consiglio-federale-la-crisi-della-formula-magica
Il Consiglio federale in passeggiata scolastica lo scorso 4 luglio (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Mauro Poggia sporge denuncia dopo minacce di morte

Il consigliere di Stato ginevrino è stato attaccato verbalmente in un ristorante. Il portavoce: niente a che vedere con le restrizioni anti-Covid.
Svizzera
9 ore

Politica europea, ‘il Consiglio federale ci consulti’

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati esige un coinvolgimento formale nelle decisioni governative riguardanti l’Ue
Svizzera
9 ore

Conciliabilità famiglia-lavoro: proposto un sostegno economico

Nel confronto internazionale la Svizzera si situa tra le ultime posizioni per quanto riguarda l’accessibilità e la qualità della custodia complementare
Svizzera
10 ore

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%
Svizzera
10 ore

Il casco obbligatorio fino a 16 anni non convince la Commissione

La Ctt-S propone inoltre di respingere l’introduzione della possibilità per i veicoli a due ruote di sostare sul marciapiede
Svizzera
11 ore

La Commissione è contro la privatizzazione di Postfinance

Per la Ctt-S il disegno di legge proposto dal Consiglio federale non è soddisfacente
Svizzera
12 ore

Tante famiglie poco sopra al minimo vitale, Caritas preoccupata

L’organizzazione sottolinea come da un punto di vista statistico, tali famiglie non sono considerate come povere e per questo non ricevono aiuti
Svizzera
13 ore

Pazienti adulti e bambini promuovono gli ospedali svizzeri

Secondo un sondaggio la maggior parte dei ricoverati è contenta del soggiorno in ospedale. Elevato il grado di soddisfazione in pediatria
Svizzera
14 ore

Si è arreso ed è sceso l’uomo sulla gru a Oerlikon

Dopo esservisi arrampicato ieri sera e aver dato fuoco alla cabina, l’uomo si è convinto a scendere. Non ancora chiaro il motivo dell’azione
gallery
Svizzera
15 ore

Zurigo, sale su una gru e dà fuoco alla cabina

L’uomo si trova ancora sul macchinario. Vani i tentativi della polizia di stabilire un contatto
Svizzera
1 gior

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
1 gior

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
1 gior

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
1 gior

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
1 gior

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
1 gior

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
1 gior

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
1 gior

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
1 gior

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
1 gior

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
1 gior

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
2 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
2 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
2 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
2 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
2 gior

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
Votazioni federali
2 gior

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%
Svizzera
2 gior

Cade da una gru e muore in un cantiere a Zurigo

Ancora da chiarire le dinamiche di quanto accaduto verosimilmente nella notte ad Altstetten
L'approfondimento
07.11.2019 - 12:09
Aggiornamento : 14:13

Consiglio federale, la crisi della 'formula magica'

Dopo la storica avanzata dei Verdi la discussione su una nuova chiave di riparto è rilanciata. Il punto con Pascal Sciarini, politologo dell’Università di Ginevra.

Signor Sciarini, è anche lei tra coloro che ritengono che la formula magica sia ormai superata?

La formula magica stricto sensu, così com’è nata nel 1959 (cfr. sotto) ed è stata applicata per oltre 40 anni – 2 seggi ciascuno a Plr, Ppd e Ps, uno all’Udc – è morta già nel 2003. Si è continuato a chiamarla così, ma in realtà – con l’elezione in governo di Christoph Blocher (Udc) al posto di Ruth Metzler (Ppd) – si è passati a qualcos’altro.

L’idea alla base della formula magica era questa: integrare nell’organo esecutivo dello Stato tutti gli attori politici in grado di destabilizzare il sistema attraverso gli strumenti della democrazia diretta. Oggi invece si parla solo di numeri e di percentuali.

In effetti le discussioni sulla futura composizione del Consiglio federale, rilanciate dopo le elezioni del 20 ottobre, riguardano unicamente l’aspetto aritmetico della concordanza governativa: quale partito ha diritto a quanti seggi in funzione della sua percentuale elettorale o della sua forza all’Assemblea federale [Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, ndr]. In origine però la formula magica era molto più di una regola aritmetica: si trattava di stabilire quali fossero i partiti che, essendo rappresentati in Consiglio federale, erano pronti ad assumersi la coresponsabilità dell’azione governativa e nel contempo a ridimensionare le velleità di opposizione, evitando di ricorrere troppo spesso a referendum e iniziative popolari. Di questo aspetto politico della concordanza, tramontato al più tardi nel 2003, oggi più nessuno parla.

D’altronde il fatto di essere presente in governo non impedisce a un partito di fare come se fosse all’opposizione. L’Udc, primo partito svizzero, dopo la scoppola del 20 ottobre ha annunciato che nella prossima legislatura darà battaglia a colpi di referendum.

Già anni fa scrivevo che la concordanza è morta. Lo facevo basandomi sulle posizioni dei partiti nelle votazioni popolari: non ce n’è quasi più una nella quale almeno un partito di governo non si opponga al governo. Ripeto: l’idea originaria della concordanza governativa – della quale la formula magica era l’espressione – era che un partito di governo restasse fedele all’esecutivo, evitando di criticarlo sistematicamente nelle votazioni popolari. Questa dimensione è stata dimenticata e oggi si tollera che un partito (in particolare l’Udc e il Ps) faccia il doppio gioco tra azione di governo e opposizione.

I Verdi adesso rivendicano un seggio in Consiglio federale. A ragione?

Sono tra quelli che pensano che sarebbe prematuro accordare un seggio ai Verdi al prossimo rinnovo del Consiglio federale, l’11 dicembre. La loro traiettoria elettorale non è lineare: hanno progredito a balzi, hanno vissuto una stagnazione, sono regrediti e ora avanzano di nuovo. Non possiamo essere certi che tra quattro anni non perdano nuovamente. In Svizzera la prassi vuole che un partito confermi almeno in due elezioni successive la sua progressione prima di rivendicare un posto in Consiglio federale. Malgrado dal 1995 avesse fatto segnare una netta avanzata, l’Udc ha dovuto attendere il 2003 prima di ottenere un secondo seggio. Il Ps, nella prima metà del secolo scorso, ha aspettato ancora più a lungo. Se i Verdi tra quattro anni confermeranno il risultato del 20 ottobre, allora avranno tutte le ragioni per rivendicare un posto in governo. E se per il resto le cose resteranno come sono, logica vuole che sia il Plr – attualmente sovrarappresentato nell’esecutivo in rapporto alla sua forza elettorale – a dover cedere un seggio. In questo modo i rapporti di forza in seno al Consiglio federale tornerebbero a rispecchiare quelli attuali in Parlamento, dove Udc e Plr non hanno più la maggioranza al Nazionale.

Il geografo Michael Hermann dell’istituto Sotomo propone una ‘chiave dinamica’ per ripartire i seggi in governo. L’idea: il paesaggio partitico è diventato talmente fluido, che una nuova formula magica a lungo termine non avrebbe senso; semplicemente, le elezioni determinano i rapporti di forza in Parlamento e questi devono subito riflettersi nella composizione del governo. Cosa ne pensa? Rivedere la composizione del Consiglio federale ogni quattro anni, in funzione dei risultati elettorali dei partiti, mi pare eccessivo. L’azione governativa presuppone una certa continuità, che non si concilierebbe con la possibilità, per l’Assemblea federale, di ‘licenziare’ ogni quattro anni il Consiglio federale o singoli consiglieri federali contro la loro volontà. Tanto più che in Svizzera vige questa prassi, informale ma consolidata, che consiste nel rieleggere i consiglieri federali che si ripresentano. Le eccezioni alla regola – Ruth Metzler nel 2003, Christoph Blocher quattro anni dopo, qualche caso nel 19esimo secolo – sono veramente limitate.

La percentuale ottenuta nell’elezione del Consiglio nazionale, oppure il numero di seggi all’Assemblea federale (Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati): qual è il criterio in base al quale andrebbero ripartiti tra i partiti i seggi in Consiglio federale?

A mio avviso bisogna tenere conto delle due Camere. Perché è l’Assemblea federale che elegge il governo; e poi perché in un gioco politico basato su un bicameralismo perfetto, il Consiglio degli Stati – dove Ppd e Plr sono sempre i partiti più forti, malgrado le perdite accusate nell’elezione del Consiglio nazionale – ha esattamente le stesse prerogative della Camera del popolo.

Usciamo dall’aritmetica, e ragioniamo sul piano della concordanza politica. Che tipo di Consiglio federale possiamo immaginare? Le opzioni sono due, entrambe note. La prima: un Consiglio federale più omogeneo, nel quale figurino tutti i partiti capaci di mettersi d’accordo sui grandi temi del momento (riforme delle pensioni e dell’assicurazione malattia, politica europea, ecc.). Dovrebbe essere o un governo di centro-destra (Udc, Plr, Ppd ed eventualmente Verdi liberali), o un governo di centro-sinistra (Ppd, Plr, Ps, Verdi ed eventualmente Verdi liberali). Questa ‘piccola concordanza’ sarebbe una rivoluzione per la politica svizzera, ma non implicherebbe alcun cambiamento istituzionale. Sarebbe una ‘semplice’ decisione politica: ogni quattro anni l’Assemblea federale deciderebbe quale tipo di governo eleggere e i partiti che vi figurano dovrebbero concludere una sorta di contratto di coalizione.

L’altra opzione?

Riformare il governo, ampliandolo da 7 a 9 seggi. Un tentativo in questo senso è stato fatto anche in tempi recenti [l’iniziativa parlamentare di Isabelle Moret del Plr, naufragata in Parlamento nel 2016, ndr]. L’idea è meno ‘pesante’, politicamente parlando, della ‘piccola concordanza’. Sarebbe però necessaria una revisione della Costituzione, un processo lungo e difficile. Promettente, comunque. In primo luogo perché aumenterebbe il margine di manovra per ripartire i seggi tra i partiti, anche se poi bisognerebbe capire fino a che punto è opportuno allargare la rappresentatività del Consiglio federale, visto che già oggi a volte si fa fatica a governare con quattro partiti. In secondo luogo, un governo a 9 permetterebbe di ridisegnare i dipartimenti e, in particolare, di dividere in due quelli ‘mammouth’ (ambiente e interno): a mio avviso una riorganizzazione del genere – che includa magari anche un rafforzamento delle prerogative del presidente di turno – gioverebbe all’azione governativa.

 

La normalità (non) ritrovata dopo una ‘turbolenta fase transitoria’


10 dicembre 2003: Metzler fuori, entra Blocher (Keystone)

 La ‘formula magica’ è “la ripartizione dei seggi in Consiglio federale effettuata in base alla forza elettorale dei grandi partiti” (Dizionario storico della Svizzera). L’idea è dell’allora segretario generale del Ppd Martin Rosenberg. Siamo nel 1959: quattro consiglieri federali su sette si ritirano. Sulla base dei risultati delle elezioni per il Consiglio nazionale di quell’anno, due seggi vengono assegnati ai radicali (Plr, forza elettorale: 24%), due ai conservatori (Ppd, 23%), due ai socialisti (Ps, 26%; dopo sei anni di assenza torna in governo, dov’era entrato per la prima volta nel 1943) e uno al partito dei contadini, degli artigiani e dei borghesi (oggi Udc, 12%). Grazie alla regola del 2:2:2:1 vengono cooptati nel Consiglio federale tutti i principali attori in grado di lanciare un referendum e ostacolare così l’attività dell’esecutivo. La formula magica rispecchia la forza elettorale dei partiti – e i rapporti di forza in Parlamento – fino agli anni 90. Poi la folgorante ascesa elettorale dell’Udc rimescola le carte, senza però rimettere in discussione la logica aritmetica (due seggi ciascuno ai primi tre partiti, uno al quarto): nel 2003 l’Udc, diventato primo partito del Paese, conquista il secondo seggio (Christoph Blocher) a scapito del Ppd (Ruth Metzler), ormai retrocesso al quarto rango nella classifica dei partiti. Si apre “una turbolenta fase transitoria” (Urs Altermatt, ‘Das Bundesratslexikon’, Nzz Libro, 2019, p. 24). Nel 2007 Blocher viene estromesso; al suo posto è eletta Eveline Widmer-Schlumpf (anche lei è dell’Udc, ma poi la sua sezione verrà espulsa dal partito e lei finirà nel neonato Partito borghese democraticoPbd). L’anomalia dura due legislature. Nel 2008 Ueli Maurer (Udc) subentra a Samuel Schmid (Pbd). Infine, nel dicembre 2015, la ‘formula magica’ viene pienamente ristabilita: il Pbd ha perso forza, Widmer-Schlumpf decide di non ripresentarsi. Guy Parmelin è eletto. L’Udc, che è sempre il primo partito svizzero, ritrova il secondo seggio in governo perso otto anni prima.

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved