RUUD C. (NOR)
3
RUUSUVUORI E. (FIN)
0
fine
(6-3 : 6-4 : 6-2)
DJERE L. (SRB)
0
MEDVEDEV D. (RUS)
2
3 set
(3-6 : 4-6 : 1-1)
BADOSA P. (ESP)
2
JUVAN K. (SLO)
1
fine
(7-5 : 3-6 : 6-2)
KICHENOK N./OLARU R.
1
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
1
3 set
(7-6 : 4-6 : 3-4)
l-argento-di-reusser-il-legno-di-k-ng
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
tennis
28 min

Henri Laaksonen saluta il Roland Garros

Nulla da fare per l’elvetico contro il danese Rune nel secondo turno dello Slam di Parigi
CALCIO
19 ore

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
22 ore

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
1 gior

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
1 gior

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
1 gior

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
1 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
1 gior

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
1 gior

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
1 gior

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
1 gior

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
1 gior

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
1 gior

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
1 gior

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
1 gior

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CICLISMO
28.07.2021 - 15:16
Aggiornamento : 18:00

L'argento di Reusser, il legno di Küng

Dalla gioia per il secondo posto della bernese, alla delusione per il quarto del turgoviese che ha perso il bronzo della cronometro per appena 40 centesimi

Sono sempre più Giochi olimpici al femminile per la delegazione Svizzera. Dopo Nina Christen nel tiro, Jolanda Neff, Sina Frei e Linda Indergand nella mountain bike, è toccato a Marlen Reusser salire sul podio, quello della cronometro. La 30.enne bernese si è dovuta inchinare soltanto a un'inarrivabile Annemiek van Vleuten che si è rifatta dello smacco della prova in linea (argento, ma pensava di aver vinto) con una prova strepitosa. In campo maschile, il ciclismo rossocrociato, dopo quello di Nino Schurter nella mountain bike, deve invece ingoiare un altro quarto posto: Stefan Küng, infatti, non è riuscito a salire sul podio per l'inezia di 40 centesimi, con l'argento lontano appena tre secondi. Anche tra gli uomini, la cronometro ha avuto un chiaro dominatore, lo sloveno Primoz Roglic che l'ha dominata sin dal primo chilometro per chiudere con un vantaggio di 1’01” nei confronti del redivivo Tom Dumoulin e di 1'03”90 sull'australiano Rohan Dennis.

Già argento ai Mondiali 2020 di Imola, la Reusser è stata autrice di un finale sorprendente. Dopo 15 dei 22,1 km in programma, si trovava infatti solamente al quinto posto a 13” dal gradino più basso del podio. Gli ultimi 7 km li ha letteralmente divorati, per andare a mettere cinque secondi tra il suo tempo finale e quello dell'altra olandese Anna van der Breggen. È così diventata la terza atleta rossocrociata a conquistare una medaglia olimpica nella cronometro, dopo Karin Thürig (bronzo nel 2004 e nel 2008) e, ovviamente, Fabian Cancellara (oro a Pechino e a Rio). Non male per una ragazza, medico di professione, che ha staccato la prima licenza da ciclista soltanto nel 2017 e che non ha mai nascosto certe sue difficoltà tecniche... «Per esempio, nelle discese rischio di andare in panico, sfioro i miei limiti emozionali e piango. Soltanto Edi Telser sa come farmi superare questi momenti ed è per questo motivo che non voglio tenere per me la medaglia, ma offrirla a Edi».

Il tecnico italiano, che ha festeggiato la quarta medaglia in due giorni, non ci pensa nemmeno... «È vero, a velocità sostenuta, Marlen a volte non riesce a individuare il punto di frenata e quando, invece, lasciare andare per rilanciare. Ma la sua idea è completamente folle. Lei è fatta così, a volte arriva con idee che occorre correggere. Una medaglia rappresenta una conquista personale, non la si può offrire a un'altra persona. Io non l'accetterei mai, nessuno potrebbe farlo».

Nonostante il secondo posto, la gara non è stata scevra di problemi per la Reusser... «Nonostante abbia iniziato a credere di poter conquistare una medaglia soltanto nel 2019, ho imparato in fretta che la corsa perfetta non esiste. Oggi, ad esempio, avevo raggruppato i capelli sotto il casco, ma così facendo la visiera mi toccava gli occhi e mi impediva di avere una buona visuale. Per questo motivo, nel bel mezzo della gara ho strappato la visiera. Inoltre, la maglietta ha fatto quasi da paracadute, per cui a un certo punto mi sono detta che se avessi vinto una medaglia avrei dovuto ringraziare unicamente le mie gambe, in grado di sopperire a tutti gli altri inconvenienti».

‘Lo sport sa essere crudele’

La medaglia di legno fa male in ogni circostanza. Quando però arriva per uno scarto di 40 centesimi su 56 minuti di gara, allora il colpo deve essere di quelli capaci di stendere un elefante. E in questo caso, l'elefante è Stefan Küng, ritrovatosi a 40 centesimi da Dennis e a tre secondi da Dumoulin. L'oro era fuori discussione, considerata la prestazione stratosferica di Primoz Roglic. La differenza l'ha fatta l'ultimo segmento di gara, nel quale Dennis è riuscito recuperare sia su Küng, sia su Filippo Ganna, costretto ad accontentarsi del quinto posto a oltre un secondo dall'elvetico. Per il turgoviese, si tratta della seconda cocente delusione della stagione, dopo il secondo posto nella prima crono del Tour de France, a Laval, preceduto soltanto da Tadej Pogacar. «Lo sport è così: felicità o delusione. Sfortunatamente, oggi la fortuna non è stata dalla mia parte – ha affermato uno scornato Küng –. Sono stato protagonista di una bellissima prestazione, non ho nulla da rimproverarmi. È ovvio che, alla fine, ti viene da pensare ‘avrei potuto fare qualcosa di meglio lì, rosicchiare qualche metro là’, ma non serve a nulla. Resta l'amarezza e la grande delusione. Adesso continuerò a lavorare: non per guadagnare 40 centesimi, ma per essere il migliore».

A Tokyo, però, il più forte è stato senza dubbio Roglic, al comando fin dalle prime pedalate e autore dell'allungo decisivo nella prima parte di secondo giro. La cronometro lo ricompensa di quanto gli aveva tolto un anno fa, quando nella penultima tappa del Tour de France, una prova contro l'orologio, si era visto sfilare la maglia gialla dal connazionale Pogacar. E anche quest'anno la fortuna non era stata dalla sua parte, con la caduta alla Parigi-Nizza e, soprattutto, quella al Tour de France che lo aveva tolto subito dalla lotta per la generale e lo aveva in seguito costretto alla ritiro.

Se il bronzo di Rohan Dennis rientra perfettamente nella logica delle cose (argento a Londra 2012, due ori e un argento ai Mondiali), l'argento di Tom Dumoulin desta maggiore sorpresa, anche perché l'olandese a inizio anno si era preso sei mesi di pausa sabbatica per ritrovare la voglia di pedalare. Rientrato in gruppo al Tour de Suisse, non ha disputato la Grande Boucle per prepararsi in vista dei Giochi. Una scelta azzeccata.

La delusione di giornata, per contro, arriva da Wout van Aert. Il belga, considerato il favorito numero uno, ha retto soltanto nel primo terzo di gara, per poi perdere in modo graduale, fino al sesto posto finale a 1’40” da Roglic. Ha senza dubbio pagato gli sforzi profusi nella prova in linea, nella quale era stato generosissimo nel cercare di riportare il gruppetto dei migliori sulle ruote dei fuggitivi Carapaz e McNulty.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ciclismo cronometro marlen reusser stefan küng tokyo 2020

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved