couchepin-e-villiger-non-sapevamo-di-crypto
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

‘Fantasy Basel’: primato di visitatori

L’edizione 2022 dell’evento è stata frequentata da 62’000 appassionati di film di genere fantastico, videogame, fumetti, cosplay e manga
Svizzera
16 ore

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
17 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
1 gior

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
1 gior

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 gior

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
1 gior

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
1 gior

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
14.02.2020 - 19:02

Couchepin e Villiger: 'Non sapevamo di Crypto'

I due ex consiglieri federali negano di essere stati al corrente della vicenda. Il Nazionale deciderà se istituire una commissione d'inchiesta il 2 marzo

Ats, a cura de laRegione

L'Ufficio del Consiglio nazionale non ha ancora deciso se sostenere o meno l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi) sulla vicenda Crypto, l'azienda di Zugo forse usata per decenni dai servizi segreti americani e tedeschi per spiare oltre 100 Stati. Lo farà soltanto il 2 marzo. Intanto gli ex consiglieri federali Pascal Couchepin e Kaspar Villiger hanno negato di essere stati al corrente della questione.$

Commissione d'inchiesta in standby

La presidente del Nazionale Isabelle Moret (Plr, Vaud) ha precisato che l'Ufficio preferisce ascoltare prima il presidente della Delegazione delle Commissioni della gestione del Parlamento (DelCG) e lo stesso Consiglio federale.

Il gruppo parlamentare del PS ha depositato un'iniziativa in favore di una Cpi. I socialisti vorrebbero in particolare scoprire chi sapeva cosa in Svizzera. Sono pure chiesti chiarimenti in merito al ruolo dell'esercito, del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc), della Polizia federale (fedpol) e di altri organi federali.

Responsabilità governativa

La commissione sarebbe chiamata anche stabilire la responsabilità del Consiglio federale. Quando è stato messo al corrente della manipolazione dei dispositivi di cifratura? Cosa sapeva all'epoca della presa in ostaggio di un ingegnere della società da parte dell'Iran nel 1992? Era a conoscenza del ritiro dei servizi segreti tedeschi dalla Crypto nel 1993 e del fatto che la Cia avesse continuato ad essere coinvolta?

L'iniziativa socialista cerca infine risposte sul controllo esercitato dal Parlamento e sulle informazioni fornite alla Delegazione delle commissioni della gestione.

Consiglieri federali informati?

Scoprire quanto sapesse esattamente della vicenda l'ex consigliere federale Kaspar Villiger è anche uno degli obiettivi dei socialisti. Chiamato in causa da alcuni documenti della Cia, l'ex ministro della difesa radicale (1989-1995), poi ministro delle finanze (fino alla fine del 2003), si è difeso nei media dall'accusa di essere stato a conoscenza dello spionaggio.

Interpellato a questo proposito da "Radio Rhône FM", l'ex consigliere federale Pascal Couchepin ha affermato oggi "a priori mi fido di Kaspar Villiger" e ha aggiunto di non ricordarsi che il caso sia mai stato sollevato in Consiglio federale durante gli undici anni in cui vi ha fatto parte (1998-2009). "Siccome ho una memoria piuttosto buona, mi ricorderei di qualcosa di così straordinario".

Decine di anni di spionaggio

La scottante vicenda è venuta alla luce martedì con le rivelazioni del programma "Rundschau" della televisione svizzerotedesca, stando alle quali la CIA e i servizi segreti tedeschi (BND) avrebbero intercettato per decenni migliaia di documenti da più di 100 Paesi utilizzando dispositivi di criptaggio della società Crypto.

Della questione si sono occupati oggi anche i tradizionali colloqui alla casa von Wattenwyl, tra una delegazione del Consiglio federale e i rappresentanti dei partiti di governo, indica la Cancelleria federale in una nota, nella quale non fornisce dettagli sul contenuto delle discussioni.

Ripercussioni per la Svizzera

La vicenda ha anche sollevato interrogativi sulla credibilità della Svizzera e della sua neutralità. Secondo l'ex ambasciatore elvetico in Iran Tim Guldimann, il lavoro della diplomazia svizzera non sarà influenzato dal caso.

Se il governo sapeva sarebbe notizia esplosiva

"La situazione potrebbe diventare più delicata se si scoprisse che il palese abuso di fiducia da parte dell'azienda nei confronti dei governi che erano suoi clienti è stato commesso con la connivenza delle autorità elvetiche", ammette Guldimann, che fra il 2015 e il 2018 è stato anche consigliere nazionale (Ps, Zurigo).

"Esplosivo sarebbe il fatto che il governo sapesse che l'impresa è stata acquistata dai servizi segreti americani e tedeschi. Ma le domande che si pongono sono prima di tutto di politica interna", aggiunge il diplomatico.

"Se il Consiglio federale non era al corrente di quanto accadeva, significa che i nostri servizi segreti, che ovviamente ne erano a conoscenza, hanno operato all'insaputa del governo. Se le autorità erano effettivamente a conoscenza fin dall'inizio degli anni Novanta - e questo è da presumere - si pone giustamente la questione del perché nessuno abbia fatto nulla. Non era nemmeno necessario rendere pubblico un intervento".

 

Leggi anche:

La Cia spiava il mondo attraverso un'impresa svizzera

Crypto, ex ambasciatore in Iran: la diplomazia svizzera non soffrirà

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved