crypto-no-alla-commissione-parlamentare-d-inchiesta
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Disoccupazione cala al 2%, minimo da oltre 20 anni

In Ticino si contano 3’879 persone senza lavoro: il tasso è del 2,3%. I dati Seco, però, non tengono conto di chi ha esaurito il diritto alle prestazioni.
Svizzera
4 ore

‘In Ucraina le infrastrutture di base sono duramente colpite’

Guerra, emergenza umanitaria, ricostruzione: intervista a Martin Schüepp, Direttore delle Operazioni del Comitato internazionale della Croce Rossa
Svizzera
18 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
18 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
22 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
23 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
1 gior

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
13.11.2020 - 19:14

Crypto, no alla commissione parlamentare d'inchiesta

Secondo l'Ufficio nazionale non darebbe alcun plusvalore rispetto al rapporto della Gestione pubblicato martedì

L'Ufficio del Consiglio nazionale ha respinto con 8 voti contro 5 due iniziative parlamentari del Ps e dei Verdi che chiedono l'istituzione di una Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi) sul caso Crypto, società finita nella bufera dopo che si è scoperto che ha contribuito a spiare numerosi Paesi per decenni. Secondo l'Ufficio, una Cpi non darebbe alcun plusvalore sul piano politico rispetto al rapporto della Delegazione delle Commissioni della gestione (DelCg) pubblicato martedì. Questo documento risponde già agli interrogativi sollevati dai due atti parlamentari.

La DelCG ha lavorato in modo rapido ed efficace ed ha avuto a disposizione tutte le informazioni necessarie, sostiene l'Ufficio. Il Consiglio federale deve ora trarre le dovute conclusioni da questa vicenda e mettere in atto i mezzi per migliorare la gestione e la sorveglianza delle attività di intelligence.

Il caso Crypto

Il caso è scoppiato a inizio anno quando una indagine giornalistica della televisione svizzero tedesca SRF, della tv germanica ZDF e del quotidiano americano Washington Post ha svelato che la Crypto sarebbe stata acquistata nel 1970 da CIA e servizi segreti tedeschi (BND) attraverso una fondazione in Liechtenstein. In seguito a tali rivelazioni, la DelCG aveva deciso di avviare una indagine.

CIA e BND avrebbero per decenni intercettato migliaia di documenti da più di 100 Paesi utilizzando macchine crittografiche della società Crypto. A quanto risulta diversi governi si sono affidati alla società di Zugo per criptare le loro comunicazioni, ignorando che la società era di proprietà della CIA e del BND e che questi ne manipolavano la tecnologia per decodificarne le informazioni.

In tal modo gli 007 hanno potuto avere accesso ai messaggi cifrati che, tramite gli apparecchi prodotti dall'azienda, venivano scambiati fra le autorità di vari Paesi. Si parla di centinaia di migliaia di comunicazioni fra organi governativi, ambasciate e unità militari. La collaborazione con i servizi segreti, per l'azienda leader del settore, sarebbe stata anche anteriore agli anni '70. Sempre secondo le ricerche, BND ha lasciato l'operazione nel 1993, ma gli Stati Uniti hanno proseguito almeno sino al 2018.

007 svizzeri al corrente dal 1993

Secondo il rapporto della DelCG, i servizi segreti svizzeri sapevano fin dal 1993 che dietro la controversa azienda Crypto vi fossero la CIA e il corrispettivo tedesco BND. Il Consiglio federale era però all'oscuro di tutto. Malgrado ciò vi è una corresponsabilità politica delle autorità svizzere per le attività dell'impresa. Per questo motivo, la Delegazione delle Commissioni della gestione ha formulato una serie di raccomandazioni.

Nel documento la delegazione definisce inoltre verosimile il fatto che in un periodo successivo al 1993 "vi sia stata una collaborazione in materia di attività informative" tra il Servizio informazioni strategico (SIS), l'organizzazione da cui è nato l'attuale il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), e questi servizi d'informazione esteri.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved