ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 min

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
2 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
16 ore

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
17 ore

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
18 ore

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
18 ore

Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata

Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
18 ore

Gatto chiuso in una gabbia ritrovato morto nell’Aare

L’animale era stato recuperato da un pescatore a Wolfwil. Sulla vicenda sta indagando la Polizia cantonale solettese
Svizzera
18 ore

Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022

L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
Svizzera
18 ore

WhatsApp, Migros e Google sono i marchi più popolari in Svizzera

Il sondaggio in base all’indicatore Brand Indicator Switzerland è fondato su criteri come la rilevanza e l’emozionalità
Svizzera
19 ore

Brucia un appartamento a Gerlafingen, un morto

A trovare il corpo senza vita dell’uomo sono stati i pompieri, una volta spente le fiamme. Precauzionalmente evacuato l’edificio
Svizzera
19 ore

L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni

L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
19 ore

Escursionista con racchette cade e muore

Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
20 ore

Si schianta contro un sottopassaggio: morto

L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
Svizzera
20 ore

Ignoti appiccano fuoco in una scuola elementare

Seri danni allo stabile di Brunnmatt, nella parte su della città di Basilea. Nessuno è rimasto ferito
12.02.2020 - 16:04
Aggiornamento: 18:14

Panne Swisscom, è stato un 'errore umano multiplo'

Trovata la ragione dell'interruzione dei servizi, ma non si capisce come possa essere accaduta. Sambo: 'Il passaggio al digitale? Non c'era alternativa'

di Luca Berti
panne-swisscom-e-stato-un-errore-umano-multiplo
Foto Ti-Press

È stato un «errore umano multiplo» durante i «lavori di manutenzione volti ad ampliare la capacità della rete» ad aver causato la seconda grande panne dei servizi di comunicazione Swisscom in meno di un mese ieri tra le 22.33 e mezzanotte e 10. A confermarlo è la portavoce della compagnia di telecomunicazioni Ivana Sambo parlando a laRegione. La panne si è gradualmente risolta quando i lavori «sono stati interrotti ed è stata ripristinata la situazione precedente».

«Stiamo ancora valutando come passa essere successo», commenta Sambo quando le chiediamo se Swisscom si possa dire preoccupata che un "errore umano" possa causare la caduta di un'intera rete nazionale di telecomunciazione per quasi due ore.

Tutti i servizi Ip in panne

Ad essere toccati sono stati tutti i servizi basati su Ip «in tutta la Svizzera». Ciò significa in pratica tutti i servizi digitali del gigante svizzero delle telecomunicazioni. Compresa la rete telefonica fissa, convertita nel corso del 2018 al digitale, con il progressivo abbandono della telefonia analogica. Parzialmente fuori servizio, come noto, anche i numeri di emergenza (112, 117, 118, 143, 144 e 147). Alcune chiamate di soccorso sono state deviate «verso destinazioni alternative predefinite» che hanno funzionato in alcuni casi e «in altri no». Un problema oggettivamente grave che si era già presentato lo scorso 17 gennaio a causa, anche in quel caso, di una panne Swisscom.

«Ci stiamo occupando immediatamente di questo aspetto con le organizzazioni che gestiscono le chiamate d'emergenza e stiamo verificando insieme a loro la loro raggiungibilità alternativa (ad esempio il cellulare)», rileva Sambo.

Se non si fosse tolto l'analogico...

La dismissione del telefono analogico (quello, per intenderci, che bastava collegare alla presa a muro e non aveva bisogno di corrente elettrica) aveva causato qualche remora due anni fa. Tra i rischi citati vi era proprio l'impossibilità di raggiungere i servizi d'emergenza. Il caso citato era però quello del blackout (i servizi telefonici digitali necessitano di un router acceso). Dopo questi due guasti, chiediamo a Sambo, vi siete pentiti della mossa? «La realtà è che la telefonia di rete fissa finora utilizzata, sviluppata oltre 100 anni fa, non era ormai più in grado di soddisfare le attuali esigenze della clientela – commenta –. Inoltre il passaggio al sistema Ip permette anche di impiegare un’unica tecnologia di trasmissione per varie funzioni: telefono, internet, dati e TV».

Sta di fatto che i servizi Ip, pur ampiamente usati per numerose funzioni, poggiano su una rete sempre più complessa e di difficile gestione... «La telefonia di rete fissa convenzionale era comunque giunta al termine naturale della sua vita: questo comportava una crescente difficoltà nel reperire gli elementi di ricambio, oltre a rendere impossibile l’impiego a medio termine di questa tecnologia».

Berna ora vuole vederci chiaro

"Sarà effettuata un'indagine approfondita delle cause", ha indicato intanto l'Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) a Keystone-ATS. In base alla legge sulle telecomunicazioni, infatti, Swisscom è tenuta a garantire l'accesso ai servizi di chiamata d'emergenza.

Di fatto, rileva Sambo, ogni azienda di telecomunicazioni «deve garantire ai propri clienti l'accesso alle centrali di chiamata d'emergenza» mentre «le organizzazioni di emergenza possono decidere autonomamente a chi affidarsi per i servizi di allacciamento».

Il guasto ha impedito alla stessa Swisscom di intervenire

«Oltre ai clienti, anche Swisscom stessa è stata colpita da questo guasto – rileva la portavoce –. Di conseguenza, non è stato possibile effettuare il controllo a distanza. Da un lato, ciò ha reso più difficile mobilitare gli specialisti disponibili e, dall'altro, ha ritardato l'analisi e l'eliminazione del guasto». Attualmente «tutti i sistemi sono sotto intenso monitoraggio. Tutti i lavori di manutenzione in corso vengono controllati e rivalutati e saranno monitorati molto attentamente durante l'implementazione».

Swisscom «si scusa formalmente per questo guasto». Per l'azienda è chiaro: «Questo non corrisponde in alcun modo agli standard che pretendiamo da noi stessi». 

Leggi anche:

Addio all'analogico, Swisscom incomincia a spegnere la rete fissa

Numeri di emergenza in panne

La panne vissuta in prima persona

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved