laRegione
Nuovo abbonamento
l-export-di-armi-vale-205-milioni
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

Eutanasia per il leopardo delle nevi

È stato soppresso Villy, l'esemplare di 17 anni dello zoo di Zurigo
Svizzera
16 ore

Nuove accuse a Buttet, il Ppd 'condanna qualsiasi forma di molestia'

Una politica del Plr ha denunciato 'commenti sessisti' deil sindaco di Collombey-Muraz
Svizzera
18 ore

'Gestione calamitosa della pandemia da parte del governo'

Per Didier Sornette, specialista della gestione dei rischi dell'Eth, sia in Svizzera che all'estero sono state prese misure 'esagerate'
Svizzera
19 ore

Coronavirus, in Svizzera 66 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Il totale dei casi da inizio pandemia sale così a 35'616. Restano fermi i numeri dei decessi e delle ospedalizzazioni
Svizzera
19 ore

Ricongiungimento coppie non sposate, servono le prove

I partner devono documentare di essersi incontrati in Svizzera o all'estero prima delle restrizioni d'ingresso introdotte a causa della pandemia
Svizzera
19 ore

Sagon, autopostale precipita per una quarantina di metri

L'incidente è avvenuto ieri sera attorno alle 20.10: non c'erano passeggeri a bordo, mentre l'autista è rimasto ferito
Svizzera
21 ore

Coronavirus, Spagna verso la lista nera

Presto potrebbe essere introdotto l'obbligo di quarantena per i passeggeri di rientro dalla penisola iberica
Svizzera
21 ore

Caduta mortale sul Finsteraarhorn per un alpinista tedesco

La vittima, un 52enne, era in compagnia di altri due connazionali. Ma non erano in cordata
Svizzera
22 ore

Dati sbagliati dall'Ufsp'? 'Sono cose che possono capitare'

Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità torna sulla vicenda delle cifre non corrette fornite in un primo tempo
Svizzera
23 ore

'Che il presidente del partito sia retribuito'

Lo chiede, dalle colonne del Tages-Anzeiger', il consigliere agli Stati ticinese (e candidato alla direzione dell'Udc) Marco Chiesa
Svizzera
26.07.2018 - 23:140

L’export di armi vale 205 milioni

I principali acquirenti di materiale bellico elvetico sono Germania, Stati Uniti e Danimarca

L’export svizzero di materiale bellico ha raggiunto i 205 milioni di franchi nel primo semestre di quest’anno. Sono state autorizzate esportazioni di armi anche in Paesi coinvolti nel conflitto in Yemen, ma la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) relativizza.
Le cifre pubblicate ieri dalla Seco non sono paragonabili con quelle del 2017: una portavoce ha spiegato ieri all’agenzia di notizie Keystone-Ats che sino alla fine dell’anno scorso erano utilizzati i dati delle dogane, mentre nel 2018 quelli del sistema elettronico di autorizzazione Elic, che comprende anche il valore delle riparazioni di materiale. Ad esempio, per l’Irlanda le cifre dell’Elic – che comprendono quindi anche le riesportazioni di materiale riparato – raggiungono gli 8,1 milioni di franchi, mentre i dati della dogana solamente i 58mila franchi.
In seguito alla pubblicazione dei dati della Seco, il Gruppo per una Svizzera senza esercito (Gsse) ha denunciato che le esportazioni verso i Paesi coinvolti nell’intervento militare in Yemen – come Arabia Saudita o Emirati Arabi Uniti – sono ammontate a 14,5 milioni di franchi. In un comunicato diffuso ieri ha ricordato che l’ordinanza sul materiale da guerra proibisce attualmente di vendere a uno Stato dove è in corso un conflitto interno o che sia implicato in uno internazionale.
Per quanto riguarda le esportazioni del valore di 1,9 milioni di franchi in Arabia Saudita, la portavoce della Seco ha però voluto relativizzare: si è trattato solo di pezzi di ricambio per sistemi di difesa antiaerea, e quindi di merce di carattere difensivo. Le stesse motivazioni sono state indicate per il materiale bellico del valore di 9,5 milioni esportato negli Emirati Arabi Uniti. In generale il Paese nel quale le aziende svizzere hanno esportato di più è la Germania (47,7 milioni), seguita da Stati Uniti (32,6 milioni) e Danimarca (29,3 milioni).
Il Gsse ha anche criticato la volontà del Consiglio federale di allentare le regole in materia di esportazione di armi. Nel maggio del 2015 la Confederazione ha infatti interrotto le forniture verso l’Arabia Saudita. Nell’aprile del 2016 ha comunque autorizzato alcune vendite a Paesi coinvolti nella guerra yemenita, ma solo di materiale che non lasciasse presupporre un eventuale impiego nel conflitto. Le domande accettate riguardavano sistemi per la difesa antiaerea e finalizzati alla legittima autodifesa o alla protezione di infrastrutture civili, come ad esempio gli impianti di approvvigionamento idrico.
Il governo ha però respinto tutte le richieste per beni che erano idonei a essere trasportati in un altro luogo o ad alto rischio di utilizzo nel conflitto in Yemen, come armi leggere, munizioni, granate a mano nonché accessori e pezzi di ricambio. Il tutto per un valore totale di circa 3 milioni di franchi.
Lo scorso 15 giugno il Consiglio federale ha poi deciso che in futuro sarà possibile, a determinate condizioni, esportare materiale bellico anche verso Paesi implicati in un conflitto armato interno. Un’autorizzazione verrà rilasciata solo se non vi è motivo di supporre che l’export venga poi impiegato nella guerra civile. La deroga non verrebbe però applicata agli Stati come la Siria o lo Yemen. L’esecutivo vuole inoltre che l’autorizzazione valga per due anni invece di uno e che una capacità industriale adeguata alle esigenze della difesa nazionale svizzera sia un criterio da considerare nel valutare se accordare il beneplacito per le vendite all’estero.

© Regiopress, All rights reserved