laRegione
sci-e-covid-i-grandi-impianti-svizzeri-sono-ottimisti
Nonostante tutto, le prospettive per la stagione sciistica ci sono (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Orario ridotto e abusi, servono verifiche più approfondite

Il Controllo federale delle finanze chiede esami più seri in quanto la procedura attuale "comporta notevoli rischi di errore, abuso e frode"
Zermatt
11 ore

Zermatt, 'Non capiamo perché l'Italia chiuda allo sci'

Franz Julen, presidente delle Zermatt-Bergbahnen: 'È più sicuro stare in montagna che in città'. La frontiera sul Plateau Rosà è 'invalicabile'
Svizzera
12 ore

Immutata la classifica dei 3 più ricchi in Svizzera

I più ricchi fra i ricchi gli eredi del fondatore di Roche, con un patrimonio di 29 miliardi di franchi e 2 miliardi guadagnati in 12 mesi
Svizzera
13 ore

Rischi di catastrofe, penuria di elettricità è il peggiore

Secondo l'analisi dell'Ufficio federale della popolazione, al black-out in inverno seguono il pericolo di una pandemia e il crollo della telefonia mobile
Svizzera
15 ore

Berset: 'Gli impianti sciistici rimarranno aperti'

Il Consigliere Federale precisa che l'apertura degli impianti rappresenta 'una grossa sfida'. E ha dichiarato che il vaccino anti Covid dovrà essere gratuito
Svizzera
15 ore

Alcool e minori, arriva l'app per controllo dell'età rapido

Si chiama Jack Id-scan, e dovrebbe risolvere il problema degli errori dovuti all'ambiente frenetico di lavoro di chi è addetto al controllo dell'identità
Svizzera
16 ore

BirdLife: la civetta è prima in classifica

L'associazione l'ha proclamata Uccello dell'anno 2021. Malgrado l'aumento di esemplari in vent'anni, però, la specie è sempre a rischio.
Svizzera
16 ore

Diga del Grimsel, il Tf dà ragione agli ambientalisti

Accolto dal Tribunale federale il ricorso contro l’innalzamento. Il sito è di importanza nazionale, il Canton Berna dovrà modificare il Piano direttore.
Svizzera
11.10.2020 - 13:110
Aggiornamento : 19:22

Sci e Covid, i grandi impianti svizzeri sono ottimisti

Tuttavia, rispetto alle scorse stagioni, ci saranno regole più severe: dall'obbligo delle mascherine alle distanze sociali da rispettare

Le grandi località sciistiche elvetiche sono ottimiste: nonostante l'aumento di casi di coronavirus, molti appassionati aspettano l'arrivo dell'inverno per tornare sugli sci. Sulle piste e nei dintorni ci saranno però regole più severe rispetto alle scorse stagioni.

L'obbligo di indossare mascherine protettive, il mantenimento della distanza e la disinfezione saranno misure precauzionali che verranno introdotte quasi ovunque.

Obbligo di mascherina a Sankt Moritz

"Stiamo pianificando un inverno con alcune novità", afferma Markus Meili, direttore degli impianti di risalita grigionesi di St. Moritz/Engadina. Per quanto riguarda gli impianti non ci sono cambiamenti rispetto alle scorse stagioni, precisa Meili, aggiungendo tuttavia che sugli impianti di risalita al chiuso - ad esempio funivie, ovovie e ferrovie di montagna - sarà in vigore l'obbligo di indossare la mascherina, mentre in coda bisognerà mantenere le distanze.

Una sciarpa tubolare a Zermatt

A Zermatt (VS), ai piedi del Cervino, saranno aperte tutte le funivie e l'ufficio del turismo ha sviluppato una speciale sciarpa tubolare che permette una protezione simile alla mascherina. "Sulle piste non cambia nulla, perché si è all'aria aperta e la distanza minima quando si scia viene comunque mantenuta", rileva Simona Altwegg di Zermatt Tourismus.

Finestre aperte nell'Oberland bernese

Anche nella regione della Jungfrau, nell'Oberland bernese, non si vedono problemi. Nei comprensori sciistici di Grindelwald, Wengen e Mürren le mascherine saranno obbligatorie sui treni e sulle gondole. Inoltre, per garantire un ricambio di aria, le finestre degli impianti di risalita potranno essere aperte quasi ovunque.

"Per gli sci-lift e le seggiovie non ci sarà l'obbligo di indossare la mascherina", spiega Kathrin Naegeli, portavoce delle Jungfraubahnen, sottolineando che le persone in questi casi si trovano all'aria aperta e il tempo di percorrenza è solitamente inferiore ai 15 minuti. Saranno invece i cantoni a determinare se in fila a tali impianti di risalita sarà necessario proteggersi bocca e naso.

E gli après-ski passano in secondo piano

E per l'après-ski? Secondo Altwegg, in Svizzera - o almeno a Zermatt - questa attività non gioca un ruolo importante. Per la maggior parte degli ospiti, l'attenzione è rivolta allo sci e alla gastronomia, aggiunge la portavoce di Zermatt Turismo. Anche per Meili l'Alta Engadina non è una località nota per l'eccessivo après-ski. È in ogni caso chiaro per tutti che non ci saranno da attendersi grandi festeggiamenti dopo le giornate di sci. Martina Bieler, portavoce di Svizzera Turismo, si attende dal canto suo un calo del numero di ospiti stranieri.

© Regiopress, All rights reserved