laRegione
divide-il-progetto-sui-transiti-alpini
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
23 min

L'esercito svizzero sospende i corsi di ripetizione

La decisione è stata presa per permettere alle forze armate di prepararsi a un possibile appoggio a favore delle autorità civili
Svizzera
13 ore

Riserve casse malati, Romano chiama in causa il Governo

Il consigliere nazionale del Ppd presenterà due atti parlamentari all’imminente sessione straordinaria della Camera del popolo
Svizzera
17 ore

Propaganda pro Al Qaida, condanne sospese per membri Ccis

15 e 18 mesi di carcere con la condizionale inflitti dal Tpf di Bellinzona a Nicolas Blancho e Qaasim Illi, del Consiglio centrale islamico della Svizzera.
Svizzera
17 ore

Razzismo, svizzeri non sufficientemente consapevoli

Si manifesta per lo più nella vita quotidiana, come nella ricerca di un alloggio o di un posto di lavoro. Ma la morte di George Floyd qualcosa ha mosso.
Svizzera
19 ore

'Non ci sono alternative alle misure drastiche'

La task force lancia un appello alla popolazione: 'Restate a casa, non abbiamo tempo da perdere'. Previsto il pieno dei letti in terapia intensiva fra 15 giorni
Svizzera
19 ore

La ‘base’ del Ppd vuole diventare ‘Alleanza del Centro’

Il 60% di chi ha preso parte alla votazione interna approva il cambiamento di nome. Il presidente Pfister: risultato chiaro.
Svizzera
21 ore

Uccise a coltellate un richiedente asilo, 16 anni di carcere

Condannato un 35enne che nel 2018 aveva inferto 29 coltellate a un richiedente asilo nel centro di accoglienza di Mels (SG) a seguito di litigi precedenti.
Grafica
Svizzera
22 ore

Coronavirus, in Svizzera 5'949 contagi e 167 ospedalizzazioni

Tra ieri e oggi si registrano altri 16 decessi a causa del Covid-19. Tasso di positività dei tamponi quasi al 30%
Svizzera
30.09.2020 - 21:510

Divide il progetto sui transiti alpini

Reazioni diverse nella consultazione per il testo di messa in sicurezza del traffico pesante

In futuro i camion e i pullman dovrebbero essere autorizzati a circolare sulle vie di transito attraverso le Alpi svizzere solo se dotati di moderni sistemi di assistenza alla guida. Questo requisito non è ben visto dall'Associazione svizzera dei trasportatori stradali (Astag) e dai partiti di destra.

La commissione dei trasporti del Consiglio nazionale aveva messo in consultazione fino a oggi un progetto volto a ridurre gli incidenti sugli assi di transito alpini che mette in atto un'iniziativa cantonale ticinese.

Secondo tale progetto i veicoli pesanti dovranno essere imperativamente equipaggiati con sistemi di assistenza al più tardi cinque anni dopo che tali sistemi saranno diventati obbligatori per l'omologazione o il controllo dei veicoli.

Questi strumenti all'avanguardia, che dovrebbero essere utilizzati al San Gottardo, al San Bernardino, al passo del Sempione e al Gran San Bernardo, non solo avvisano il conducente ma intervengono anche sui comandi. Possono per esempio riprendere il controllo in caso di emergenza ed evitare tamponamenti e altri incidenti.

No di Astag

L'Astag rifiuta completamente la proposta. Esigere un sistema di assistenza alla guida o vietare la circolazione a veicoli che non ne sono forniti non è sufficiente per rafforzare la sicurezza stradale sugli assi di transito, scrive in una presa di posizione. I conducenti possono per esempio disattivare la maggior parte dei sistemi di assistenza.

L'Astag ritiene che sia ben più importante adattare le strade all'aumento del traffico. La sicurezza sarà maggiormente assicurata con due tunnel a senso unico attraverso il San Gottardo. Come avviene attualmente, i requisiti tecnici per i veicoli dovrebbero continuare a essere basati sulla legislazione dell'Unione Europea (UE), come stabilito nell'accordo sui trasporti terrestri.

"Costrizione inutile"

Anche l'UDC e il PLR rifiutano il progetto. L'UDC parla di "inutile costrizione politica" sulle spalle dei commercianti elvetici. In ogni caso - ritiene - i mezzi saranno adattati in linea con gli sviluppi del mercato.

Il PLR dal canto suo, sostiene che i nuovi requisiti infliggerebbero un duro colpo agli investimenti nel parco veicoli. I due partiti continuano a sostenere che i veicoli adattati alle ultime innovazioni vengono generalmente utilizzati per il traffico internazionale.

PS: costi elevati dovuti a incidenti

Da parte loro PS, PPD e PVL sostengono il progetto che permetterebbe - secondo il PS - di ridurre il numero di morti in incidenti che coinvolgono mezzi pesanti o pullman. I costi esterni di questi incidenti sono elevati sottolineano i socialisti.

Il PS e il PVL rifiutano di concedere un periodo di attuazione più lungo per il traffico interno, come sostenuto dalla commissione del Nazionale. Tuttavia, il PS osserva che preferisce che questo periodo sia concesso al traffico locale piuttosto che restare allo status quo. Il PPD, invece condivide l'opinione della commissione su questo punto.

© Regiopress, All rights reserved