laRegione
Nuovo abbonamento
in-svizzera-una-persona-su-dodici-invecchia-sola-e-senza-figli
Gli uomini rimasti vedovi iniziano più spesso delle donne una nuova relazione (Ti-Press)
Svizzera
25.05.2020 - 08:480
Aggiornamento : 09:29

In Svizzera una persona su dodici invecchia sola e senza figli

Il fenomeno riguarda maggiormente le donne: circa la metà vive senza un partner. Il coronavirus ha messo in evidenza le difficoltà degli anziani senza familiari

In Svizzera una persona su dodici invecchia sola e senza figli. Il fenomeno riguarda maggiormente la popolazione femminile: il 43% delle donne di età compresa tra 70 e 80 anni vive senza partner, mentre per gli uomini questa percentuale è di appena il 20%. A rilevarlo è uno studio recente del Percento culturale Migros.

Una persona su cinque in Svizzera trascorre la vecchiaia senza figli e una su dodici non ha un partner. Sono queste le cifre fornite dall'Ufficio federale di statistica.

Donne anziane sole e con meno mezzi finanziari rispetto agli uomini

Nella terza età le donne sole e senza figli sono doppiamente penalizzate. Stando allo studio infatti gli uomini rimasti vedovi iniziano più spesso delle donne una nuova relazione. Inoltre sovente le donne ricevono una pensione inferiore e non possono permettersi l'assistenza di cui hanno bisogno, come ad esempio un aiuto domestico. 

Il coronavirus evidenzia le lacune dell'assistenza

La pandemia di coronavirus mette in evidenza la situazione delle persone anziane senza familiari. "Le nuove offerte di aiuto nate durante la pandemia confermano che i vicini sono in grado di garantire il sostegno necessario alle persone anziane – fa notare l'autrice dello studio Nora Meuli –. In futuro bisognerà osservare se l'aiuto fornito da vicini, amici o volontari si protrarrà anche oltre la crisi. L'idea che tutte le persone anziane possano contare sull'aiuto e l'assistenza dei familiari è ormai superata. Nel contempo, però, è impensabile fornire cure ambulatoriali senza l'assistenza gratuita da parte dei familiari. Il sistema sanitario e lo stato sociale si sono sviluppati su basi che non avrebbero potuto costruire da soli".

© Regiopress, All rights reserved