oltre-la-meta-delle-famiglie-ticinesi-vive-con-almeno-un-debito
Quando non si riesce a saldare le fatture (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini

Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
8 ore

Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento

Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
8 ore

Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos

A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
8 ore

Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera

Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
9 ore

Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio

Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
10 ore

Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima

Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
10 ore

La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere

Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
11 ore

Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato

Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
13 ore

Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera

Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
14 ore

Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese

Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
Svizzera
1 gior

Forum economico, verso un accordo sul gas tra Berna e Berlino

Wef di Davos: Svizzera e Germania vogliono aiutarsi a vicenda in caso di crisi energetiche come quella scaturita dalla guerra in Ucraina
Svizzera
1 gior

Winterthur, 18enne gravemente ferito in un’esplosione in casa

La deflagrazione potrebbe essere stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta
19.02.2020 - 06:00

Oltre la metà delle famiglie ticinesi vive con almeno un debito

Simona Bernasconi (Sos debiti): il vero problema emerge quando gli impegni finanziari si accumulano e alla fine del mese non si è in grado di pagare le spese

Arretrati e altri debiti toccano una grande fetta della popolazione. E in Ticino questo fenomeno è ancora più presente. Secondo Simona Bernasconi, responsabile dell’associazione ‘Sos debiti’, il vero problema è quando «si arriva alla fine del mese e non si è in grado di pagare tutte le proprie spese». Bisogna quindi distinguere tra obblighi finanziari, «senza banalizzarli», e sovraindebitamento.

Stando agli ultimi dati (relativi al 2017) pubblicati ieri dall’Ufficio federale di statistica (Ust), in Svizzera il 18,9% della popolazione viveva in un’economia domestica con almeno un arretrato nei 12 mesi precedenti. Si trattava in particolare di ritardi nel pagamento delle imposte o dei premi di cassa malati. In Ticino tale tasso è leggermente superiore e raggiungeva il 21,6%. Questo divario cresce però in modo più importante se si considerano le persone che vivono in una famiglia con almeno un debito: nella Confederazione ciò riguarda più di quattro persone su dieci (42,5%), mentre in Ticino ben più della metà della popolazione (56,5%). L’Ust ha considerato sette tipi di possibili impegni finanziari: oltre agli arretrati, vi è il leasing per un veicolo, debiti contratti presso la famiglia o amici, l’ipoteca sull’abitazione secondaria, fatture di carta di credito insolute, piccoli crediti o crediti al consumo e l’acquisto a rate. Ma perché in Ticino questo fenomeno è più accentuato? Secondo Bernasconi, ciò è dovuto alle condizioni del mercato del lavoro: «Oggi il posto non è più sicuro e non rende più come una volta», afferma a ‘laRegione’. A ciò va poi aggiunto che i dati dell’Ust riguardano il 2017 e nel frattempo «la situazione non è certamente migliorata».

Ad essere indebitate sono dunque «molte persone», conferma la responsabile di Sos debiti, contestualizzando però il fenomeno: «Oggi, ad esempio, chi ha i soldi per comprarsi una casa di tasca propria?». Non molti e quindi si stipula un’ipoteca. «Il problema è quando i debiti diventano talmente tanti che bisogna incastrarli uno con l’altro». In questi casi si arriva spesso a una situazione di sovraindebitamento, ovvero quando «alla fine del mese non si è in grado di pagare» tutte le fatture e le spese.

E infatti l’Ust ha anche rilevato in che misura gli obblighi finanziari colpivano un’economia domestica: a livello nazionale le famiglie con almeno due tipi di debito su sette erano il 18,4%, con tre l’8% e con quattro il 2,8%. In Ticino le percentuali sono nettamente più elevate: il 26,3% delle economie domestiche ha due tipi di debito, l’11,7% ne ha tre e il 5,9% ha un cumulo di quattro tipi di debito sui sette totali.

Ma da una situazione di sovraindebitamento si riesce a tornare indietro? «Sì», afferma soddisfatta Bernasconi, visto che l’obiettivo della sua associazione è proprio quello di aiutare le persone a farlo. «La premessa è però che ci sia un’entrata finanziaria, senza la quale non si può uscire da questa spirale. Oltre a ciò ci vuole tanta buona volontà: bisogna ‘tirare la cinghia’ e farlo richiede molto impegno, sia a livello finanziario, sia a livello emotivo». E anche la solidarietà gioca un ruolo: «Recentemente è arrivato da noi un ragazzo con il datore di lavoro disposto ad aiutarlo. A volte anche gli aiuti esterni sono dunque importanti».

Recentemente è stato pubblicato uno studio, il quale sostiene che moltissimi giovani risparmiano (cfr. ‘laRegione’ di ieri). Per Simona Bernasconi questa è sicuramente una buona notizia. Inoltre, ciò dimostra che la convinzione diffusa che i giovani siano superficiali e che non abbiano un rapporto sano con il denaro «è falsa». Ad esempio, «recentemente due giovani hanno portato i loro genitori qui da noi, chiedendo di aiutarli».

Bernasconi ricorda infine che «il problema dell’indebitamento è trasversale e tocca persone di qualsiasi età». Tuttavia, stando ai dati dell’Ust, le persone maggiormente colpite da questa problematica sono soprattutto le famiglie numerose, i disoccupati e gli stranieri con quote ben oltre il 50%. Questi ultimi sono di conseguenza anche più spesso oggetto di procedure di esecuzioni o di attestati di carenza beni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved