ULTIME NOTIZIE Svizzera
partito socialista
5 ore

Paul Rechsteiner lascia il Parlamento dopo 36 anni

Gli inizi a San Gallo e l’elezione a Berna, prima al Consiglio nazionale, dal 1986 al 2011, e poi al Consiglio degli Stati
udc
5 ore

Salzmann primo a candidarsi per il dopo-Maurer

Il senatore bernese si gioca le sue carte per diventare consigliere federale in mezzo a un mare di rinunce
Svizzera
5 ore

Vallese, sequestrato monopattino elettrico truccato

Il mezzo confiscato arrivava fino a 115 chilometri orari. Il proprietario è stato denunciato per infrazione alla legge sulla circolazione.
rapporti svizzera-ue
6 ore

‘Nessuna differenza insormontabile tra Berna e Bruxelles’

La dichiarazione congiunta dopo l’incontro a Rapperswil-Jona con i delegati della Confederazione e dell’Unione europea
Svizzera/Sahara occidentale
7 ore

La Svizzera nega il visto ai rappresentanti saharawi

I cinque componenti della società civile saharawi avrebbero dovuto testimoniare durante il 51° Consiglio dei diritti umani a Ginevra
Svizzera
9 ore

Läderach mastica amaro: sul deep web i dati rubati dagli hacker

L’azienda era stata vittima di un attacco informatico un mese fa. Afferma di non aver pagato alcun riscatto ai criminali informatici
Svizzera
11 ore

Disoccupazione? Per la Seco livelli mai così bassi

Situazione giudicata buona ma con dei lati negativi: manca infatti la manodopera qualificata e le aziende faticano a trovare personale adeguato
Svizzera
15 ore

Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino

Il tasso di iscritti negli Uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
udc
1 gior

Anche Rickli si tira fuori per il dopo-Maurer

La consigliera di Stato zurighese non si candida alla successione. Finora nessuna candidatura ufficiale
energia
1 gior

Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio

La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
1 gior

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
1 gior

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
1 gior

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
13.02.2020 - 09:19
Aggiornamento: 09:45

Caso Crypto, Dick Marty: 'Ora indaghino le Camere'

L’ex magistrato e ‘senatore’ ticinese a favore di una Commissione parlamentare d’inchiesta: 'Immagine e ruolo politico della Svizzera in pericolo'

caso-crypto-dick-marty-ora-indaghino-le-camere
Dick Marty: 'Scalfita la credibilità svizzera' (Ti-Press)

«La credibilità della Svizzera è stata scalfita». E ora è necessario «fare tutto il possibile» per ripristinarla. Secondo l’ex magistrato e ‘senatore’ ticinese Dick Marty bisogna fare «totale chiarezza» sul caso Crypto Ag, società elvetica che ha permesso ai servizi segreti statunitensi e tedeschi di spiare oltre cento Paesi per decenni. Come? «Con una Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi)», afferma a ‘laRegione’ colui che aveva, tra l’altro, denunciato la presenza in Europa di carceri segrete della Cia. Una Cpi “può interrogare testimoni, prendere visione dei verbali e dei documenti relativi alle sedute del Consiglio federale e far capo a inquirenti per l’assunzione delle prove”, si legge sul sito del parlamento. Per istituirla è necessario presentare un’iniziativa parlamentare.

E proprio ieri il gruppo alle Camere del Ps ha indicato che durante la sessione primaverile ne depositerà una sul caso di spionaggio internazionale portato definitivamente alla luce da un’inchiesta giornalistica di Srf, Zdf e ‘Washington Post’ (cfr. ‘laRegione’ di ieri). Già martedì il consigliere nazionale Balthasar Glättli (Verdi/Zh) aveva preteso una Cpi. Anche perché il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) per il momento non ha intenzione di aprire un procedimento sul caso. Aspetta infatti il rapporto dell’ex giudice federale Niklaus Oberholzer, incaricato dal Consiglio federale di fare luce sulla vicenda. Se emergeranno “aspetti penalmente rilevanti”, le autorità competenti – e quindi anche la procura federale, se gli eventuali reati sottostanno alla giurisdizione federale – “li esamineranno secondo la normale procedura”, ha indicato ieri l’Mpc in una nota scritta inviata alla ‘Regione’. Il Ministero pubblico ha anche precisato che “di regola le sole rivelazioni di stampa non bastano” per attivarsi in questo senso. Tuttavia, «l’Mpc è tenuto ad aprire un’inchiesta non appena ha notizia di un reato. E questo indipendentemente dal canale», sostiene Marty. Il Codice penale vieta ad esempio di compiere atti sul territorio svizzero per conto di uno Stato estero senza autorizzazione.

Per quanto riguarda l’inchiesta ordinata dal governo, secondo l’ex magistrato «un ex giudice è una persona privata che non ha mezzi adeguati per condurre un’indagine». Per questo motivo, «una Cpi sarebbe molto più incisiva». Si tratta di «una questione politica e quindi il parlamento deve attivarsi». Questa vicenda, infatti, «mette in pericolo l’immagine della Svizzera e il suo ruolo politico». Marty si riferisce in particolare ai «buoni uffici» che offre la Confederazione. Insomma, il suo «ruolo da mediatore». E quanto emerso non depone «a favore della nostra credibilità. Perché, se tutto ciò è vero, ci sono stati decine e decine di Paesi ingannati da un prodotto svizzero». Ricordiamo che, stando all’inchiesta giornalistica, Crypto Ag ha venduto per decenni apparecchi crittografici manipolati a oltre cento Stati, permettendo agli 007 statunitensi e tedeschi di intercettare comunicazioni criptate, a loro insaputa.

E tutto ciò approfittando anche della reputazione di Paese neutrale di cui gode – almeno finora – la Svizzera. In realtà «non siamo mai stati neutrali», afferma Marty, precisando che la Confederazione si è sempre schierata «dalla parte dell’Occidente». Tutta questa vicenda non sorprende dunque più di quel tanto l’ex ‘senatore’ che si dice comunque «scandalizzato: purtroppo, di fronte ai servizi americani abbiamo sempre avuto un atteggiamento di totale riverenza». Sempre ieri, Srf ha rivelato che la polizia federale aveva indagato su Crypto già negli anni 90. L’inchiesta era stata tuttavia archiviata. Jürg Bühler, che all’epoca diresse l’indagine e che oggi è vicecapo del Servizio informazioni della Confederazione (Sic), ha indicato alla tv svizzerotedesca che vi sono segnalazioni di servizi stranieri e protocolli di commissioni parlamentari ancora segreti, che non possono essere resi pubblici. Un dossier sul caso Crypto manca poi completamente. A Marty sembra «impossibile» che i servizi segreti elvetici non sapessero nulla e che non seguivano l’attività di Crypto. «Se non l’avessero fatto, ciò significherebbe che non erano all’altezza».

Leggi anche:

La Cia spiava il mondo attraverso un'impresa svizzera

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved