après-ski passano in secondo piano

E per l'après-ski? Secondo Altwegg, in Svizzera - o almeno a Zermatt - questa attività non gioca un ruolo importante. Per la maggior parte degli ospiti, l'attenzione è rivolta allo sci e alla gastronomia, aggiunge la portavoce di Zermatt Turismo. Anche per Meili l'Alta Engadina non è una località nota per l'eccessivo après-ski. È in ogni caso chiaro per tutti che non ci saranno da attendersi grandi festeggiamenti dopo le giornate di sci. Martina Bieler, portavoce di Svizzera Turismo, si attende dal canto suo un calo del numero di ospiti stranieri.

© Regiopress, All rights reserved