vicenda-crypto-la-seco-sporge-denuncia-contro-ignoti
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Sempre più privati richiedono l’accesso a documenti ufficiali

L’anno scorso le domande di visionare questi atti sono state 1’385, il 16% in più rispetto al 2020. Accesso completo concesso solo in 694 casi
Svizzera
1 ora

Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate

Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
Svizzera
16 ore

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
17 ore

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
18 ore

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
19 ore

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
19 ore

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
20 ore

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
20 ore

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
Svizzera
21 ore

Appello delle Ong: svolta energetica fattibile entro il 2035

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’espansione della produzione di energia solare potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità
Svizzera
21 ore

‘La lingua dei segni va riconosciuta giuridicamente’

Lo chiede una mozione approvata dal Consiglio nazionale per il riconoscimento e la promozione delle tre lingue dei segni utilizzate in Svizzera
Svizzera
22 ore

‘Siamo testimoni di un cambiamento epocale’

La guerra in Ucraina ha sconvolto sicurezza svizzera ed europea, e avrà conseguenze a lungo termine sulla politica nazionale e internazionale
01.03.2020 - 11:57
Aggiornamento: 12:22
Ats, a cura de laRegione

Vicenda Crypto, la Seco sporge denuncia contro ignoti

La Segreteria di Stato dell'economia nutre dei sospetti sui permessi di esportazione di macchine crittografiche manipolate

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ha sporto una denuncia penale contro ignoti in relazione alla vicenda della Crypto AG, l'azienda di Steinhausen (ZG) che sarebbe stata usata per decenni dai servizi segreti americani e tedeschi per spiare oltre 100 Stati. Lo rivela oggi il settimanale "Le Matin Dimanche".

L'azione giudiziaria è stata confermata dalla SECO all'agenzia Keystone-ATS. Secondo il domenicale, la SECO sospetta che l'azienda abbia ingannato le autorità sulle richieste di permessi di esportazione per le loro macchine crittografiche manipolate.

Per decenni, Crypto AG ha fornito a governi e forze amate stranieri macchinari dotati di un meccanismo che presentava alcune falle. I contenuti dei messaggi potevano dunque essere decrittati.

La SECO sostiene che non avrebbe mai rilasciato i permessi se fosse stata a conoscenza delle falle. La denuncia conto ignoti si riferisce all'articolo 14 della Legge federale sul controllo dei beni utilizzabili a fini civili e militari, dei beni militari speciali e dei beni strategici.

Secondo questo articolo, "chiunque, intenzionalmente, in una domanda fornisce indicazioni inesatte o incomplete, determinanti per il rilascio di un'autorizzazione è punito con la detenzione o con la multa sino a un milione di franchi". In casi gravi, tuttavia, la reclusione può arrivare fino a dieci anni e in via accessoria la multa fino a cinque milioni.

Al caso Crypto inizia dunque a interessarsi anche la giustizia penale. In questo ambito, infatti, l'MPC non deve chiedere l'autorizzazione per aprire un'inchiesta. In caso di spionaggio, sarebbe invece stato necessario il via libera del governo.

Il caso Crypto

La CIA e i servizi segreti tedeschi (BND) avrebbero per decenni intercettato migliaia di documenti da più di 100 Paesi utilizzando macchine crittografiche della società Crypto. A quanto risulta diversi governi si sono affidati alla società di Zugo per criptare le loro comunicazioni, ignorando che la società era di proprietà della CIA e del BND e che questi ne manipolavano la tecnologia per decodificarne le informazioni.

Stando a una recente indagine giornalistica della televisione svizzero tedesca SRF, della tv germanica ZDF e del quotidiano americano Washington Post, nel 1970 la Crypto sarebbe stata acquistata da CIA e BND attraverso una fondazione in Liechtenstein.

In tal modo gli 007 hanno potuto avere accesso ai messaggi cifrati che, tramite gli apparecchi prodotti dall'azienda, venivano scambiati fra le autorità di vari Paesi. Si parla di centinaia di migliaia di comunicazioni fra organi governativi, ambasciate e unità militari. La collaborazione con i servizi segreti, per l'azienda leader del settore, sarebbe stata anche anteriore gli anni 70. Sempre secondo le ricerche, BND ha lasciato l'operazione nel 1993, ma gli Stati Uniti hanno proseguito almeno sino al 2018.

Al momento, un solo Stato potenzialmente spiato ha ufficialmente reagito. Secondo l'inchiesta, le autorità svizzere sarebbero state al corrente dello spionaggio, anche se diversi ex consiglieri federali hanno recentemente negato.

Tra i nomi emersi c'è l'ex consigliere federale Kaspar Villiger (PLR), già a capo del dipartimento militare e delle finanze negli anni '90, nonché l'ex ministro della giustizia Arnold Koller (PPD). La "NZZ am Sonntag", basandosi su lettere del 1994, affermava settimana scorsa che anche l'allora ministro dell'economia Jean-Pascal Delamuraz e quello degli esteri, il ticinese Flavio Cotti, fossero informati della situazione.

Le inchieste

I fatti avrebbero preso il via nel 1945 e sono oggi difficili da ricostruire e da interpretare. Il 15 gennaio il Consiglio federale ha incaricato l'ex giudice federale Niklaus Oberholzer di far luce sulla vicenda. Il suo rapporto sarà presentato entro fine giugno. Il 13 febbraio la delegazione delle Commissioni di gestione del parlamento (DelCG) ha deciso di assumere la guida dell'inchiesta di Oberholzer e di avviare la sua ispezione.

Le indagini saranno così combinate all'interno dell'ispettorato DelCG per permettere un rapido chiarimento di tutti i fatti. Oberholzer ha gli stessi diritti di accedere alle informazioni che avrà la delegazione e i risultati delle sue indagini saranno presi in considerazione da quest'ultima.

Domani l'Ufficio del Consiglio nazionale deciderà in merito a un'iniziativa parlamentare socialista che chiede l'istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI). Voterà sul tema dopo un audit al quale sarà presente il cancelliere Walter Thurnherr, in rappresentanza del Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved