laRegione
Nuovo abbonamento
contro-l-allentamento-delle-misure-sull-export-delle-armi
Misure allentate per le armi? (foto: Keystone)
Svizzera
25.06.2018 - 15:270

Contro l'allentamento delle misure sull'export delle armi

Una coalizione romanda unita contro la vendita di materiale bellico ai Paesi in conflitto. Come essere coerenti con la neutralità?

Un fronte romando si è costituito a Losanna per combattere l'allentamento delle condizioni relative alle esportazioni di materiale bellico verso Paesi in preda a conflitti interni. Diversi testi sono in preparazione per chiedere al Consiglio federale di riconsiderare la questione.

"La Svizzera supererà una nuova linea rossa insanguinata", ha affermato oggi nel corso di una conferenza stampa Muriel Waeger, cosegretaria romanda del Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE). Per illustrare il punto di vista degli avversari, un gruppo di militanti ha rappresentato i consiglieri federali mentre portano casse di munizioni.

Il GSsE coordina il movimento di protesta che si sta formando nella Svizzera romanda. I partiti socialista e Verde prevedono di intervenire presso i parlamenti cantonali, com'è già stato il caso a Ginevra e in linea di massima domani nel canton Vaud. Le loro risoluzioni potrebbero ottenere l'appoggio dell'estrema sinistra, nonché i voti di singoli rappresentanti del PPD e del PLR.

"Il Consiglio federale non vede le vite umane in gioco dietro la sua decisione", secondo il cosegretario del GSsE Julien Repond. La Svizzera già esporta materiale bellico nelle zone in guerra, quali la Turchia, in "conflitto aperto" con la Siria, e l'Arabia saudita impegnata nella guerra civile in Yemen.

"Come continuare a rimanere neutrali in simili condizioni? Il ruolo della Svizzera quale mediatore è compromesso", si interroga la deputata vodese (Verdi) Léonore Porchet. Per il segretario generale dei Verdi liberali vodesi, Michael Dupertuis, "vendere materiale bellico ai paesi in guerra è irresponsabile".

L'entrata in funzione di Ignazio Cassis ha ribaltato la maggioranza in seno al Consiglio federale, ha proseguito, ricordando che il suo predecessore Didier Burkhalter era contrario ad una modifica dell'ordinanza sul materiale bellico (Omb).

Una decina di giorni fa, il Consiglio federale ha deciso di rendere più flessibile l'esportazione di materiale bellico. Dovrebbe in futuro essere possibile esportare armi e altro materiale di questo tipo verso paesi implicati in un conflitto armato interno. Tale allentamento non è sottoposto a referendum e non richiede l'approvazione delle Camere federali.
 

© Regiopress, All rights reserved