a-zermatt-mezz-ora-di-assembramento-agli-impianti-di-risalita
Una delle foto circolate sui social
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
11 ore

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
14 ore

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
14 ore

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
14 ore

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
18 ore

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
19 ore

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
19 ore

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Vallese
16.11.2020 - 12:150
Aggiornamento : 15:13

A Zermatt mezz'ora di assembramento agli impianti di risalita

Le foto sono circolate sui social. Il gestore chiede aiuto alla polizia. Praticamente tutti hanno rispettato l'obbligo delle mascherine

Immagini condivise sui social media mostrano folle di appassionati di sport invernali accalcati davanti agli impianti di risalita delle stazioni sciistiche durante il fine settimana appena trascorso. A Zermatt i gestori hanno chiesto man forte alla polizia comunale per garantire il rispetto delle misure di distanziamento. Non si segnalano problemi legati all'obbligo di indossare mascherine.

Folla la prima mezz'ora

Sabato mattina, quando abbiamo aperto, la prima mezz'ora c'è stata una folla di gente come al solito, ha spiegato Mathias Imoberdorf, portavoce degli impianti di risalita di Zermatt, interpellato dall'agenzia Keystone-ATS, confermando un articolo pubblicato oggi da "20 Minuten".

Durante la giornata e anche domenica gli sciatori si sono però molto ben distribuiti nel comprensorio, secondo Imoberdorf. Dato che i dipendenti degli impianti erano molto impegnati è stato chiesto il supporto alla polizia comunale, che ha garantito il rispetto delle norme di distanziamento, sia sabato che domenica.

Impossibile estendere lo spazio d'attesa

Secondo Imoberdorf, lo spazio per stare in coda alla stazione a valle degli impianti di risalita è abbastanza ristretto e non è possibile estenderlo, perché altrimenti gli sciatori si troverebbero ad aspettare in strada. Il comprensorio sciistico di Zermatt con i suoi ghiacciai è aperto tutto l'anno, ma l'inizio ufficiale della stagione invernale è previsto il 5 dicembre.

Non si registrano finora problemi con la mascherina: il 99,9% degli avventori la indossava. Nel comprensorio c'è l'obbligo di metterla su tutti gli impianto di risalita e in tutte le aree in cui è necessario fare la coda.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved